Gli astronomi hanno rilevato il buco nero più vicino alla Terra

Condividi l'articolo

Nuove osservazioni hanno rivelato la presenza di un buco nero molto singolare. Questo sembra essere sia il più piccolo oggetto di questo tipo mai rilevato, sia il più vicino al nostro pianeta.

In un lavoro imminente sugli avvisi mensili della Royal Astronomical Society, un team di astronomi della Ohio State University ha identificato un buco nero che potrebbe stabilire due nuovi record. Di fronte al suo soprannome di “unicorno” nella costellazione in cui si trova, questo oggetto con una massa tre volte maggiore di quella del Sole si trova vicino alla stella gigante rossa V723 Mona soli 1.500 anni luce dalla Terra.

In precedenza, il più piccolo buco nero mai rilevato era di 3,3 masse solari, mentre l’oggetto più vicino si trovava a circa 3000 anni luce di distanza. L’anno scorso è stato suggerito che il sistema stellare HR 6819, situato a circa 1120 anni luce di distanza, ospitasse il buco nero più vicino conosciuto, ma ulteriori studi hanno messo in dubbio l’esistenza di un tale oggetto in questa parte del cosmo.

A causa della sua massa minuscola (per un buco nero), l’unicorno costituisce una vera curiosità: l’oggetto è infatti più piccolo dei buchi neri noti come “di massa stellare” (da 5 a 30 masse solari), rispetto a quanto fino a poco tempo fa erano considerati per essere i più piccoli esistenti.

Leggi anche:

Con tali oggetti cosmici che si dimostrano, per loro natura, difficili da individuare, gli astronomi si sono affidati all’influenza gravitazionale dell’unicorno sulla stella che lo accompagna. La luce di quest’ultimo sembrava cambiare di intensità in diversi punti della sua orbita, suggerendo che fosse allungata dalla gravità di un oggetto vicino. In assenza di una seconda stella compagna visibile, il team ha dedotto che l’oggetto in questione era molto probabilmente un buco nero.

RILEVAZIONI CHE POTREBBERO MOLTIPLICARSI GRAZIE AI NUOVI TELESCOPI

“Proprio come la Luna può deformare gli oceani della Terra, producendo alte e basse maree, un buco nero può dare a una stella una forma allungata, che ricorda una lacrima, afferma Todd Thompson, coautore dello studio. “In questo caso specifico, questa è la spiegazione più semplice e più probabile”.

Per determinare la massa del minuscolo buco nero, i ricercatori hanno analizzato la distorsione gravitazionale della stella, la sua velocità e il periodo della sua orbita. Altri oggetti cosmici con caratteristiche simili potrebbero essere scoperti nei prossimi anni, dicono, man mano che i telescopi diventeranno più potenti e l’analisi dei dati migliorerà.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: