In Etiopia sono stati ritrovati reperti fossili molto antichi

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

I ricercatori affermano che gli antichi fossili umani inizialmente trovati in Etiopia sono molto più antichi di quanto si pensasse. In effetti, è possibile che i fossili abbiano almeno 230.000 anni.

I resti, chiamati Omo I, furono portati alla luce in Etiopia alla fine degli anni ’60. I fossili sono uno dei più antichi esempi conosciuti di fossili di Homo sapiens e gli esperti li hanno precedentemente datati a meno di 200.000 anni.

Ma lo studio condotto presso l’Università di Cambridge ha rivelato che i fossili di Omo I devono precedere una colossale eruzione vulcanica nell’area, avvenuta 230.000 anni fa. I dettagli dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

Per lo studio, il team di ricerca ha datato le impronte chimiche degli strati di cenere vulcanica che sono stati trovati sopra e sotto i sedimenti dove i fossili sono stati portati alla luce per la prima volta. I ricercatori hanno prelevato campioni di pietra pomice dai depositi vulcanici e li hanno ridotti a dimensioni sub-millimetriche per datare i resti vulcanici.

Mentre questo spinge l’età minima per l’Homo sapiens nell’Africa orientale indietro di 30.000 anni, studi futuri potrebbero estendere ulteriormente l’età.

Già nel 2017, gli archeologi hanno annunciato la scoperta dei fossili di Homo sapiens più antichi del mondo: un teschio di 300.000 anni a Jebel Irhoud, in Marocco.

Leggi anche:

I resti di Omo I sono stati trovati nella Formazione Omo Kibish nel sud-ovest dell’Etiopia, che si trova all’interno della Rift Valley dell’Africa orientale. Il luogo è un’area ad alta attività vulcanica e una ricca fonte di antichi resti umani e manufatti.

Dopo aver datato strati di cenere vulcanica sopra e sotto dove si trovano materiali fossili, il team di ricerca è stato in grado di identificare Omo I come uno dei primi esempi di specie umana mai trovati.

La dott.ssa Celine Vidal del Dipartimento di Geografia di Cambridge e l’autrice principale del documento, hanno affermato che utilizzando questi metodi, l’età generalmente accettata dei fossili di Omo I è inferiore a 200.000 anniTuttavia, permangono molte incertezze attorno a questa data. Ha aggiunto che i fossili sono stati scoperti in sequenza, sotto uno spesso strato di cenere vulcanica che nessuno è riuscito a datare poiché la cenere è a grana troppo fine.

Il progetto quadriennale, guidato dal professor Clive Oppenheimer, un vulcanologo britannico, sta cercando di datare tutte le principali eruzioni vulcaniche nel Rift etiope.

Vidal ha spiegato che ogni eruzione ha una “impronta digitale” unica o una storia evolutiva sotto la superficie, che è determinata “dal percorso seguito dal magma”. La frantumazione della roccia libera i minerali all’interno, che vengono poi utilizzati per datarli e identificare la firma chimica del vetro vulcanico che tiene insieme i minerali.

Gli scienziati hanno condotto analisi geochimiche sulla roccia frantumata per collegare l’impronta digitale della cenere vulcanica dal sito degli ominidi di Kamoya con un’eruzione del vulcano Shala. Successivamente, il team di ricerca ha datato campioni di pomice dal vulcano a 230.000 anni fa. 

Leggi anche:

Secondo i ricercatori, dal momento che i fossili di Omo I sono stati trovati più in profondità di questo particolare strato di cenere, potrebbero avere più di 230.000 anni.

Vidal ha detto che quando ha scoperto per la prima volta che c’era una corrispondenza geochimica, la risma non aveva l’età dell’eruzione di Shala. Ha quindi inviato campioni del vulcano Shala ai loro colleghi di Glasgow per aiutarli a determinare l’età delle rocce.

Dopo che Vidal ha ricevuto i risultati, si è resa conto che il più antico Homo sapiens della regione era più antico di quanto si pensasse.

La formazione di Omo Kibish è un vasto deposito sedimentario a cui è stato “apprezzato e studiato a malapena in passato”, ha aggiunto il professor Asfawossen Asrat, coautore dello studio dell’Università di Addis Abeba in Etiopia.

Dopo uno studio più attento della stratigrafia della Formazione Omo Kibish, in particolare degli strati di cenere, i ricercatori sono stati in grado di spingere l’età del più antico Homo sapiens della regione ad almeno 230.000 anni. La stratigrafia  è una disciplina scientifica che si occupa della “descrizione delle successioni rocciose e della loro interpretazione in termini di scala temporale generale.

Omo I ha caratteristiche umane moderne definite

A differenza di altri fossili del Pleistocene medio che si ritiene appartengano alle prime fasi del lignaggio Homo sapiens, Omo I ha caratteristiche umane moderne definite, ha affermato il dottor Aurelien Mounier, coautore dello studio del Musee de l’Homme di Parigi.

Mounier ha citato l’esempio di una “volta cranica alta e globosa e un mento” e ha affermato che la nuova stima della data rendeva i resti “il più antico Homo sapiens incontrastato in Africa”.

Fino alla scoperta di Jebel Irhoud quattro anni fa, molti esperti pensavano che tutti gli esseri umani che vivono oggi discendessero da una popolazione che viveva nell’Africa orientale circa 200.000 anni fa.

Vidal ha affermato che gli esperti possono datare l’umanità solo in base ai fossili che hanno, rendendo difficile capire che questa è l’età definitiva della specie umana. Ma lo studio dell’evoluzione umana è sempre in movimento e “i confini e le linee temporali cambiano man mano che la nostra comprensione migliora”.

I fossili di Omo I illustrano anche quanto siano resilienti gli esseri umani e come possano vivere in un luogo soggetto a disastri naturali.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa scoperta avvenuta in Etiopia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x