News

Bloccare i siti pirata aumenta il consumo di contenuti legali

Condividi l'articolo

Un recente studio ha rivelato che bloccare i siti pirata in Brasile e in India ha portato a un aumento del consumo di contenuti legali. Questa ricerca non revisionata dai pari sostiene le conclusioni precedenti nel Regno Unito. Tuttavia, l’impatto sui siti pirata non bloccati è vario e gli effetti a lungo termine sul consumo legale sono ancora incerti.

Il blocco dei siti web è diventato un metodo popolare per contrastare la pirateria online in numerosi paesi. I fornitori di servizi internet in molte nazioni bloccano l’accesso a vari siti pirata, con l’aggiunta regolare di nuovi siti. I detentori dei diritti incoraggiano l’espansione di queste misure negli Stati Uniti.

Ricerche precedenti, basate sui dati del Regno Unito, hanno mostrato che il blocco di siti come The Pirate Bay non ha avuto un impatto significativo sul consumo legale. Invece, i pirati trovavano spesso modi per bypassare le restrizioni. Tuttavia, ricerche più recenti hanno rivelato che all’aumentare dei siti bloccati nel Regno Unito, il traffico complessivo della pirateria è diminuito, mentre il consumo di contenuti legali è aumentato.

Leggi anche:

Uno studio condotto in India ha esaminato due ondate di blocco dei siti, che hanno portato a un aumento delle visite ai servizi di streaming legali. Allo stesso modo, in Brasile, il blocco dei siti pirata ha portato a un maggiore traffico sui siti di streaming legali. Tuttavia, c’è stato anche un aumento delle visite ai siti pirata non bloccati, indicando un effetto di dispersione.

Questi risultati suggeriscono che il blocco dei siti ha effetti positivi oltre il Regno Unito. I titolari dei diritti potrebbero trovarlo incoraggiante mentre cercano di espandere queste misure a livello globale. Sebbene la ricerca più recente non sia stata soggetta a revisione separata, si allinea con le conclusioni precedenti.

Una preoccupazione riguarda l’impatto a lungo termine sul comportamento del consumatore. La maggior parte degli studi misura solo il comportamento durante un breve periodo, lasciando senza risposta domande sui effetti sostenuti. I ricercatori affrontano sfide nel reperire dati per studi a lungo termine.

Lo studio è stato finanziato in parte dalla Motion Picture Association (MPA), che ha sostenuto l’iniziativa di ricerca dietro lo studio. Tuttavia, i ricercatori mantengono la propria indipendenza e integrità nell’eseguire gli studi.

In generale, la ricerca indica che il blocco dei siti può favorire il consumo di contenuti legali, ma sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i suoi effetti. La natura dinamica della ricerca sulla pirateria significa che continueranno a sorgere nuove domande e sfide.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questo studio? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 224 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments