La visione di Facebook del metaverso ha un difetto critico

Condividi l'articolo

Zuckerberg sogna un mondo virtuale ma ha ancora molto da lavorare…

Il “metaverso” è tornato in prima pagina. Mark Zuckerberg ha recentemente annunciato che Facebook “transirà efficacemente da… essere una società di social media ad essere una società del metaverso”. Facebook prevede di creare “un Internet incarnato”, alimentato dai suoi visori Oculus e collegando le piattaforme dell’azienda nello spazio virtuale. E Facebook non è solo, poiché anche Epic Games, Disney e altre società stanno investendo miliardi nei loro mondi virtuali.

Questo discorso sul metaverso è eccitante? Sicuro. È nuovo? Difficilmente.

Il termine metaverso ha quasi 40 anni. Coniato dall’autore di fantascienza Neal Stephenson nel suo romanzo del 1992 Snow Crash, il metaverso era il suo nome per la convergenza tra realtà fisica e spazio virtuale. L’idea era un ambiente persistente e condiviso che offuscava il digitale e il fisico per tutti coloro che vi entravano. Questo concetto è allettante oggi come lo era nel 1992, ma perché i grandi attori del gioco e della tecnologia stanno riscoprendo il metaverso oggi?

Il passaggio generazionale che porta la grande tecnologia nel metaverso

Mio figlio ha appena compiuto 11 anni e tra i suoi regali c’era un piccolo regalo in contanti di suo nonno. Dato che era libero di bruciare i soldi del compleanno su qualsiasi cosa volesse, non vedevo l’ora di vedere cosa avrebbe comprato. Quindi immagina la mia reazione quando ha deciso di acquistare nuove skin per il suo avatar di Call of Duty. Pixel resi su uno schermo? Sul serio? Gli ho chiesto gentilmente se era sicuro di voler acquistare qualcosa di digitale che non potesse essere rimosso dal PC. Senza esitazione, ha risposto “Sì!” E una volta che ha acquistato e aggiunto le sue nuove skin per il gioco, ha voluto mostrarlo a me, a sua madre, ai suoi fratelli… e, naturalmente, a tutti quelli con cui ha giocato online.

Leggi anche:

Racconto questa storia per illustrare il cambiamento generazionale che guida la riscoperta del metaverso da parte di Big Tech: i giovani sono più che disposti a pagare soldi veri per oggetti interamente virtuali. E non sono solo bambini e adolescenti: l’esplosione di interesse per i token non fungibili (NFT) rappresenta la versione adulta di beni virtuali unici con un valore reale in denaro. Mentre gli NFT possono essere essenzialmente qualsiasi cosa digitale, di solito sono arte digitale o cimeli come il primo tweet di Jack Dorsey (venduto per $ 3 milioni).

Allora perché tutti questi beni digitali valgono soldi reali per i loro acquirenti? Lo stesso motivo per cui mio figlio voleva mostrare i suoi nuovissimi pixel brillanti a tutti quelli che avrebbero ascoltato: il valore dei beni digitali deriva dal maggior numero possibile di persone visto che li hai. Detto in termini che la mia vecchia generazione poteva capire, non compri una Ferrari perché hai bisogno di ottenere posti velocemente. Compri una Ferrari perché ha un aspetto fantastico e vuoi apparire fantastico con essa. Senza una folla di curiosi a bocca aperta, è solo un’auto veloce (e costosa!), non lo status symbol che dovrebbe essere.

Quello che Facebook non capisce del metaverso

Il crescente valore nel mondo reale degli oggetti digitali aiuta a spiegare perché il metaverso è tornato in voga, ma dobbiamo ricordare che il fondamento del valore per questi oggetti digitali è sociale. Senza un vasto pubblico a cui guardare le skin del tuo avatar o gli NFT, questi elementi sono solo pixel invisibili su uno schermo. E per massimizzare il pubblico dei beni digitali, il metaverso deve essere aperto e multipiattaforma. Altrimenti, questi beni digitali sono come una Ferrari sepolta sotto la spazzatura nel tuo garage.

Questa necessità di un’esperienza aperta e multipiattaforma è il motivo per cui le iniziative del metaverse di Facebook falliranno. Tutto ciò che fa Facebook è all’interno di un’esperienza chiusa controllata dai suoi ingegneri e amministratori. Anche se desideri utilizzare il visore Oculus per accedere a un’app di realtà virtuale di terze parti, devi accedere con un account Facebook. Capisco perché l’azienda lo fa, poiché la sua linfa vitale è l’accesso illimitato ai dati degli utenti. Zuckerberg probabilmente vede questa espansione del metaverso come un modo per immergere più completamente la sua base di utenti in Facebook e ottenere ancora più dati e dollari da loro.

Tuttavia, l’etica di Facebook del controllo dall’alto verso il basso è l’esatto opposto di ciò di cui ha bisogno un fiorente metaverso. Immagina le reazioni di persone come mio figlio che vogliono sfoggiare nuove skin per i loro avatar del metaverso, solo per scoprire che i loro amici al di fuori di Facebook non possono vederli e riceveranno solo risposte dalla camera di risonanza personalizzata di Facebook. È lecito ritenere dalla storia di Facebook che l’azienda darà sempre la priorità a un ambiente strettamente controllato rispetto a un metaverso aperto. In breve, vogliamo davvero un metaverso di proprietà di Facebook – o di chiunque altro?

Immaginando un metaverso migliore

Non scrivo questo per unirmi al mucchio online che critica la visione del metaverso di Facebook, ma perché sono legittimamente eccitato dal potenziale della tecnologia del metaverso. La mia azienda ha un sacco di clienti che creano applicazioni VR e AR. Ho visto in prima persona quanto può essere coinvolgente sovrapporre un display heads-up su un HoloLens per lavori di ingegneria o aggiungere obiettivi AR da investire durante un giro in scooter elettrico. Ho anche visto quanto può essere triste e isolare un mondo virtuale vuoto quando non c’è nessuno oltre ai tester interni.

Leggi anche:

Come immaginiamo un metaverso migliore, ecco tre principi fondamentali che deve avere:

Il metaverse è aperto, non chiuso. Più i nostri mondi digitali sono multipiattaforma e inclusivi per tutti coloro che sono interessati a sperimentarli, più ricchi e coinvolgenti saranno.

Il metaverso è un’espansione del mondo fisico, non un ritiro da esso. Mentre mi è piaciuto il film “Ready Player One”, ci sono molte più promesse in un metaverso che aggiunge un nuovo significato alla nostra esistenza fisica condivisa rispetto a uno che ci incoraggia a giocare ai giochi VR all’interno di una stanza buia e chiusa.
Il metaverso dovrebbe connettere le persone, non dividerle. Perché una piattaforma aperta e inclusiva funzioni, ha bisogno di una comunità forte che attiri le persone e le accolga, resistendo attivamente ai troll e ad altri cattivi attori che cercano di fomentare il dissenso.

Dato che le generazioni più giovani abbracciano un mondo più digitale e guidano gli investimenti nel metaverso, non voglio essere un vecchio scettico che si perde il divertimento. Invece, voglio che le aziende come la mia prendano sul serio la loro responsabilità di rendere questo nuovo mondo il migliore possibile. Invece di costruire solo un metaverso che possiamo controllare e da cui possiamo trarre profitto, facciamone uno migliore del mondo che abbiamo ora: aperto, espansivo e connettivo.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti piace il mondo virtuale che ha in mente il team Facebook o preferisci la realtà qualunque essa sia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
1
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x