Il Cyber ​​Polygon promuove il grande programma per ripristinare il potere e la sorveglianza centralizzati?

Condividi l'articolo

Il 9 luglio il World Economic Forum ha dato il via al Cyber Polygon ossia, la più grande simulazione di attacchi informatici della storia. Gli esperti sostengono che questa pandemia informatica possa creare una crisi economica mondiale molto più grave del Covid-19 e che serva ai governi per accrescere la sorveglianza su ogni singolo essere umano. Sarà vero?

L’articolo che vi propongo è preso pari pari dal sito sociable.co e sostiene quanto segue:

Immunizzare Internet, demonizzare le criptovalute e centralizzazione superdimensionata: una prospettiva su Cyber Polygon 2021

Il Cyber ​​Polygon 2021 si conclude con discussioni che aprono la strada a una maggiore centralizzazione del potere e della sorveglianza che promuova la grande agenda di ripristino dell’economia globale e di tutte le strutture sociali.

Il World Economic Forum (WEF) e l’esercizio annuale di formazione sulla sicurezza informatica Cyber ​​Polygon dei partner si è concluso il 9 luglio con l’emergere di diverse tendenze chiave che probabilmente influenzeranno la politica globale negli anni a venire.

Queste tendenze includono:
  • Il desiderio di immunizzare Internet con anticorpi digitali per “proteggere” la società da attacchi informatici e disinformazione sfruttando attacchi ransomware e una crisi di salute pubblica per giustificare la centralizzazione del potere e del controllo
  • Una demonizzazione delle criptovalute a favore delle valute digitali della banca centrale in cui tutte le transazioni sono registrate su un registro centralizzato e hanno la capacità di concedere autorizzazioni sugli acquisti, che consolida ulteriormente il potere
  • Una fusione più stretta tra azienda e stato come soluzione a qualsiasi crisi, che si tratti di sicurezza informatica, cambiamento climatico o COVID-19, senza mai essere messa ai voti dalla volontà delle persone

Le discussioni in uscita da Cyber ​​Polygon 2021 si sono concluse con il desiderio di immunizzare Internet, demonizzare le criptovalute e sostenere sistemi di governance centralizzati attraverso una fusione più stretta di aziende e stati (partnership pubblico-privato).

Leggi anche:

Le soluzioni pubblico-private presentate suggeriscono che il WEF e i partner stanno guidando la società verso una maggiore centralizzazione del potere e della sorveglianza che promuove il grande programma di ripristino.

Qui facciamo un tuffo più profondo nelle tendenze di cui sopra che emergono da Cyber ​​Polygon 2021, mostrando anche come alcune di queste agende si stanno già manifestando sulla scena mondiale.

Immunizzare Internet

Prima dei principali attacchi ransomware alle infrastrutture critiche di quest’anno, il 18 gennaio 2021 il WEF ha pubblicato un breve video in cui avvertiva di un “attacco informatico con caratteristiche simili a COVID” che “si sarebbe diffuso più velocemente e più lontano di qualsiasi virus biologico”.

Il video sopra, che ora è “non elencato” su YouTube, afferma che il COVID-19 era noto come “un rischio anticipato” e così è il suo equivalente digitale: una pandemia informatica.

Combattere il ransomware e altre minacce informatiche è un modo in cui il WEF e i suoi partner stanno cercando di immunizzare Internet dalle ricadute di una pandemia informatica.

“Abbiamo bisogno di vaccini per immunizzarci. Lo stesso vale per gli attacchi informatici. Anche qui dobbiamo passare dalla semplice protezione all’immunizzazione. Abbiamo bisogno di costruire infrastrutture IT che abbiano intrinsecamente anticorpi digitali per proteggersi” — Klaus Schwab, Cyber Polygon 2021

Nelle sue osservazioni di benvenuto al Cyber ​​Polygon 2021, il fondatore e presidente esecutivo del WEF Klaus Schwab ha avvertito che la mancanza di sicurezza informatica è diventata “un pericolo chiaro e immediato per la nostra società in tutto il mondo”.

Evidenziando i recenti attacchi ransomware alle infrastrutture critiche, Schwab ha paragonato la sicurezza informatica alla crisi del coronavirus in quanto entrambi richiedono l’immunizzazione.

Secondo Schwab:

“Dobbiamo proteggerci non solo dal virus, dobbiamo anche sviluppare la capacità di resistere a un attacco di virus.

“In altre parole, le mascherine non bastano. Abbiamo bisogno di vaccini per immunizzarci.

