News

L’AGCOM ammette l’errore nel blocco di Cloudflare, ma accusa i pirati di usare tattiche subdole

Condividi l'articolo

Dopo quasi un mese, l’Autorità italiana per le telecomunicazioni (AGCOM) ha finalmente riconosciuto che Cloudflare è stato bloccato ingiustamente dal suo sistema antipirateria Piracy Shield. Tuttavia, l’AGCOM non ha offerto scuse ai giornalisti accusati di aver riportato “notizie false” o a Cloudflare per aver interrotto la sua attività.

Nel frattempo, Cloudflare incoraggerà i clienti colpiti dall’errore a presentare reclami ufficiali all’AGCOM per sensibilizzare l’opinione pubblica sui danni collaterali del blocco della proprietà intellettuale.

Prestazioni di Piracy Shield

A due mesi dal suo lancio, Piracy Shield ha bloccato 3.127 nomi di dominio e 2.176 indirizzi IP, principalmente per proteggere gli eventi sportivi in diretta. Tuttavia, la vera misura del successo è la crescita degli abbonamenti ai servizi di streaming legali, dati che non sono stati divulgati dall’AGCOM.

L’errore di Cloudflare

A metà febbraio, un indirizzo IP di Cloudflare è stato bloccato per errore a causa di un problema operativo. L’AGCOM inizialmente ha negato l’errore, ma in seguito ha ammesso che si è verificato un problema con la discriminazione tra contenuti legali e illegali su piattaforme condivise.

Leggi anche:

Accuse di overblocking

L’AGCOM ha accusato i pirati di utilizzare Content Delivery Network (CDN) per nascondere contenuti illegali insieme a contenuti legittimi, rendendo difficile il blocco degli indirizzi IP condivisi. Tuttavia, Cloudflare ha avvertito che l’AGCOM ha bloccato Cloudflare nonostante gli avvertimenti sui potenziali danni collaterali.

Possibile scontro con Cloudflare e Google

L’AGCOM ha criticato Cloudflare per il suo ruolo nella violazione del copyright e ha affermato che Google non ha collaborato pienamente con Piracy Shield. Cloudflare ha incoraggiato i clienti a presentare reclami all’AGCOM, mentre Google sembra riluttante ad accreditarsi sulla piattaforma.

Implicazioni

Il blocco errato di Cloudflare ha evidenziato i rischi dell’overblocking e la necessità di un equilibrio tra la protezione della proprietà intellettuale e la libertà di Internet. La risposta dell’AGCOM ai reclami dei clienti di Cloudflare sarà indicativa della sua volontà di affrontare queste preoccupazioni.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 317 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments