Facebook mostra ancora notevoli problemi di privacy

Condividi l'articolo

Il colosso dei social media ammette di non poter tenere traccia dei dati che raccoglie sugli utenti.

Facebook ha riconosciuto che anche i suoi stessi ingegneri della privacy faticano a capire come i dati personali degli utenti vengono elaborati e archiviati in un documento trapelato di recente pubblicato mercoledì dall’agenzia di stampa Motherboard.

Abbiamo costruito sistemi con bordi aperti, si lamenta il documento, apparentemente scritto da ingegneri della privacy che lavorano nel team Ad and Business Product, paragonando i sistemi di gestione dei dati della piattaforma a una bottiglia d’inchiostro composta da diversi tipi di informazioni sull’utente.Versi quell’inchiostro in un lago d’acqua (i nostri sistemi di dati aperti; la nostra cultura aperta)… e scorre… ovunque, spiega il team. 

“Come rimetti quell’inchiostro nella bottiglia? Come lo organizzi di nuovo, in modo che scorra solo nei luoghi consentiti nel lago?” ha chiesto il team, descrivendo l’enigma come un problemafondamentale per Facebook.

Non possiamo apportare con sicurezza modifiche alle politiche controllate o impegni esterni come ‘non utilizzeremo i dati X per lo scopo Y’. Eppure, questo è esattamente ciò che le autorità di regolamentazione si aspettano che facciamo”, continua il documento, scritto nel 2021. Il modello dovrebbe essere “al centro della strategia di monetizzazione [di Facebook] e [agire come] il motore che alimenta la crescita di Facebook”, ma i dipendenti dell’azienda faticano chiaramente a comprendere i concetti di base alla base di tale strategia.

Leggi anche:

La questione, denominatadata lignaggio, è al centro dei recenti sviluppi legali in diversi paesi per quanto riguarda l’utilizzo dei dati dei social media. Se Facebook raccoglie il numero di telefono di un utente allo scopo dichiarato di proteggere l’account dell’individuo con l’autenticazione a due fattori, ad esempio, è illegale fornirlo alla funzionepersone che potresti conoscere della piattaforma ai sensi della legge sul regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE del 2018. Il blog tecnologico Gizmodo ha sorpreso Facebook a farlo poco dopo l’approvazione della legge e la piattaforma ha dovuto interrompere la pratica.

Poiché i governi, tra cui l’UE, l’India e gli Stati Uniti, approvano normative sempre più rigorose volte a controllare la voce sui social media, l’incapacità dei dipendenti di Facebook di gestire o addirittura capire come le loro piattaforme gestiscono i dati degli utenti sta diventando un problema sempre più serio.

Il documento trapelato ottenuto da Motherboard suggerisce che i dipendenti potrebbero non essere nemmeno in grado di limitare l’uso dei dati personali, a causa dell’enorme volume di informazioni raccolte su base giornaliera.

Mentre un portavoce di Facebook ha negato che il documento costituisse una prova che non era conforme alle normative sulla privacy, un dipendente che ha parlato con l’outlet a condizione di anonimato ha sostenuto che, semmai, la condanna del giornale dell’ignoranza di Facebook non è andata abbastanza lontano. Facebook ha un’idea generale di quanti bit di dati sono archiviati nei suoi data center. La parte in cui [i dati] vanno a finire è, in generale, uno spettacolo di merda completo, ha detto il dipendente a Vice in una chat online, suggerendo di aver fornito a Facebook copertura legale a causa di quanto costerebbe all’azienda sistemare questo pasticcio.

Leggi anche:

“Dà loro la scusa per mantenere così tanti dati privati ​​semplicemente perché alla loro scala e con il loro modello di business e la progettazione dell’infrastruttura possono plausibilmente affermare di non sapere cosa hanno, ha spiegato il dipendente.

Johnny Ryan, attivista per la privacy e membro senior dell’Irish Council for Civil Liberties, ha detto a Motherboard che il documento ammette ciò che sospettavamo da tempo: che all’interno di Facebook ci sono dati gratuiti per tutti e che la società non ha alcun controllo sui dati Tiene.”

“È un riconoscimento in bianco e nero dell’assenza di qualsiasi protezione dei dati. Facebook spiega in dettaglio come infrange ogni principio della legge sulla protezione dei dati. Tutto ciò che fa ai nostri dati è illegale. Non ti è permesso avere dati interni gratuiti per tutti “, ha insistito Ryan.

Il documento avverte che sarà necessario un investimento pluriennale in Ads e nei nostri team infrastrutturali al fine di ottenere il controllo su come i nostri sistemi acquisiscono, elaborano ed egestiscono i dati al fine di rendere la piattaforma conforme all’attuale clima normativo, avvertendo che le restrizioni sull’uso dei dati privati ​​delle persone continueranno ad espandersi in tutto il mondo mentre ci spostiamo verso il consenso.

“Siamo di fronte a uno tsunami di regolamenti in entrata che portano tutti una grande incertezza”.

La notizia in realtà non sconvolge più nessuno. È da quando è nato il social network che la nostra privacy è stata messa in discussione. Il problema siamo sempre stati noi che abbiamo accettato di pubblicare ogni istante della nostra vita su queste dannate piattaforme. Chi è causa del suo mal…

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Utilizzi ancora il social network Facebook? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x