“Lo stesso vale per gli attacchi informatici. Anche qui dobbiamo passare dalla semplice protezione all’immunizzazione.

“Abbiamo bisogno di costruire infrastrutture IT che abbiano intrinsecamente anticorpi digitali per proteggersi”.

Ma la nozione di immunità digitale di Schwab non è una novità.

“Una guerra al crimine informatico potrebbe facilmente diventare una guerra alla libertà di Internet” — World Economic Forum, 2012

In effetti, il WEF parla da un decennio di sviluppare un sistema immunitario digitale per Internet.

Secondo un rapporto del WEF del 2012, “Una guerra alla criminalità informatica potrebbe facilmente diventare una guerra alla libertà di Internet” e la soluzione potrebbe risiedere nello “sviluppare e diffondere contromisure quando emergono le minacce o, in altre parole, costruire un sistema immunitario digitale per Internet.”

Immunizzare Internet con anticorpi digitali, secondo l’ultimo discorso di Schwab, richiede collaborazioni pubblico-privato. Laddove i governi sono limitati nella loro conoscenza e potere, le aziende possono intervenire per riempire il vuoto.

Ancora Schwab, “I governi hanno il compito di garantire la sicurezza, ma la profonda esperienza necessaria per sviluppare un ecosistema informatico sicuro spesso spetta al settore privato”.

“Finché puoi nasconderti dietro le criptovalute e finché sei abbastanza sicuro di non essere scoperto, il prezzo per eseguire tali attacchi è piuttosto basso. Questa è una delle dinamiche che dobbiamo cambiare insieme ai governi” — Roger Halbheer, Cyber Polygon 2021.

Parlando durante la sessione del panel Cyber ​​Polygon 2021 ha chiamato: “Stato digitale di domani – quale sarà?” Il Chief Security Advisor di Microsoft, Roger Halbheer, ha affermato che gli attacchi ransomware alle infrastrutture critiche rappresentano una sfida enorme e che il settore pubblico e privato devono collaborare per condannare i criminali informatici.

“Il ransomware è un grosso problema e gli attacchi alle infrastrutture critiche rappresentano una sfida enorme su tutta la linea”, ha affermato Halbheer.

“Se guardi alla nostra intelligence all’inizio della pandemia, sembra che alcuni gruppi sotterranei abbiano concordato di non attaccare il settore sanitario con ransomware. Penso che questo accordo sia durato circa due o tre settimane perché è troppo allettante attaccarli perché puoi fare soldi”, ha aggiunto.

Leggi anche:

Il dirigente di Microsoft ha quindi chiesto collaborazioni pubbliche e private per arrestare e condannare i criminali informatici, prendendo di mira le criptovalute come strumenti che devono essere regolamentati.

“Abbiamo collegato così tante cose a Internet ora che puoi creare un grado di interruzione molto maggiore di quello che avresti potuto, diciamo, tre o quattro anni fa” – Michael Daniel, Cyber ​​Polygon 2021

In una discussione separata, Michael Daniel, Presidente e CEO della Cyber ​​Threat Alliance, ha dichiarato al panel su “Combating Ransomware” di aver visto quattro modi in cui il panorama delle minacce ransomware si è evoluto:

Il ransomware è molto più organizzato, è molto più intenso, è molto più vario, è molto più dirompente.

  • “Uno è che ora è molto più organizzato. Se la tua immagine di hacker è quella di qualcuno con una felpa con cappuccio che vive ancora nel seminterrato di sua madre, non è così che funziona l’industria ora”, ha detto Daniel. “Ed è un settore. È altamente organizzato ed è molto differenziante”.
  • Secondo, “È molto più intenso. Stiamo assistendo a un volume enorme”, ha aggiunto sostenendo l’affermazione che è molto più facile per i criminali informatici condurre attacchi ransomware che mai.
  • Terzo, “È molto più vario. Il panorama delle minacce: ora puoi attaccare non solo laptop e telefoni, ma puoi attaccare dispositivi, sistemi di controllo industriale e un’intera gamma di oggetti.
  • Quarto, “È molto più dirompente. Abbiamo collegato così tante cose a Internet ora che puoi creare un grado di interruzione molto maggiore di quanto avresti potuto, diciamo, tre o quattro anni fa”, ha aggiunto.

Il quarto punto di Daniel si ricollega a ciò di cui parlava Klaus Schwab con la necessità di immunizzare l’infrastruttura IT a causa del fatto che miliardi di dispositivi domestici, aziendali, industriali e mobili sono già stati connessi a Internet.

