Quantcast
News

Nonostante il blocco, i russi piratano la Premier League

Condividi l'articolo

L’invasione russa dell’Ucraina a febbraio 2022 ha innescato l’uscita dei detentori dei diritti occidentali dalla Russia. Per la Premier League inglese, l’accordo da 43 milioni di sterline con Match TV è stato sospeso, ma i russi non hanno perso tempo a esplorare altre opzioni.

Servizi IPTV pirata, portali di streaming online e flussi di scommesse sportive hanno riempito il vuoto. Anche le presentazioni in alta definizione sul social network VK hanno riscosso successo, complete di team di commentatori locali e grafica personalizzata.

La popolarità globale della Premier League indica un enorme potenziale di crescita, almeno quando si riescono a superare le complicazioni locali.

La Premier League ha la reputazione di affrontare le sfide a testa alta, ma dopo essere entrata nel mercato russo e aver firmato un accordo sui diritti TV del valore di 43 milioni di sterline, un’invasione dell’Ucraina difficilmente poteva essere prevista. La Premier League ha condannato la violenza e ha annunciato una donazione di 1 milione di sterline al Disasters Emergency Committee per fornire aiuti umanitari direttamente a chi ne ha bisogno.

Ad ogni modo, l’accordo con Match TV, emittente di proprietà di Gazprom Media, a sua volta controllata da Gazprombank, non poteva che scontrarsi con le sanzioni. Anche l’accordo con la piattaforma over-the-top Okko Sport, di proprietà di Rambler, a sua volta controllata dalla banca statale Sberbank, è saltato.

La partita continua

Senza l’accesso legale alle partite di Premier League, il panico tra i tifosi è stato minimo. Sebbene la situazione della pirateria in Russia sia migliorata notevolmente nell’ultimo decennio, nessun contenuto è immune alla pirateria; si tratta semplicemente di scegliere un nuovo fornitore e decidere se il contenuto debba essere ridicolmente economico o completamente gratuito.

Un’interessante intervista pubblicata questa settimana dal notiziario locale Vedomosti racconta la rinascita di Sportscast, un gruppo che ha iniziato a trasmettere illegalmente l’NBA nel 2016 utilizzando i propri commentatori russi, ma che da allora ha radunato un team di 50 persone, che copre Premier League, NHL, tennis e Formula 1.

Sportscast gestisce un proprio sito web, ma ha una presenza importante anche sul social network VK. Su VK Video, il gruppo archivia le partite in modo da poterle vedere on demand. Il video più recente, la sconfitta per 4-1 dell’Aston Villa contro il Manchester City di ieri sera, ha attualmente quasi 49.000 visualizzazioni.

Leggi anche:

Anton Kuzmichev, responsabile di Sportcast, ha dichiarato a Vedomosti di non sentirsi in colpa nel mostrare le partite di Premier League; non appena il campionato tornerà in Russia, Sportcast interromperà le sue trasmissioni per motivi legali.

“Ho una laurea in Giurisprudenza e posso affermare con certezza che non stiamo violando alcuna legge russa”, ha detto Kuzmichev.

Si ritiene che, poiché l’accordo di trasmissione tra la Premier League e Match TV non è in vigore, nessuno ha una licenza per mostrare le partite di Premier League in Russia, quindi, in teoria, nessuno può intentare una causa.

Le partite della Liga spagnola non vengono mostrate per il motivo opposto; apparentemente felice di accumulare rubli, l’accordo di LaLiga con Okko rimane in vigore, il che significa che se la società presenta una denuncia in Russia, i pirati potrebbero vedersi bloccati i siti web.

Piratare i pirati

Dietro le quinte di queste trasmissioni pirata, mantenere i costi sotto controllo è un obiettivo fondamentale. I flussi delle partite provengono da altri pirati, con 3 dollari sufficienti per acquistare un pacchetto IPTV per un mese con commento delle partite in portoghese (molto probabilmente dal Brasile), polacco o arabo (fonti abituali). Come previsto, i flussi possono interrompersi a volte, ma a giudicare dai video di replay caricati come parte del servizio VOD di Sportcast, la qualità è davvero ottima.

I commentatori lavorano da casa utilizzando OBS Studio, aggiungendo la propria grafica, sopprimendo il commento originale, prima di aggiungere il proprio tramite un microfono da 50 dollari. Tramite un modello a donazioni, possono guadagnare tra i 30 e i 45 dollari a partita, ma alcuni vedono l’attività come un trampolino di lancio verso obiettivi più alti.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 205 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x