News

Nanorobot a DNA replicanti: una nuova speranza per la medicina

Condividi l'articolo

Gli scienziati della New York University hanno sviluppato una nuova tecnologia che potrebbe rivoluzionare il campo della medicina: nanorobot a DNA in grado di replicarsi all’interno del corpo.

I nanorobot hanno un diametro di soli 100 nanometri, ovvero un millesimo di millimetro, e sono costituiti da quattro filamenti di DNA. La loro particolarità è che possono creare copie di se stessi, un processo che avviene in modo esponenziale.

Questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per sintetizzare farmaci o altre sostanze chimiche all’interno del corpo, senza la necessità di ricorrere a interventi chirurgici o iniezioni. Ad esempio, i nanorobot potrebbero essere utilizzati per produrre insulina per le persone con diabete di tipo 2, o per trasportare farmaci direttamente alle cellule malate.

Leggi anche:

Naturalmente, la possibilità di replicazione esponenziale dei nanorobot ha sollevato alcune preoccupazioni. Gli scienziati hanno però assicurato che il processo richiede condizioni molto specifiche, che non si verificano naturalmente nell’organismo umano.

“I nanorobot sono costruiti con materiali che si trovano naturalmente nel corpo, quindi non sono tossici”, ha affermato il professore Xuefeng Wang, uno degli autori dello studio. “E la replicazione avviene solo in presenza di determinate condizioni chimiche, che non si verificano spontaneamente nell’organismo”.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Nanotechnology. Se le ricerche proseguiranno con successo, i nanorobot a DNA potrebbero rappresentare una nuova arma nella lotta contro le malattie.

I potenziali benefici dei nanorobot a DNA

I nanorobot a DNA potrebbero avere una serie di potenziali benefici per la medicina, tra cui:

  • La possibilità di sintetizzare farmaci o altre sostanze chimiche all’interno del corpo, senza la necessità di ricorrere a interventi chirurgici o iniezioni. Questo potrebbe rendere la terapia più efficace e meno invasiva.
  • La possibilità di trasportare farmaci direttamente alle cellule malate, evitando che vengano diluiti nel sangue o che siano eliminati dal sistema immunitario. Questo potrebbe migliorare l’efficacia del trattamento.
  • La possibilità di rilasciare farmaci in modo controllato, a seconda delle esigenze del paziente. Questo potrebbe ridurre gli effetti collaterali del trattamento.

Naturalmente, sono necessari ulteriori studi per confermare questi potenziali benefici e per valutare i rischi associati a questa tecnologia.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 55 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x