Una violazione in un’area di Internet può significare la rovina per il resto del mondo e la società nel suo insieme, facendo crollare i sistemi sanitari, le strutture per il trattamento delle acque, i nodi di trasporto, le forniture alimentari e le reti energetiche per citarne alcuni.

Leggi anche:

Se l’obiettivo è sviluppare anticorpi digitali sradicando il ransomware, l’eliminazione delle criptovalute e l’installazione di valute digitali centralizzate sarebbe un ingrediente del colpo di forza dei globalisti.

Demonizzare le criptovalute a favore delle valute digitali centralizzate

Il World Economic Forum e i partner non amano le criptovalute decentralizzate. Invece, i burocrati non eletti preferiscono la centralizzazione e il consolidamento del potere che le Central Bank Digital Currencies (CBDC) possono fornire.

Pertanto, i membri del WEF coglieranno ogni opportunità per demonizzare le criptovalute decentralizzate come Bitcoin ed Ethereum.

Al Cyber ​​Polygon 2021, i globalisti hanno preso di mira il modello di business “Ransomware as a Service” come mezzo per prendere di mira le criptovalute in modo più ampio.

Teresa Walsh, Global Head of Intelligence FS-ISAC, ha dichiarato al panel Cyber ​​Polygon 2021 su “Combating Ransomware” che il ransomware continuerà fino a quando i criminali informatici saranno in grado di sedersi e raccogliere i loro Bitcoin, tra gli altri incentivi.

“Puoi semplicemente entrare nel mercato sotterraneo e acquistare un kit, acquistare un kit di phishing per aiutarti a distribuirlo, e poi raccogliere i benefici dei Bitcoin in arrivo purché tu ne dia un po’ di lato agli operatori dietro la scrivania” — Teresa Walsh, Cyber ​​Polygon 2021

“[Ransomware] è un servizio”, ha affermato Walsh, aggiungendo: “È un modello di business – il Ransomware as a Service – in cui non devi essere molto informato su come creare ransomware. Puoi semplicemente entrare nel mercato sotterraneo e acquistare un kit, acquistare un kit di phishing per aiutarti a distribuirlo, e poi raccogliere i benefici dei Bitcoin in arrivo purché tu ne dia un po’ di lato agli operatori dietro la scrivania.”

Le parole di Walsh hanno fatto eco a quelle del consigliere capo per la sicurezza di Microsoft Roger Halbheer, che ha affermato nella discussione “Digital State of Tomorrow”:

Finché puoi nasconderti dietro le criptovalute e finché sei abbastanza sicuro di non essere scoperto, il prezzo per eseguire tali attacchi è piuttosto basso. Questa è una delle dinamiche che dobbiamo cambiare insieme ai governi.

“Immagina di poter dare ai tuoi figli dei soldi in rubli digitali e quindi limitarne l’uso per l’acquisto di cibo spazzatura” — Alexey Zabotkin, Cyber ​​Polygon 2021

Un altro panel di discussione di Cyber ​​Polygon 2021 aveva un titolo piuttosto particolare: “New World – New Currency”, che ha elaborato su come le banche centrali stavano cercando di implementare valute digitali in cui tutte le transazioni sarebbero state registrate su un unico registro.

Leggi anche:

Il panel ha evidenziato gli sforzi della banca centrale per lanciare valute digitali che possono essere programmate con autorizzazioni sulle transazioni, con la possibilità di limitare determinati acquisti.

“Questo [rublo digitale] consentirà una migliore tracciabilità dei pagamenti e del flusso di denaro e esplorerà anche la possibilità di stabilire condizioni sui termini di utilizzo consentiti di una determinata unità di valuta” — Alexey Zabotkin, Cyber ​​Polygon 2021

Il vice governatore della Banca di Russia, Alexey Zabotkin, ha affermato che il rublo digitale “esplorerà la possibilità di stabilire condizioni sui termini di utilizzo consentiti di una determinata unità di valuta”.

“Immagina di poter dare ai tuoi figli dei soldi in rubli digitali e quindi limitarne l’uso per l’acquisto di cibo spazzatura”, ha aggiunto.

Quindi, per ricapitolare finora: immunizzare Internet significa sradicare il ransomware e altre minacce, e parte dell’eradicazione del ransomware significa demonizzare le criptovalute mentre si spinge per valute digitali della banca centrale completamente centralizzate e basate su autorizzazioni.

