I droni anti-satellite potrebbero scaturire una “guerra spaziale”

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Russia e Cina fanno straordinari progressi negli sciami di droni anti-satellite e armi laser per vincere la guerra spaziale

Mentre il Pentagono e il resto dell’amministrazione di Biden rimangono concentrati sul mettere i transgender in uniforme e trovare modi per garantire che le donne vere abbiano accesso all’aborto, c’è chi sta sviluppando e costruendo armi altamente sofisticate per dominare e vincere una futura guerra nello spazio.

Secondo un rapporto di Strange Sounds, gli scienziati cinesi hanno recentemente annunciato che l’esercito del paese è ora in grado di lanciare centinaia di mini-satelliti soprannominati “CubeSats” da una grande nave madre spaziale – per così dire – e controllarli con velocità una velocità e precisione mai vista.

Con un peso di poco di poco meno di 1 kg, i minuscoli dispositivi sarebbero così complessi che possono essere controllati solo dall’intelligenza artificiale, su cui la Cina ha lavorato per perfezionare per anni.

Una delle missioni dei CubeSat sarebbe quella di sciamare e quindi distruggere uno o più satelliti nemici, come quelli che controllano le comunicazioni per applicazioni sia civili che militari. Ciò includerebbe le reti di comunicazione supersegrete dell’esercito americano.

Il rapporto aggiunge:

“Secondo i ricercatori, la complessità di una battaglia spaziale su larga scala sarebbe così immensa da essere al di là del cervello umano e persino al di là di alcuni potenti algoritmi. Lo studio, pubblicato sulla rivista peer-reviewed Chinese Space Science and Technology, ha affermato che sbloccare l’IA giusta per controllare la scheda madre e i CubeSat avrebbe “un forte valore economico e militare”. Arriva quando la Cina sostiene che i satelliti SpaceX di Elon Musk si sono avvicinati “pericolosamente” alla loro nuova stazione spaziale due volte l’anno scorso e hanno minacciato di abbatterli. Mesi dopo, i satelliti cinesi e statunitensi hanno giocato a ‘gatto e topo in orbita geostazionaria’”.

Lo scienziato cinese Zhang Jin, che ha diretto la ricerca sugli sciami di satelliti, ha affermato che i dispositivi potrebbero anche essere schierati per pattugliare e difendersi da attacchi simili delle forze spaziali nemiche impiegando un sofisticato algoritmo di intelligenza artificiale che informa i droni quando e come devono attaccare.

Leggi anche:

I ricercatori hanno descritto questa come la strategia della “ricerca avida a più round”, che richiede di istruire fino a quattro schede madri per attaccare fino a nove obiettivi nemici in meno di un giorno.

Quando è stato testato, l’algoritmo ha dimostrato di poter istruire i CubeSat a distruggere i bersagli nemici in appena quattro minuti, il che era 227 volte più veloce di un algoritmo generico che impiegava più di tre ore. Quindi chiaramente, usando l’IA cinese, non ci sarebbe praticamente alcun preavviso per i monitor spaziali nemici.

L’algoritmo è molto efficiente. È in grado di pianificare percorsi che richiedono la minor quantità di energia e carburante, quindi gli sciami possono rimanere schierati per il combattimento molto più a lungo.

“In futuro, aggiungeremo casualità alla strategia di ricerca per superare i limiti dell’algoritmo avido e ottenere risultati ottimali globali”, ha affermato Zhang, secondo Strange Sounds.

Nel rapporto è scritto: “Pechino ha investito molto nella guerra dei droni negli ultimi dieci anni poiché il regime mira a raggiungere il suo obiettivo di parità militare con gli Stati Uniti entro il 2049”.

“Se aspettiamo 10 o più anni prima di assistere a un grande conflitto, la portata e la portata dei droni cambieranno molto”, ha detto al Sun l’ex marine statunitense Brendan Mulvaney.

“Potresti avere munizioni efficaci e più grandi che escono dai droni, ma i droni più piccoli potrebbero essere armati al punto da avere questa mescolanza di un’arma autonoma a lungo raggio. Pensiamo spesso ai droni aeronautici, ma c’è un’intera suite di veicoli senza pilota che offrono maggiori capacità, rendendolo più impegnativo per gli avversari”.

Nel frattempo, nelle profondità della catena montuosa del Grande Caucaso, la Russia sta costruendo una nuova arma laser da utilizzare per la “guerra elettro-ottica”, disabilitando i satelliti stranieri che passano sul territorio russo.

Conosciuto come il progetto Kalina, la ricerca è iniziata nel 2011 e continua ancora oggi presso il complesso di sorveglianza spaziale Krona situato sulla cima del monte Chapal.

L’obiettivo del progetto, secondo un documento di garanzia bancaria datato gennaio 2014, è “realizzare un sistema per la soppressione funzionale dei sistemi elettro-ottici dei satelliti” mediante laser.

Gli Stati Uniti stanno lavorando su sistemi simili, ovviamente, e hanno programmi spaziali e laser avanzati. Ma chiaramente, i nostri concorrenti più vicini stanno recuperando terreno.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che ci sarà davvero una “guerra spaziale”? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x