Realizzato un nuovo strumento per individuare i deepfake

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Lo strumento funziona mappando ogni faccia. Quindi esamina gli occhi, seguiti dai bulbi oculari e infine la luce riflessa in ciascun bulbo oculare.

San Francisco Un team di ricercatori ha sviluppato uno strumento che identifica automaticamente le foto deepfake analizzando i riflessi della luce negli occhi.

Lo strumento si è dimostrato efficace al 94% negli esperimenti descritti in un documento accettato alla Conferenza internazionale IEEE sull’acustica, il parlato e l’elaborazione del segnale.

“La cornea è quasi come una semisfera perfetta ed è molto riflettente”, ha detto l’autore principale, Siwei Lyu dell’Università di Buffalo.

“Quindi, tutto ciò che arriva agli occhi con una luce che emette da quelle sorgenti avrà un’immagine sulla cornea. I due occhi dovrebbero avere schemi riflettenti molto simili perché vedono la stessa cosa. È qualcosa che di solito non facciamo. “Di solito ci accorgiamo quando guardiamo una faccia”, ha aggiunto Lyu.

Leggi anche:

Per lo studio, il team di ricerca ha ottenuto immagini reali da Flickr Faces-HQ, nonché immagini false da un archivio di volti generati dall’intelligenza artificiale che sembrano realistici ma in realtà sono falsi.

Tutte le immagini erano simili a un ritratto (persone reali e persone false che guardavano direttamente nella fotocamera con una buona illuminazione) e 1.024 per 1.024 pixel.

Lo strumento funziona mappando ogni faccia. Quindi esamina gli occhi, seguiti dai bulbi oculari e infine la luce riflessa in ciascun bulbo oculare.

Confronta con dettagli incredibili le potenziali differenze di forma, intensità della luce e altre caratteristiche della luce riflessa, ha affermato il team.

Leggi anche:
Sebbene promettente, la tecnica ha dei limiti.

Per prima cosa, hai bisogno di una fonte di luce riflessa. Inoltre, i riflessi di luce degli occhi non corrispondenti possono essere risolti durante la modifica dell’immagine, ha detto il team.

Inoltre, la tecnica guarda solo i singoli pixel riflessi negli occhi, non la forma dell’occhio, le forme all’interno degli occhi o la natura di ciò che si riflette negli occhi, hanno aggiunto.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi del deepfake? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x