Centralizzazione del potere, della sorveglianza e del controllo delle aziende e dello stato

In generale, tutte le soluzioni proposte portano a conferire a enti pubblici e privati ​​più potere di sorveglianza, controllo, coercizione ed influenza su tutta l’attività digitale attraverso la fusione di aziende e stati (partnership pubblico-privato).

E con il grande programma di ripristino del WEF che spinge per la fusione dei nostri sé fisici, digitali e biologici attraverso l’ecosistema Internet of Bodies (IoB), quello che stiamo vedendo è un futuro in cui il corpo umano è fisicamente connesso a Internet in ogni momento — rendendo così gli stessi esseri umani vulnerabili agli attacchi informatici.

Leggi anche:

L’ecosistema IoB fa parte della Quarta Rivoluzione Industriale che il World Economic Forum desidera sfruttare per il suo programma di “grande reset”.

“Dopo l’Internet delle cose, che ha trasformato il modo in cui viviamo, viaggiamo e lavoriamo collegando gli oggetti di uso quotidiano a Internet, ora è il momento dell’Internet dei corpi”, ha scritto Xiao Liu, membro del Centro per la quarta rivoluzione industriale del WEF.

“Ciò significa raccogliere i nostri dati fisici tramite dispositivi che possono essere impiantati, ingeriti o semplicemente indossati, generando enormi quantità di informazioni relative alla salute”.

Secondo RAND, “Una maggiore adozione dell’IoB potrebbe anche aumentare i rischi geopolitici globali, perché gli stati di sorveglianza possono utilizzare i dati dell’IoB per imporre regimi autoritari”.

Se e quando l’utopia tecnocratica dei globalisti diventerà mai realtà, allora un attacco informatico ai sistemi IT critici potrebbe far crollare l’intero sistema, mandando nel caos l’Internet of Bodies.

Poiché le esperienze umane sembrano diventare più virtuali sui sistemi centralizzati, avrebbe senso solo per i burocrati globalisti non eletti rendere Internet il più sicuro possibile.

Leggi anche:

Dopotutto, sarebbe molto più difficile per loro tracciare e tracciare tutte le tue attività online se non avessero il controllo totale sulla governance e sui regolamenti di Internet.

Oggi vediamo paesi europei come la Francia che richiedono pass sanitari digitali COVID e passaporti vaccinali per i cittadini per partecipare ad attività quotidiane “non essenziali” come andare a ristoranti ed eventi sportivi.

La Francia inizierà presto a far pagare alle persone i test PCR come mezzo per costringere le persone a ottenere il vaccino e quindi a firmare per il passaporto sanitario, che minaccia i diritti umani fondamentali a molti livelli, come precedentemente riportato su The Sociable.

Ma i mezzi tecnologici per un maggiore controllo e sorveglianza non si fermano qui.

Cyber Polygon 2020 e gli eventi che si svolgeranno nel 2021

Al Cyber Polygon dello scorso anno, Schwab ha avvertito di un’inevitabile pandemia informatica.

“Sappiamo tutti, ma prestiamo ancora insufficiente attenzione allo scenario spaventoso di un attacco informatico globale, che porterebbe un arresto completo all’alimentazione, ai trasporti, ai servizi ospedalieri e alla nostra società nel suo insieme” — Klaus Schwab, Cyber Polygon 2020

“Sappiamo tutti, ma prestiamo ancora insufficiente attenzione allo scenario spaventoso di un attacco informatico completo, che porterebbe un arresto completo all’alimentazione, ai trasporti, ai servizi ospedalieri e alla nostra società nel suo insieme”, ha affermato Schwab nel 2020.

Quest’anno, il fondatore del WEF ha dato seguito al suo “scenario spaventoso” evidenziando i recenti attacchi ransomware che hanno colpito infrastrutture critiche in tutto il mondo nel 2021.

“I cittadini sono colpiti da carenza di energia, cure mediche ritardate e altri effetti causati da questa nuova generazione di audaci attacchi informatici” – Klaus Schwab, Cyber ​​Polygon 2021

“Negli ultimi mesi abbiamo assistito, ad esempio, ad attacchi ransomware mirati a ospedali, infrastrutture critiche, sistemi scolastici, rete elettrica e molti altri servizi essenziali”, ha affermato Schwab.

“I cittadini sono colpiti dalla carenza di energia, dal ritardo delle cure mediche e da altri effetti causati da questa nuova generazione di audaci attacchi informatici”, ha aggiunto.

