Ubuntu rende Flutter una “scelta predefinita” per le future applicazioni desktop

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Flutter è un framework gratuito e open source per lo sviluppo di interfacce utente multipiattaforma offerto da Google. È una delle soluzioni di sviluppo multipiattaforma che sta guadagnando sempre più popolarità. Ti consente di scrivere il codice dell’interfaccia utente in Dart, che viene quindi compilato per creare app native per Android, iOS e Web.

Flutter Viene fornito con una varietà di widget predefiniti (di Google), è un framework come React Native di Facebook e Xamarin di Microsoft, che consentono anche agli sviluppatori di creare app native multipiattaforma. Le soluzioni multipiattaforma possono ridurre drasticamente i tempi di sviluppo e i costi di implementazione per le aziende.

Secondo Google, l’uso di Flutter sta crescendo rapidamente nelle aziende grazie alla “sua capacità di creare brand experience che supportano più piattaforme”.

Flutter è stato utilizzato per sviluppare app per Android e iOS ed è anche il metodo principale per creare app per Google Fuchsia. Tuttavia, da maggio 2019, grazie alle possibilità offerte dal linguaggio di programmazione Web Dart e agli strumenti di sviluppo implementati in questo periodo dai browser, Google ha potuto estendere dapprima il supporto del framework Flutter al Web e successivamente ad applicazioni office gestite da Windows, Mac OS e Linux e altre piattaforme. Ora, ha affermato Google, il framework Flutter sta diventando un framework di interfaccia utente portatile per tutti i display.

Attraverso questo aggiornamento del framework, Google intendeva consentire alle aziende di offrire esperienze migliori ai propri clienti su tutti i tipi di schermi, in particolare tramite applicazioni mobili, desktop e Web. “Per le startup, la possibilità di raggiungere gli utenti su dispositivi mobili, web o desktop tramite la stessa app consente loro di raggiungere l’intero pubblico sin dal primo giorno, invece di avere limiti per motivi tecnici. Soprattutto per le grandi aziende, la capacità di fornire la stessa esperienza a tutti gli utenti con una base di codice riduce la complessità ei costi di sviluppo e consente loro di concentrarsi sul miglioramento della qualità di quell’esperienza”, ha affermato il team responsabile dello sviluppo del framework.

Nell’aprile 2020, Google ha annunciato che l’uso di Flutter continua a crescere rapidamente, con oltre due milioni di sviluppatori che hanno utilizzato Flutter nei sedici mesi dal suo rilascio alla conferenza Google I / O del 2018.

Secondo Tim Sneath, Product Manager per Flutter e Dart di Google, l’utilizzo di Flutter è aumentato del 10% a marzo rispetto a febbraio. Ha aggiunto che Flutter ora ha “quasi mezzo milione” di sviluppatori che lo utilizzano ogni mese.

La maggior parte di loro si basa su Windows, con il 60% degli utenti Flutter che sviluppa su PC Windows 10, il 27% su MacOS e il 13% su Linux, secondo Google. Più di un terzo degli utenti Flutter (35%) lavora in una startup, mentre il 26% sono sviluppatori che lavorano in grandi aziende, il 19% sono liberi professionisti e il 7% lavora per agenzie di design.

Secondo Sneath, il 78% degli sviluppatori Flutter utilizza il canale stabile, l’11% utilizza la beta e l’11% utilizza dev o master. La società ha inoltre annunciato che le prime cinque regioni per l’utilizzo di Flutter sono India, Cina, Stati Uniti, UE e Brasile. Ora ci sono anche 50.000 app Android create da Flutter sul Google Play Store e 10.000 di esse sono state caricate il mese scorso, secondo l’articolo di Sneath.

Google Flutter SDK versione 2 disponibile con supporto per applicazioni web e desktop Google la scorsa settimana ha aggiornato Flutter alla versione 2.0, fornendo molti supporti. Mentre Flutter ha iniziato a concentrarsi sui dispositivi mobili quando è stato lanciato due anni fa, è decollato negli ultimi anni e con la versione 2, Flutter ora supporta sia le applicazioni web che desktop. Con questo, gli utenti Flutter possono ora utilizzare la stessa base di codice per creare app per iOS, Android, Windows, MacOS, Linux e Web.

“La cosa importante che giustifica la modifica del numero di versione è, ovviamente, la disponibilità del supporto web e desktop”, ha affermato in una nota Tim Sneath, product manager di Flutter. “E questo è solo un perno piuttosto profondo. È raro che i prodotti abbiano improvvisamente tutti questi terminali extra”.

Flutter 2 per desktop, dispositivi pieghevoli e di bordo

Oltre ai dispositivi mobili tradizionali e al Web, Flutter si sta espandendo sempre più ad altri tipi di dispositivi e Google ha evidenziato alcune delle sue partnership durante il lancio della versione 2 del suo kit di sviluppo.

Sul desktop, Google ha annunciato che Canonical sta andando con Flutter e rendendolo la scelta predefinita per tutte le sue future app desktop e mobili. Il team di ingegneri, contribuendo con il codice per supportare lo sviluppo e la distribuzione su Ubuntu, ha riscritto la loro nuova applicazione di installazione con Flutter. Gli ingegneri ne hanno fatto una prima demo quando è stato lanciato Flutter 2.

