News

Google ha elaborato oltre 1 miliardo di richieste DMCA di rimozione in soli 4 mesi

Condividi l'articolo

Il dipartimento di rimozione dei contenuti di Google Search sta affrontando l’anno più impegnativo di sempre. Il totale complessivo di richieste DMCA di rimozione è appena salito a 9 miliardi, con l’ultima aggiunta di un miliardo in soli quattro mesi. Anche la lista dei siti più presi di mira ha accolto dei nuovi arrivati, con la “biblioteca ombra” Anna’s Archive che è entrata nella top ten con due nomi di dominio.

Google ha iniziato a tenere traccia di tutte le richieste DMCA di rimozione all’inizio dello scorso decennio. Nella primavera del 2012, Google ha lanciato ufficialmente il suo Rapporto sulla trasparenza, condividendo i dettagli su tutte le richieste di rimozione legate al copyright, inclusi i link presi di mira e i loro invianti.

Negli anni successivi, il volume delle richieste DMCA di rimozione è aumentato costantemente. Quando alla fine ha raggiunto un plateau alcuni anni fa, abbiamo ipotizzato che le misure anti-pirateria di Google stessero dando i loro frutti. Tuttavia, i pirati si sono dimostrati testardi e difficili da abbattere.

Oggi, molti siti di pirateria sono ben consapevoli delle tattiche di demansionamento di Google e dell’incessante flusso di richieste di rimozione. In risposta, molti di loro si sono spostati su nuovi domini o strutture URL, innescando un gioco del gatto e del topo con Google, in veste di spettatore, ma al centro di tutto.

Leggi anche:

Inizialmente, ci sono voluti diversi anni prima che Google elaborasse la sua miliardésima richiesta DMCA di rimozione, ma la rinascita che abbiamo visto nell’ultimo anno ha infranto tutti i record. Nell’agosto scorso, Google ha raggiunto il traguardo dei 7 miliardi, solo nove mesi dopo aver ricevuto il 6° miliardo. A febbraio, dopo soli sei mesi, è stato raggiunto il traguardo degli 8 miliardi e oggi, a quattro mesi di distanza, i totali superano i 9 miliardi.

È difficile dire se questo aumento continuerà, poiché i numeri sono dominati da meno di una manciata di aziende di rimozione. Tra queste c’è Link-Busters, che a inizio anno stava viaggiando a una media di oltre 200 milioni di rimozioni al mese.

Lo scorso anno, tuttavia, è stata la società di intrattenimento per adulti MG Premium ad essere il più prolifico inviante di richieste di rimozione. Di recente, Link-Busters sembra aver un po’ rallentato, quindi potrebbe emergere un nuovo protagonista per battere ancora i record.

Guardando ai siti presi di mira, vediamo che sono comparsi alcuni nuovi nomi. Tra questi ci sono due nomi di dominio del motore di ricerca della “biblioteca ombra” Anna’s Archive. Questi nomi di dominio sono presi di mira da diversi editori importanti, principalmente attraverso Link-Busters.

Un altro nuovo dominio, attualmente al terzo posto, è 123rutor.su. Questo sito è stato segnalato più di 100 milioni di volte in meno di un anno, quasi esclusivamente da VGTRK, l’emittente televisiva e radiofonica statale russa.

Il nome principale 123rutor.su non è accessibile, ma il mirror Rutor ha centinaia di sottodomini e ne può aggiungere altri se necessario. Molti di questi sembrano privi di significato, altri invece richiamano nomi più familiari.

Questa strategia è comprensibilmente frustrante per i titolari dei diritti. Aggiungendo nuovi sottodomini, tutte le precedenti richieste di rimozione diventano inutili, con un apparente gioco infinito della talpa.

Non tutto viene rimosso

Google riporta solo i totali di quanti “URL pirata” i titolari dei diritti segnalano all’azienda. Non tutti questi risultati si traducono in contenuti rimossi, poiché includono anche duplicati e URL sui quali Google non interviene.

Inoltre, centinaia di milioni di URL segnalati non sono indicizzati da Google, quindi non possono essere rimossi. Google li inserisce in una “blacklist” separata, che impedisce loro di essere aggiunti ai risultati di ricerca in seguito.

Nel complesso, è lecito affermare che con il ritmo attuale, è probabile che vedremo la decima miliardésima richiesta di rimozione entro la fine dell’anno. Molte altre seguiranno probabilmente negli anni a venire.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 51 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments