Tecno-Oligarchia: puoi parlare? Lo decide Big Tech!

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
A gennaio abbiamo assistito al trasferimento del potere da un presidente all’altro. Ma contemporaneamente abbiamo assistito alla prova di un altro trasferimento di potere, da funzionari eletti a Washington D.C. alle società tecnologiche nella Silicon Valley.
Big Tech è il vero padrone della comunicazione. Sono loro a decidere ciò che è giusto o sbagliato, ciò che puoi o non puoi dire. Sono loro ad avere il controllo!

Considera gli eventi dell’ultimo mese. I siti di social media hanno bandito il presidente in carica degli Stati Uniti dalle loro piattaforme. Ne è seguita una purga di voci conservatrici su Twitter. Amazon Web Services ha eliminato Parler, un sito di social media conservatore, da Internet. Pochi giorni dopo, YouTube ha bloccato l’accesso pubblico a un’audizione del Senato su COVID-19 e dapprima aveva offuscato Trump che è stato poi anche bloccato/sbloccato da Facebook ed Instagram. E cosa dire di Google che decide cosa puoi trovare o vedere su internet?

Leggi anche:

Questi eventi hanno confermato ciò che molti di noi sanno da tempo: il vero potere politico non risiede più a Washington, ma nella Silicon Valley. Big Tech ora decide in modo efficace chi ha il diritto di parlare, chi ha il diritto di riunirsi online e chi ha la capacità di costruire un business nell’era digitale. Per molti americani, l’accordo sui termini di servizio di Twitter ha ora più potere su ciò che possono e non possono dire sulla pubblica piazza rispetto al Primo Emendamento.

Come ha giustamente osservato David Sacks, le società di social media hanno privatizzato i nostri diritti di libertà di parola. Attraverso una combinazione di sorveglianza, controllo del linguaggio e censura economica, le società private stanno minando le virtù di un Internet libero e aperto e relegando molti americani allo status di seconda classe. Un futuro oscuro attende se il governo non riuscirà a frenare questi monopoli.

Leggi anche:

Il modello di “cancellazione” delle persone per i post sui social media è ben consolidato. Ciò può comportare la deplatforming, la cessazione del rapporto di lavoro o, se sei la leggenda del baseball Curt Schilling, persino la perdita dell’assicurazione sanitaria. Siamo abituati a vedere cancellare la cultura su scala microscopica: un direttore di un giornale viene licenziato qui, un professore universitario sospeso lì. Ma ora, grazie all’assistenza di Big Tech, stiamo assistendo alla cancellazione della cultura a un livello molto più ampio. Prendi la cancellazione di massa degli oltre 10 milioni di utenti di Parler o le crescenti richieste di vietare del tutto Fox News, Newsmax e altri canali di destra. In caso di successo, questi sforzi ridurranno la finestra di punti di vista accettabili nella società americana fino a quando i conservatori non si troveranno all’esterno.

L’ironia è che i contribuenti americani, sia conservatori che progressisti, stanno sovvenzionando questo sforzo.

Prendi Amazon, per esempio. Nel 2013, ha firmato un accordo decennale del valore di $ 600 milioni per fornire servizi di cloud computing per le agenzie federali. Anche ora, la società sta facendo una spinta legale per garantire un contratto da 10 miliardi di dollari con il Pentagono. E poi ci sono 3,7 miliardi di dollari di sussidi che Amazon ha intascato dai governi statali e locali nel corso degli anni.

Amazon è quello che è oggi, una delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, con un fatturato annuo superiore a 280 miliardi di dollari, grazie in gran parte al contribuente americano. Ciò rende la decisione di Amazon di imbavagliare milioni di voci americane rimuovendo Parler dal web il mese scorso ancora più problematica. Una società che ha ricevuto miliardi di dollari dai contribuenti statunitensi non ha mostrato alcuna esitazione nel tagliare l’accesso al discorso pubblico per milioni di quegli stessi contribuenti. Certamente, le voci che invitano alla violenza o al ribaltamento dei risultati delle elezioni democratiche non hanno posto nel discorso pubblico. Ma tali voci erano solo una minuscola minoranza dei milioni di utenti di Parler. Anche gli americani che non si iscrivono a Parler o che hanno opinioni progressiste dovrebbero essere preoccupati per il pericoloso precedente che si sta creando.