Anche Microsoft sta espandendo il suo supporto per Flutter e sta lavorando con Google sul supporto Windows per Flutter. Dato l’interesse di Microsoft per Android, ciò potrebbe non essere una grande sorpresa e, secondo Google, mercoledì Microsoft ha pubblicato contributi al motore Flutter per supportare i dispositivi Android pieghevoli. Questi dispositivi presentano nuovi modelli di progettazione, con app che possono espandere i contenuti o sfruttare la natura del doppio schermo per offrire esperienze affiancate.

La casa automobilistica Toyota ha anche annunciato l’intenzione di portare una nuova esperienza digitale ai suoi veicoli, costruendo sistemi di infotainment alimentati da Flutter. Utilizzando l’API di integrazione di Flutter, Toyota è in grado di adattare Flutter alle esigenze uniche di un sistema di bordo, secondo Google.

Ubuntu scommette sul futuro di Flutter

Canonical è un forte sostenitore di Flutter. Non solo ha lavorato con Google per portare l’SDK di Flutter sui desktop Linux tramite Snap Store all’inizio di quest’anno, ma ha in programma di creare un nuovo programma di installazione di Ubuntu utilizzando la tecnologia.

Ora è confermato che tutto è nella direzione della tecnologia.

In effetti, Ken VanDine di Canonical, che lavora sul desktop Ubuntu, è apparso al recente evento Flutter Engage di Google per trasmettere il messaggio sul pieno supporto della sua azienda per la tecnologia:

“Noi [Canonical] non abbiamo solo abilitato Flutter per Linux, abbiamo anche lavorato con il team di Flutter per rilasciare Flutter SDK come Snap nello Snap Store, l’app store per Linux”, ha ricordato Ken. “Rilasciando Fluter SDK come snap-in, abbiamo semplificato l’installazione e la configurazione del tuo ambiente di sviluppo per creare app mobili, web e desktop con Flutter su Ubuntu. Flutter è la scelta predefinita per le future applicazioni mobili e desktop create da Canonical”.

Ecco il discorso di Ken VanDine durante l’evento Flutter Engage:

Questo è un impegno piuttosto grande per un framework che, fino a pochi mesi fa, non era affatto disponibile per i desktop Linux. Tuttavia, Canonical vede chiaramente il potenziale di Flutter. Ha iniziato a lavorare sul nuovissimo programma di installazione di Ubuntu utilizzando la tecnologia di installazione del server Subiquity e un’interfaccia utente Flutter personalizzata in stile Yaru.

Ma mentre il supporto di Canonical è senza dubbio una vittoria per la comunità Flutter, quali vantaggi offriranno le app Flutter agli utenti di Ubuntu?

Native è più che semplici widget

Come Flutter, le app Electron sono popolari tra gli sviluppatori web perché sono più facili da imparare, più veloci da costruire e compatibili con le competenze esistenti (o, in mancanza di un termine migliore, ti consentono di appianare le cose).

Gli utenti desktop, tuttavia, sono meno entusiasti. Le applicazioni elettroniche sono regolarmente criticate per le loro scarse prestazioni; non integrare o supportare la funzionalità desktop; e sono nettamente “differenti” dalle applicazioni tradizionali.

Flutter cerca di appianare molti di questi difetti. Offre prestazioni migliori e consente agli sviluppatori di utilizzare stili web che “imitano” l’interfaccia utente di altri sistemi. Ad esempio, un’app Flutter progettata per iOS potrebbe utilizzare un set di widget dell’interfaccia utente modellati su quelli di iOS nativo.

Flutter non è ovviamente Electron, ma affronta alcune delle stesse barriere a un’adozione più ampia (reale o percepita) dal punto di vista dell’utente finale.

Il principale ? La Natività. Nessuno degli esempi nella galleria Flutter di Google funziona come un’app con codice nativo. Non solo l’esperienza d’uso è diversa, ma anche l’aspetto diverso (anche quando si cerca di imitare l’aspetto di un sistema specifico, come con iOS).

Molte piccole incongruenze (interazione lenta dell’interfaccia utente qui, etichetta di testo senza stile lì, ecc.) Alimentano un senso più ampio di “valle dello strano”. Inoltre, Canonical sta lavorando a uno stile “Yaru” (il tema dell’interfaccia utente utilizzato in Ubuntu dal 18.10. Il tema determina i colori, i bordi, le ombre, le dimensioni e la forma dei singoli elementi sullo schermo) da utilizzare dagli sviluppatori di Applicazioni svolazzanti. Un’idea logica.

Va notato che mentre questo “rivestimento” visivo può avere il suo effetto, lo stile Yaru è utile solo su una distribuzione Linux tra le altre. Gli sviluppatori che desiderano indirizzare altre distribuzioni Linux non troveranno Yaru molto utile, non senza stili simili sul lato Flutter per altri temi GTK e Qt.

Google ha l’abitudine di “abbandonare” progetti che non corrispondono alle sue priorità (in continua evoluzione). Flutter è la tendenza in questo momento, ma poiché il mobile si muove più velocemente del desktop, potrebbe anche cadere in disgrazia.

Il che porta a questa domanda: in che modo questo avvantaggia gli utenti di Ubuntu?

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che te ne pare di questa scelta di utilizzare Flutter come scelta predefinita per le future applicazioni desktop di Ubuntu? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x