Sempre preparandosi per una pandemia informatica anticipata, le discussioni dell’esercizio Cyber ​​Polygon dello scorso anno si sono concentrate sulla continua richiesta dei globalisti di collaborazioni pubblico-privato, l’adozione di schemi di identità digitale e il desiderio di censurare la “disinformazione” che andava contro la messaggistica autorevole.

“I gruppi alleati di Biden, incluso il Comitato nazionale democratico, stanno anche pianificando di coinvolgere i fact-checker in modo più aggressivo e lavorare con i gestori di SMS per dissipare la disinformazione sui vaccini che viene inviata tramite social media e messaggi di testo” – Politico, 2021

Proprio questa settimana, Politico ha riferito che le organizzazioni politiche impegneranno i “fact-checker” per esercitare pressioni sui vettori di SMS per censurare i social media e i messaggi di testo relativi ai vaccini.

Secondo Politico, “i gruppi alleati di Biden, incluso il Comitato nazionale democratico, stanno anche pianificando di coinvolgere i fact-checker in modo più aggressivo e lavorare con i gestori di SMS per dissipare la disinformazione sui vaccini che viene inviata tramite social media e messaggi di testo”.

Leggi anche:

Qui vediamo la politica farsi strada nelle politiche di messaggistica delle piattaforme più influenti del settore privato, nonostante il portavoce della Casa Bianca Kevin Munoz abbia assicurato a Politico che l’amministrazione era “impegnata a tenere la politica fuori dallo sforzo”.

“Quando vediamo sforzi deliberati per diffondere disinformazione, lo consideriamo un impedimento per la salute pubblica del paese e non eviteremo di denunciarlo”, ha affermato Munoz.

L’ID digitale per me è una parte molto importante del futuro… Inevitabilmente, i governi si muoveranno in questa direzione – assolutamente, inevitabilmente” – Tony Blair, Cyber ​​Polygon 2020

Sul fronte dell’identità digitale, Tony Blair ha dichiarato al Cyber ​​Polygon dello scorso anno: “L’ID digitale per me è una parte molto importante del futuro”.

“Inevitabilmente, i governi si muoveranno in questa direzione, assolutamente, inevitabilmente”, ha aggiunto.

Passando velocemente ad oggi, i pass sanitari e i passaporti per i vaccini sono solo trampolini di lancio verso l’adozione dell’identità digitale.

Per coloro che non hanno familiarità, le identità digitali tengono un registro di tutte le tue attività online, come i siti web che visiti, con chi comunichi, il tuo stato di salute, le tue informazioni finanziarie, il punteggio di credito, ecc.

Secondo un rapporto del WEF del 2018, “La nostra identità è, letteralmente, chi siamo, e con l’avanzare delle tecnologie digitali della Quarta Rivoluzione Industriale, la nostra identità è sempre più digitale”.

Questa identità digitale determina a quali prodotti, servizi e informazioni possiamo accedere o, al contrario, cosa ci è precluso.

In altre parole, le identità digitali – con i passaporti sanitari che sono solo una componente – stanno portando a un sistema di classi in cui alle persone viene dato accesso a informazioni, prodotti e/o servizi privilegiati sulla base dei dati registrati nelle loro identità digitali.

Leggi anche:

Stiamo già assistendo a questa situazione con i passaporti dei vaccini ed è improbabile che si fermi qui.

La grande agenda del reset accelera

I globalisti non eletti approfitteranno di ogni crisi per esercitare la loro influenza su politici, imprenditori e società civile.

Non importa se la crisi ha a che fare con la sicurezza informatica, il cambiamento climatico, la povertà o una pandemia globale: ogni soluzione proposta dal WEF richiede collaborazioni pubblico-privato, una fusione più stretta tra azienda e stato.

Il grande programma di ripristino è un mezzo per raggiungere un fine.

Il fine è il potere centralizzato e il controllo sulla società attraverso la pressione sociale ed economica che viene imposta dalle tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale che alimentano l’Internet dei corpi, il transumanesimo, le identità digitali, la finanza globale, le catene di approvvigionamento alimentare e molto altro.

Con Cyber ​​Polygon 2021, vediamo il WEF e i partner che mirano a immunizzare Internet, demonizzare le criptovalute e sovradimensionare la loro centralizzazione del potere senza mai mettere ai voti la loro agenda per volontà delle persone.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Qual è la tua idea sul Cyber Polygon? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected]ibero.it.


Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi l'articolo

Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀


Condividi l'articolo
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x