Apple ancora sotto accusa: gli AirTag aiutano gli stalker

Condividi l'articolo

Apple Inc. è stata citata in giudizio da due donne che hanno affermato che i suoi dispositivi AirTag hanno reso più facile per i loro ex partner e altri stalker rintracciare le vittime.

In una proposta di class action depositata lunedì presso il tribunale federale di San Francisco, le donne affermano che Apple non è stata in grado di proteggere le persone da traffici indesiderati attraverso AirTag da quando ha lanciato quello che ha definito il dispositivo “a prova di stalker” nell’aprile 2021.

A partire da 29 dollari, gli AirTag hanno un diametro di 3,2 cm e sono destinati a essere infilati o attaccati a chiavi, portafogli, zaini e altri oggetti in modo da poterli ritrovare in caso di smarrimento.

Ma gli esperti di privacy e le forze dell’ordine hanno affermato che alcune persone utilizzano gli Airtag per scopi criminali o dolosi.

I querelanti hanno definito l’AirTag “l’arma preferita da stalker e abusatori” e hanno affermato che quest’anno è stato collegato agli omicidi di donne di Akron, Ohio e Indianapolis.

Leggi anche:

La causa di lunedì chiede un risarcimento danni non specificato per i proprietari statunitensi di dispositivi basati su iOS o Android che sono stati tracciati da AirTag o che sono “a rischio” di essere perseguitati a causa della presunta negligenza di Apple.

Martedì Apple non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

L’azienda di Cupertino, California, ha riconosciuto che “cattivi attori” hanno tentato di usare impropriamente gli Airtag.

A febbraio, Apple ha annunciato aggiornamenti programmati per rendere più facile l’individuazione dei dispositivi e avvertire più rapidamente gli utenti che gli Airtag sconosciuti potrebbero “viaggiare con loro”.

Una querelante nella causa di lunedì, Lauren Hughes, ha detto che il suo ex fidanzato ha saputo dove si era trasferita per evitarlo dopo aver posizionato un AirTag nel vano ruota della sua auto.

Ha detto che in seguito lui ha postato online una foto di un camioncino di taco del suo nuovo quartiere, includendo un’emoji ammiccante con l’hashtag “#airt2.0”.

L’altra querelante, la sconosciuta, ha dichiarato che il marito, che l’ha abbandonata, l’ha rintracciata dopo aver messo un AirTag nello zaino del loro bambino.

Il caso è Hughes et al. contro Apple Inc, Tribunale distrettuale degli Stati Uniti, Distretto settentrionale della California, n. 22-07668.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questi problemi di privacy legati ai dispositivi AirTag di Apple? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: