Questa volta Facebook l’ha fatta grossa… Tempesta in arrivo?

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0

Cosa succederà a Facebook sulla scia di una devastante serie di rivelazioni della propria ricerca del Wall Street Journal, che conferma alcune delle peggiori critiche già mosse al colosso dei social media?

La serie in cinque parti, che documenta il fatto che i leader di Facebook sanno da tempo che Instagram ha contribuito alla depressione adolescenziale e che i messaggi anti-vaccinazione venivano amplificati dai suoi algoritmi, è improbabile che spinga Facebook ad apportare modifiche senza l’intervento – o la minaccia – della regolamentazione del governo, hanno detto a TheWrap diversi esperti esterni.

“Questi sono tutti attori egoisti che non si riterranno mai responsabili”, ha detto a TheWrap Mike Davis, fondatore e presidente dell’Internet Accountability Project senza scopo di lucro. “I monopolisti non lo fanno mai, figuriamoci i monopolisti da trilioni di dollari. Il Congresso deve fare un lavoro molto migliore nell’indagare sulle società Big Tech che hanno così tanto potere incontrollato”.

La serie Journal della scorsa settimana ha dettagliato la misura in cui i leader e i ricercatori dell’azienda erano consapevoli dei problemi dannosi che si verificano sulla piattaforma e la ripetuta negligenza dell’azienda nell’affrontare questi danni alla società. L’indagine ha documentato che in molti casi Zuckerberg e i leader di Facebook hanno ignorato questi fatti e hanno minimizzato questi risultati al pubblico. Inoltre, la leadership di Facebook, incluso Zuckerberg, ha resistito ad apportare alcune delle modifiche suggerite dallo staff.

“Sfortunatamente, ciò che possiamo aspettarci da Facebook è probabilmente più delle stesse eclatanti violazioni e doppi standard”, ha affermato l’imprenditore tecnologico Mark Weinstein. “Qualsiasi scusa deve essere presa con il meritato scetticismo. Il playbook delle pubbliche relazioni di Facebook è fingere di cambiare e poi fare più o meno lo stesso. Questo è successo innumerevoli volte ed è ben documentato”.

Leggi anche:

La giornalista tecnologica Kara Swisher ha affermato che la mossa migliore per Facebook in questo momento è probabilmente il silenzio. E infatti, l’azienda non ha preso provvedimenti a seguito delle indagini, fino ad ora solo difendendo la propria posizione e indirizzando eventuali inchieste ai propri blog. “È importante avere questa prova della doppiezza di Facebook”, ha scritto Swisher.

“Ma queste rivelazioni sono uno shock per nessuno che abbia prestato attenzione alle macchinazioni scivolose dell’azienda nel corso degli anni. La cosa più rivelatrice è la persistenza delle vecchie scuse stanche, così così spiacenti, faremo meglio che i suoi dirigenti tirano fuori quando l’azienda viene chiamata per i suoi prodotti distruttivi. A questo punto, probabilmente è meglio che i dirigenti di Facebook non dicano nulla, dal momento che ogni volta che lo fanno, inciampano su se stessi nelle loro strane analogie – che sono spesso incentrate sull’idea che l’umanità ha fatto schifo prima di Facebook”.

Facebook ha rifiutato di commentare ulteriormente o di rendere disponibili i suoi funzionari per interviste. In un post, Nick Clegg, vicepresidente degli affari globali di Facebook, ha affermato che il Wall Street Journal ha “sbagliato” e ha difeso la pratica della società di condurre ricerche interne.

“Al centro di questa serie c’è un’accusa semplicemente falsa: che Facebook conduca ricerche e poi le ignori sistematicamente e intenzionalmente se i risultati sono scomodi per l’azienda. Ciò mette in discussione le motivazioni e il duro lavoro di migliaia di ricercatori, esperti di politiche e ingegneri di Facebook che si sforzano di migliorare la qualità dei nostri prodotti e di comprenderne l’impatto più ampio (positivo e negativo). È un’affermazione che potrebbe essere fatta solo raccogliendo citazioni selettive da singoli pezzi di materiale trapelato in un modo che presenta problemi complessi e sfumati come se ci fosse una sola risposta giusta”.
Leggi anche:
L’ex politico britannico è diventato portavoce di Facebook Nick Clegg

E in un certo senso, la risposta pubblica di Facebook alle critiche e alle denunce in passato è stata parte del problema. “È una tattica così strana”, ha scritto su Twitter l’editorialista tecnologico Kevin Roose. “Come se Chipotle fosse stato criticato per avere la salmonella nel suo guac o altro e la risposta del CEO fosse stata come ‘Beh, la produzione alimentare in scala ha avuto molti benefici per l’umanità, incluso liberarci dall’essere cacciatori-raccoglitori.'”

Più volte, i risultati della ricerca di Facebook hanno rivelato che i suoi servizi venivano abusati e invasi da organizzazioni pericolose e account che sbandieravano post anti-vaccinazione. Inoltre, Facebook ha avviato il proprio programma VIP, XCheck, che esenta milioni di account di alto profilo dalle sue politiche di applicazione. L’elenco include politici, celebrità di Hollywood e atleti famosi – e le precedenti affermazioni del CEO dei contrattisti Mark Zuckerberg secondo cui Facebook trattava tutti gli utenti allo stesso modo.

L’elenco potrebbe continuare: una ricerca interna ha mostrato come Facebook ha riscontrato che il 41% dei commenti sui post relativi ai vaccini scoraggiava la vaccinazione. I suoi risultati hanno anche mostrato che Instagram era responsabile del 32% delle ragazze adolescenti che si sentivano male per il proprio corpo e si sentivano peggio dall’uso dell’app di condivisione di foto. E nel 2018, il suo sforzo per modificare l’algoritmo per aumentare le connessioni personali ha effettivamente prodotto l’effetto opposto: la piattaforma ha invece aumentato la tossicità, la violenza e la disinformazione.

Leggi anche:

La vera domanda ora è se Facebook rischierà potenzialmente di ridurre i suoi profitti per apportare modifiche sistemiche ai suoi servizi. Non è noto che le grandi aziende siano responsabili delle responsabilità sociali e morali: Facebook non ha fatto eccezione poiché si è fatta strada fino a una valutazione di $ 1 trilione e circa $ 86 miliardi di entrate annuali. Insieme al resto di Big Tech, la società ha goduto di un secondo trimestre esplosivo quest’anno grazie alla pubblicità digitale, facendo crescere le sue entrate pubblicitarie del 55%, a $ 28,6 miliardi.

La Federal Trade Commission ha perseguito una denuncia antitrust contro Facebook per le sue pratiche di acquisto e seppellimento dei suoi maggiori concorrenti. L’agenzia sta inoltre continuando a indagare sulle acquisizioni dei più grandi player tecnologici nell’ultimo decennio, con un occhio particolare agli affari più piccoli che sono volati sotto il radar.

Ulteriori azioni normative potrebbero presentarsi sotto forma di udienze aggiuntive o legislazione in materia di antitrust, protezione dei dati e normative sulla salute pubblica. “Il palese disprezzo di Big Tech per il benessere umano, la privacy dei dati e la concorrenza leale del mercato richiede un approccio audace e aggressivo da parte del Congresso”, ha affermato Davis.

“Ciò significa approvare la legislazione antitrust, la protezione della privacy dei dati e altre misure di responsabilità. Questo è un problema che cresce da molti anni ed è finalmente giunto il momento di agire. Dobbiamo smantellare Big Tech e sistemare la Sezione 230 ora”.

La Sezione 230 fa parte del Communications Decency Act che garantisce l’immunità alle piattaforme Internet che pubblicano contenuti di utenti terzi. Ciò è in contrasto con le società di media tradizionali, che sono responsabili e possono essere citate in giudizio per ciò che pubblicano. Molti chiedono al Congresso di aggiornare la legge, mentre altri dicono che limiterebbe la libertà di espressione e la libertà di parola.

Leggi anche:

Nel suo pezzo, Swisher ha sostenuto che Facebook è attesa da tempo per la regolamentazione e la responsabilità: “Oggi la razza umana sembra ancora più ripugnante e in molti modi più contorti e amplificati, ed è a causa di Facebook, la piattaforma di comunicazione e media più grande e meno responsabile. nella storia.” Molti hanno sollevato questo punto mentre i regolatori e i critici mirano a rompere le industrie Big Tech e Silicon Valley negli ultimi anni.

Roger McNamee, autore di “Zucked: Waking Up to the Facebook Catastrophe”, ha chiamato il Journal, affermando che questo rapporto rivela “nuove prove della partecipazione di FB ad attività criminali. Questo sarebbe un buon momento per le indagini penali di DOJ, SEC, AG statali, FTC”.

La scorsa settimana, i senatori Richard Blumenthal (D-Connecticut) e Marsha Blackburn (R-Tennessee) hanno annunciato una nuova indagine sull’“insabbiamento” di Facebook sull’impatto delle sue piattaforme sulla salute mentale degli adolescenti. “È chiaro che Facebook non è in grado di ritenersi responsabile”, hanno scritto.

Il rapporto del Wall Street Journal rivela che la leadership di Facebook è focalizzata su una mentalità di crescita a tutti i costi che valuta i profitti sulla salute e sulla vita di bambini e adolescenti. Quando gli è stata data l’opportunità di chiarire con noi la loro conoscenza dell’impatto di Instagram sui giovani utenti, Facebook ha fornito risposte evasive che erano fuorvianti e hanno coperto chiare prove di danni significativi”.
Leggi anche:

Angelo Carusone, presidente e CEO di Media Matters for America, ha espresso dubbi sul fatto che i rapporti esplosivi del Journal spingeranno Facebook a correggere la rotta. “C’è questa strana sensazione che nulla cambierà”, ha detto a TheWrap. “Ci deve essere una minaccia aziendale. Non ho visto HBO o Disney, o nessuno dei loro più grandi inserzionisti, nemmeno sentire il bisogno di rilasciare una dichiarazione. Non sono ancora convinto che sarà il catalizzatore che vorrei che fosse. In un certo senso calcifica il fatto che il modello di business sia così forte che nulla deve cambiare”.

Tuttavia, altri hanno espresso preoccupazione per il fatto che potrebbero arrivare altre rivelazioni che potrebbero essere ancora più allarmanti. “Questa serie investigativa è ovviamente solo la punta dell’iceberg che espone gli abusi della Big Tech”, ha detto Davis. “Questo porta gli osservatori a chiedersi: quante altre cose stanno accadendo di cui semplicemente non sappiamo? Facebook è una delle principali società di Big Tech, ma non è la sola. Quale attività immorale o illegale sta accadendo a Google, Apple o Amazon che non è ancora venuta alla luce?”

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Hai provato l’add-on DejaVu Again su Kodi? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x