Biden accusa la Cina dell’attacco hacker a Microsoft Exchange

Condividi l'articolo

I rapporti tra Cina e USA non sono per niente idilliaci. L’attuale amministrazione Biden conferma che la Cina era dietro l’hacking di 30.000 server Microsoft Exchange ad aprile e condanna Pechino per aver assunto “hacker a contratto criminale” per eseguire attacchi ransomware negli Stati Uniti.

Lunedì l’amministrazione Biden ha condotto una condanna mondiale della Cina per gli attacchi ransomware sponsorizzati dallo stato, accusando Pechino di uno “schema di attività informatiche dannose”. Ciò rappresenta una “grave minaccia per la sicurezza economica e nazionale degli Stati Uniti e degli alleati”.

L’amministrazione ha anche annunciato di aver stabilito che la Cina era dietro l’hack di aprile dei server Microsoft Exchange, che ha colpito migliaia di utenti e aziende americane. I criminali informatici hanno colpito più di 30.000 server solo negli Stati Uniti e centinaia di migliaia in tutto il mondo.

E la Cina lo sta facendo per il proprio tornaconto finanziario, ha accusato la Casa Bianca.

La Cina sta usando “hacker a contratto criminale per condurre operazioni informatiche non autorizzate a livello globale, anche per il proprio profitto personale”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario dell’amministrazione durante una conferenza stampa domenica sera.

Leggi anche:

Il Regno Unito, l’Unione Europea, l’Australia, il Canada, la Nuova Zelanda, il Giappone e la NATO si sono uniti alla condanna di Pechino mentre gli attacchi informatici stanno aumentando in tutto il mondo.

Gli Stati Uniti hanno lottato per rispondere all’ondata di attacchi informatici contro aziende private, tra cui il ransomware di Colonial Pipeline e il fornitore di carne JBS, entrambi obiettivi di criminali informatici con sede in Russia. I prezzi del gas e della carne sono aumentati in seguito con entrambe le società che hanno pagato milioni di riscatti contro il parere del governo degli Stati Uniti.

Ma, nonostante la preoccupazione, gli Stati Uniti e i loro alleati non stanno intraprendendo azioni formali contro la Cina ma, invece, stanno sensibilizzando sulla sua attività. La Russia è stata soggetta a sanzioni statunitensi per la sua attività informatica dannosa.

“Siamo in quella prima importante fase di sensibilizzazione”, ha detto il funzionario.

“Gli Stati Uniti e i nostri alleati e partner non escludono ulteriori azioni per ritenere responsabile la Repubblica popolare cinese [Repubblica popolare cinese]”, ha aggiunto il funzionario.

La Cina sta usando gli attacchi informatici come un modo per far avanzare la sua economia e diventare la superpotenza globale dominante, ha precedentemente accusato il Dipartimento di Giustizia.

Leggi anche:

Lunedì, il Dipartimento di Giustizia ha reso pubblico che un gran giurì federale a San Diego, in California, ha incriminato quattro cittadini cinesi che hanno violato i sistemi informatici di dozzine di aziende, università ed enti governativi vittime negli Stati Uniti e all’estero tra il 2011 e il 2018.

L’accusa “afferma che gran parte del furto della cospirazione si è concentrato su informazioni che erano di notevole beneficio economico per le aziende e i settori commerciali cinesi, comprese le informazioni che avrebbero consentito l’elusione di processi di ricerca e sviluppo lunghi e dispendiosi in termini di risorse”, ha affermato il DoJ in una dichiarazione. Non sembra correlato all’hack di Microsoft.

Gli Stati Uniti e i suoi alleati hanno accusato il Ministero della sicurezza dello Stato cinese di aver assunto operatori informatici a contratto per condurre operazioni di ransomware contro aziende private che includono richieste finanziarie e milioni di dollari.

Queste società includono fornitori di servizi gestiti, società di semiconduttori, la Defense Industrial Base (DIB), università e istituzioni mediche, secondo l’amministrazione Biden.

Questi hacker utilizzano una serie di attività criminali, tra cui estorsioni cibernetiche, crypto-jacking e furti alle vittime di tutto il mondo, per il loro guadagno finanziario.

La Cina ha precedentemente negato tutte le accuse di hacking.

Ma l’alto funzionario dell’amministrazione ha affermato che la Casa Bianca era preoccupata per il “comportamento aggressivo” in uscita dalla Cina e ha discusso la questione con alti funzionari del governo cinese.

“Quello che abbiamo trovato davvero sorprendente e nuovo qui è stato l’uso di hacker a contratto criminale per condurre questa operazione cibernetica non autorizzata e davvero l’attività criminale a scopo di lucro. È stato davvero illuminante e sorprendente per noi”, ha detto il funzionario.

Come parte del suo contraccolpo, le agenzie governative statunitensi hanno esposto più di 50 tattiche tecniche e procedure che Pechino sta usando per condurre questi atti insieme a suggerimenti per mitigarli.

Leggi anche:

Nel caso di Microsoft, la società ha affermato che quattro vulnerabilità nel suo software hanno consentito agli hacker di accedere ai server. Sia l’azienda che la Casa Bianca hanno incoraggiato gli utenti ad aggiornare i propri sistemi con le correzioni. Microsoft ha collegato pubblicamente l’hack alla Cina a marzo.

Lunedì è la prima volta che il governo lo fa, affermando di avere un “alto grado di fiducia” che dietro ci sia Pechino.

Inoltre, almeno una società americana è stata presa di mira per un “grande” riscatto da hacker cinesi che hanno chiesto milioni, ha rivelato l’amministrazione, ma ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli.

Alcune considerazioni

Abituati all’espressione “attacchi informatici” perché da qui a chissà quantio anni la sentiremo nominare spesso. 

In passato le guerre si combattevano sul campo, ora si possono attuare a distanza, non solo con internet ma anche con tantissimi altri mezzi. I governi più potenti del mondo hanno gli strumenti adatti per colpire i nemici anche attraverso il clima. Hai mai sentito parlare di H.A.A.R.P.?

È per questo che oltre a parole come “pandemia informatica”, i mass media ci stanno bombardando di notizie riguardanti una fantomatica “emergenza climatica”. 

Le alluvioni che abbiamo visto in questi giorni in America e in Europa, potrebbero non essere episosdi unici ma soprattutto casuali. E no caro il mio lettore, questo non è complottismo, è pura realtà…

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di queste dichiarazioni del governo americano chd accusano la Cina di attacchi informatici agli Stati Uniti? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].


Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi l'articolo

Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀


Condividi l'articolo
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x