Facebook rivela alcune potenzialità dei futuri occhiali AR

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

È noto che Facebook collabora con Ray-Ban per sviluppare un paio di occhiali per realtà aumentata. Ciò che è meno chiaro è come Facebook immagina che funzioneranno questi occhiali e come l’azienda immagina che le persone interagiranno con il dispositivo. Un nuovo blog di Facebook Reality Labs getta un po ‘di luce su questo fronte, e forse coinvolge guanti tattili e braccialetti “morbidi”.

Facebook Reality Labs è essenzialmente un gruppo di ricercatori, sviluppatori e ingegneri che lavorano sulla realtà virtuale e aumentata. Ogni tanto pubblicano approfondimenti sulle sfide e sul potenziale dell’AR. Questa volta, FRL sta affrontando il problema dell’interfaccia con gli occhiali intelligenti. Vale a dire, anche se hai un sacco di notifiche che compaiono nel tuo campo visivo, hai bisogno di un qualche modo per interagire con ciò che stai vedendo. Gli ormai defunti Focals di North, così come Google Glass Enterprise Edition 2, avevano entrambi dei discreti passanti per le dita che ti consentono di navigare nei menu. Altri, come gli occhiali Moverio di Epson, si affidano al tuo smartphone. Nessuno di questi metodi è particolarmente intuitivo ed è uno dei motivi per cui gli occhiali intelligenti non sono davvero decollati.

Il blog di FRL delinea una giornata teorica di indossare gli occhiali per la realtà aumentata di Facebook, insieme a quello che chiama un “braccialetto morbido”. Fondamentalmente, vai in un bar e i tuoi occhiali intelligenti ti chiedono se vuoi riprodurre un podcast. Invece di dover rispondere tramite il telefono o il loop del dito, potresti sfiorare un dito e il braccialetto lo interpreterà come fare clic su un pulsante di riproduzione invisibile. Il blog poi delinea uno scenario in cui saresti in grado di tirare fuori un paio di “guanti tattili morbidi e leggeri” che poi segnalano agli occhiali di proiettare uno schermo virtuale e una tastiera.

Ciò che FRL sta descrivendo non è futuristico come potresti pensare. Sta essenzialmente attingendo a qualcosa chiamato elettromiografia (EMG), che imbriglia i segnali elettrici che viaggiano dalla colonna vertebrale alla mano. Questa tecnologia esiste già: il cinturino Mudra è un prototipo di cinturino per Apple Watch che ti consente di controllare determinate funzioni sfiorando le dita. Anch’esso lo fa leggendo i segnali elettrochimici prodotti dal tuo sistema nervoso. Quando ho parlato con i creatori della Mudra Band al CES, hanno anche immaginato che la band potesse essere utilizzata per i controlli AR e VR. Facebook non è l’unica azienda con questa idea.

Leggi anche:

Poi ci sono i guanti tattili, che Facebook ritiene essere un “input a bassissimo attrito”. Più semplicemente, i guanti sono molto più naturali da usare rispetto a tecnologie come telecamere per il monitoraggio delle mani, array di microfoni e eye-tracking. Il feedback tattile è anche presumibilmente un modo semplice per fornire a un utente un feedback sugli oggetti virtuali con cui stai interagendo, un po ‘come un telefono che vibra. In definitiva, sembra che Facebook stia scommettendo su “sistemi indossabili morbidi per tutto il giorno” o “dispositivi indossati vicino o sulla superficie della pelle dove rilevano e trasmettono dati”.

È certamente un approccio intelligente e, come i dettagli del blog, consentirebbe un modo più intuitivo di interagire con occhiali intelligenti e ambienti virtuali. Se potessi “fare clic” sui pulsanti con movimenti discreti delle dita, non dovresti necessariamente scorrere i menu. L’interfaccia potrebbe quindi essere progettata attorno a domande “sì” o “no”, a condizione che l’IA fosse abbastanza potente da interpretare ciò che si desidera in una determinata situazione. (Puoi sbirciare un video concettuale di come potrebbe apparire quell’interfaccia.)

Questo è certamente un grande “se” e probabilmente non qualcosa che vedremo in qualunque sia la prima, imminente iterazione degli occhiali intelligenti di Facebook. Lo stesso Facebook Reality Labs afferma nel blog che la tecnologia di rilevamento e i dati altamente personalizzati necessari per addestrare un modello di inferenza AI semplicemente non esistono ancora. Tuttavia, il concetto è sorprendentemente ponderato, considerando che solo poche settimane fa Facebook ha detto stupidamente che stava rimuginando sul riconoscimento facciale per i futuri occhiali intelligenti. Onestamente, sarebbe fantastico se Facebook continuasse a investire di più in idee come queste per i suoi occhiali intelligenti, invece di creare più problemi di privacy.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Hai mai provato un prodotto Motorola? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x