Leggi anche:

Con il suo potere quasi monopolistico, Amazon non ha paura di mordere la mano che la nutre. Avendo condotto l’indagine antitrust su Microsoft come presidente della commissione giudiziaria del Senato alla fine degli anni ’90, capisco i problemi che sorgono quando una singola azienda arriva a dominare il mercato. Ma ancora più preoccupante è ciò che accade quando una singola azienda, o un gruppo di aziende, arriva a dominare sia il mercato che la piazza. Questo è quello che vediamo oggi. Il potere di Big Tech ora rivaleggia con il potere dello stesso governo federale. Il diritto antitrust da solo non è sufficiente per tenere a freno queste società. Abbiamo bisogno di qualcosa di più: una carta dei diritti digitale completa di gran lunga più ampia di portata rispetto a qualsiasi cosa sia stata suggerita in precedenza.

Gli sforzi precedenti per creare una carta dei diritti digitale (o Internet) si sono concentrati sulla protezione dei dati personali e della privacy. Sebbene tali garanzie siano essenziali, non sono sufficienti. Proprio come la Carta dei diritti della Costituzione, una Carta dei diritti digitale veramente completa deve proteggere non solo la privacy, ma anche il diritto di parola e di riunione. Le piattaforme di social media sono l’equivalente del 21 ° secolo della piazza pubblica, e qui sta la sfida. Gli attori privati ​​stanno decidendo quali punti di vista sono consentiti nel discorso pubblico attraverso i loro termini di servizio e la Sezione 230 consente loro di farlo in qualsiasi modo vogliano. La soluzione, tuttavia, non è riscrivere la Sezione 230 in modo tale da far fallire queste società. Piuttosto, è per eliminare il loro potere di impegnarsi in una censura arbitraria. Come si può ottenere questo risultato? Richiedendo a queste società di collegare le loro politiche di moderazione dei contenuti direttamente al Primo Emendamento.

La storia ha dimostrato che il Primo Emendamento è lo standard più efficace per stabilire i confini della parola protetta. Il primo emendamento promuove una discussione approfondita e una diversità di punti di vista pur consentendo restrizioni su una manciata di categorie limitate e accuratamente definite di discorsi dannosi, come frode, diffamazione, pornografia infantile e incitamento alla violenza. Ciò che non consente sono divieti sui punti di vista conservatori, notizie negative sulla famiglia del presidente Biden o opinioni che agli oligarchi tecnologici potrebbero non piacere. Ed è proprio per questo che dovrebbe essere lo standard per le società di social media che forniscono un forum per il discorso pubblico e per le società che possiedono i server che ospitano tali forum.

Se queste aziende vogliono basare i loro modelli di business sulla fornitura di accesso digitale alla pubblica piazza, allora dovrebbero rispettare gli standard consolidati che regolano la libertà di parola nella pubblica piazza. Nella misura in cui sono conformi agli standard del Primo Emendamento nei loro termini di servizio, queste società dovrebbero continuare a godere dell’immunità dalla responsabilità civile ai sensi di una sezione 230 rivista. Ma se vogliono andare oltre il Primo Emendamento e proibire le forme di discorso protette dal Primo Emendamento , dovrebbero essere responsabili proprio come qualsiasi editore che si impegna nella moderazione dei contenuti (che in realtà è discriminazione dei contenuti).

Per difendersi dalla censura economica, i responsabili politici potrebbero anche considerare di classificare aziende come Google o Amazon come “alloggi pubblici”. Questi tipi di imprese, che includono hotel e ristoranti, sono tenuti per legge a fornire i propri servizi a persone di ogni estrazione sociale, con limitate eccezioni. Oppure le società Big Tech potrebbero essere trattate come “vettori comuni” simili alle compagnie telefoniche o ferroviarie, che sono tenute a fornire i loro servizi a tutti i clienti disposti a pagare una tariffa. Sarebbe impensabile oggi chiudere l’acqua o l’elettricità di qualcuno, o negare a qualcuno il passaggio su una barca o un aereo, a causa delle convinzioni politiche di quella persona. Dovrebbe essere altrettanto impensabile disattivare l’accesso di quella persona ai servizi web di base, ma purtroppo le nostre leggi non forniscono ancora questo tipo di protezione. Il Congresso deve ora mettere in atto tali protezioni per impedire la creazione di una nuova gerarchia digitale che collochi i punti di vista conservatori alla base della piramide sociale.

Big Tech ha privatizzato molte delle nostre libertà fondamentali, comprese la libertà di parola e la libertà di riunione. Ma seguendo questo semplice progetto, possiamo salvaguardare quelli liberi.

Fonte

Ti potrebbe interessare

Esprimi il tuo parere!

Non sei stanco di questo strapotere dittatoriale di Big Tech? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x