A che serve indossare gli occhiali Facebook?

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
2
+1
0
+1
0

Ecco cosa si aspetta di ottenere il gigante della tecnologia e cosa significa per la tua privacy.

In collaborazione con il marchio di occhiali Ray-Ban, Facebook ha rilasciato il suo primo paio di occhiali intelligenti, offrendo a chi lo indossa la possibilità di catturare foto e video senza nemmeno dover estrarre i propri telefoni.

Gli occhiali, chiamati Ray-Ban Stories, sono ora disponibili in selezionati negozi al dettaglio negli Stati Uniti, Australia, Canada, Irlanda, Italia e Regno Unito a partire da $ 299 (circa € 250) e sono funzionalmente simili a dispositivi già sul mercato, come Occhiali SnapChat. Consentono agli utenti di acquisire immagini e video e caricarli sui propri account di social media, tramite un’app chiamata Facebook View.

Gli utenti potranno condividere contenuti su Facebook e altre piattaforme di proprietà di Facebook, inclusi Instagram, WhatsApp e Messenger, nonché app non Facebook come Twitter, TikTok e SnapChat. Oltre a due fotocamere da 5 megapixel, gli occhiali dispongono di tre microfoni e altoparlanti integrati, in modo da poter rispondere ai comandi vocali ed essere utilizzati anche per le chiamate.

Gli occhiali sono l’ultimo passo nell’iniziativa di Facebook per sviluppare la tecnologia indossabile. Come afferma l’amministratore delegato Mark Zuckerberg, tali dispositivi rappresentano “un futuro in cui i telefoni non sono più una parte centrale delle nostre vite”.

Non è Realtà Aumentata

Facebook ha sottolineato che gli occhiali non hanno alcuna funzionalità di realtà aumentata, ovvero la capacità di sovrapporre la propria visione del mondo fisico con immagini digitali.

Detto questo, durante il suo video di lancio del prodotto, Zuckerberg presenta gli occhiali come un trampolino di lancio verso forme più pienamente realizzate di AR indossabile, qualcosa a cui Facebook ha ripetutamente accennato negli ultimi anni. Come dice lui, “gli occhiali saranno una parte importante della costruzione della prossima piattaforma informatica”.

Con l’acquisizione nel 2014 della società di realtà virtuale Oculus – e numerose altre startup in settori come la visione artificiale – l’ala di sviluppo VR e AR di Facebook, Facebook Reality Labs, è cresciuta così tanto che ora secondo quanto riferito impiega il 20% della forza lavoro di Facebook.

Come abbiamo affermato in un recente articolo, Facebook vede AR e VR come componenti centrali del suo futuro e immagina che questa tecnologia abbia un impatto simile alla rivoluzione del mobile computing dell’ultimo decennio o giù di lì.

Leggi anche:

Questo è stato recentemente esemplificato nell’inquadratura dell’azienda del suo social software e hardware in termini di “metaverso” – una fusione senza soluzione di continuità tra il mondo reale e quello virtuale.

Queste future piattaforme di elaborazione potrebbero assomigliare all’annuncio dell’azienda del Progetto Aria, un progetto di ricerca interno di Facebook che testa la fattibilità degli occhiali intelligenti AR indossabili. Facebook ha anche tentato di integrare ulteriormente le funzionalità AR nella sua tecnologia Oculus VR.

Un problema per i potenziali utenti è che queste tecnologie richiederanno un’acquisizione e un’elaborazione intensiva dei dati dei nostri corpi, delle nostre case e di altri dati intimi.

“Privacy in mente”

Anche senza la funzionalità AR, ci sono ancora chiari problemi di privacy associati a un dispositivo Facebook in grado di registrare qualsiasi cosa tu stia guardando.

Forse cercando di prevenire un contraccolpo, Facebook ha sviluppato una politica sulla privacy dedicata per la nuova tecnologia, assicurandoci: “Gli occhiali intelligenti Ray-Ban Stories e Facebook View sono esperienze senza pubblicità, quindi non vedrai pubblicità quando usi gli occhiali o app. E non utilizziamo il contenuto delle tue foto e dei tuoi video per annunci personalizzati. Se condividi contenuti con qualsiasi altra app, verranno applicati i termini di quell’app.”

Ma come con le precedenti forme di occhiali intelligenti, come il ampiamente deriso Google Glass, il problema principale della privacy non è proteggersi dagli annunci indesiderati, ma proteggere altre persone dall’essere registrate di nascosto.

Ray-Ban Stories è dotato di una piccola luce sul lato della cornice, che si illumina durante la registrazione. Ma può essere facilmente coperto e, sebbene ciò violerebbe i termini di servizio di Facebook, è difficile vedere come Facebook possa realisticamente impedire a chiunque di farlo.

Leggi anche:

In definitiva, Facebook ha imposto agli utenti l’onere di comportarsi in modo responsabile. Come indicato nella pagina sulla privacy di Stories, le “best practice” suggerite da Facebook includono il non utilizzare il dispositivo in spazi privati ​​e consigliare agli utenti di non “impegnarsi in attività dannose”. (I principi di innovazione responsabile di Facebook per il suo staff di sviluppo AR sono altrettanto vaghi.)

Le motivazioni di Facebook

Gli occhiali intelligenti sono sempre stati una vendita difficile. Google Glass è stato un misero fallimento commerciale a causa di problemi di privacy. Nonostante si trovino in fondo alla strada dalla Silicon Valley, secondo quanto riferito alcuni bar di San Francisco hanno vietato a chiunque li indossasse e alcuni residenti hanno persino reagito con violenza.

Dato questo ignobile track record, cosa spera di ottenere Facebook qui? Riteniamo che, sulla base dei più ampi investimenti di Facebook nelle tecnologie VR e AR, l’obiettivo finale sia quello di normalizzare gradualmente la tecnologia di sorveglianza indossabile su cui molte persone hanno attualmente profonde e comprensibili riserve.

Brandizzandoli come un prodotto Ray-Ban piuttosto che uno di Facebook, con uno stile classico piuttosto che un look high-tech e in grado di caricare su molte piattaforme di social media diverse, l’azienda sta cercando di venderci sul concetto di “smart occhiali”, piuttosto che “occhiali Facebook”. Ma se i video Ray-Ban diventano mainstream, chissà quali altri gadget ad alta intensità di dati si nascondono dietro l’angolo?

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti piacerebbe provare questi occhiali intelligenti di Facebook? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
2
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x