ChatGPT bloccato in Italia per problemi di privacy

Condividi l'articolo

Tutti i metodi per raggirare il blocco “all’italiana” [AGGIORNAMENTO]

ChatGPT è una piattaforma di chatbot basata sull’intelligenza artificiale che consente agli utenti di interagire con un bot in tempo reale. Il bot è in grado di rispondere alle domande degli utenti in modo intelligente e di fornire informazioni pertinenti. ChatGPT è stato progettato per aiutare le aziende a fornire un servizio clienti di qualità superiore e a risparmiare tempo e denaro.

Il governo italiano ha ritenuto che la piattaforma non fosse abbastanza sicura per i dati dei clienti. ChatGPT non è dotato di un sistema di crittografia adeguato e non è in grado di proteggere i dati dei clienti da eventuali attacchi informatici. Inoltre, non è in grado di garantire la privacy dei dati dei clienti.

Di conseguenza, il governo italiano ha deciso di bannare ChatGPT Italia. Il ban è stato imposto per garantire la sicurezza dei dati dei clienti e per proteggere la loro privacy. Il governo ha anche imposto una serie di regole e linee guida per le piattaforme di chatbot, in modo da garantire che i dati dei clienti siano protetti.

Inoltre, il governo italiano ha anche imposto una serie di regole per le piattaforme di chatbot, in modo da garantire che i dati dei clienti siano protetti. Queste regole includono l’obbligo di fornire un sistema di crittografia adeguato, l’obbligo di fornire un sistema di autenticazione forte e l’obbligo di fornire un sistema di monitoraggio dei dati.

Leggi anche:

Il nostro governo quindi, ha deciso di bannare ChatGPT Italia per garantire la sicurezza dei dati dei clienti e per proteggere la loro privacy. Il ban è stato imposto per garantire che le piattaforme di chatbot siano sicure e che i dati dei clienti siano protetti.

Cosa cambierà ora? [AGGIORNAMENTO]

Le nostre aspettative non sono andate molto lontano dal previsto. Il blocco di ChatGPT in Italia è raggirabile tramite VPN ma non cambiando i DNS. Ciò significa che basta un’estensione o un’app VPN con provider americano per poter avere accesso al chatbot.

Dal sito chat.openai.com/chat

La soluzione

ChatGPT è quindi inutilizzabile? Per fortuna no!

Il chatbot di OpenAI è ancora accessibile utilizzando una VPN americana. Su browser poi installare Hola VPN oppure TouchVPN (vedi guida) o l’ottima Proton VPN che tra l’altro, è disponbile anche per iPhone e iPad. Su Android puoi installare l’app HOT VPN disponibile nel Play Store o una delle tante applicazione che trovi nel Web.

Una volta installata l’app o l’estensione per browser, avviala e connettiti con un server “America“. Entra nel sito chat.openai.com/chat e vedrai che ora funziona a meraviglia sia da PC che da smartphone.

L’alternativa infallibile

Il chatbot di OpenAI funziona perfettamente su Telegram, dove lui stesso, alla domanda “come mai riesci a funzionare nonostante il blocco?”, mi ha risposto così:

“Come assistente virtuale, non ho accesso alle informazioni sulla ragione per cui chatgpt è stato bloccato. Tuttavia, posso supporre che ci siano differenze nella tecnologia e nei protocolli di sicurezza utilizzati da noi e da chatgpt. Inoltre, come assistente virtuale, sto operando all’interno di un ambiente controllato e sicuro, che potrebbe essere diverso da quello di chatgpt”.

I migliori bot Telegram per utilizzare ChatGPT

Per saperne di più sui bot di Telegram per accedere a ChatGPT e a tutti gli altri chatbot più comuni, ti rimando alla lettura di questo articolo.

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa improvvisa decisione del governo italiano di bloccare ChatGPT? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: