Mark Zuckerberg avrebbe finanziato la frode elettorale americana

Condividi l'articolo

Per il CEO di Facebook i guai sembrano non finire mai. Dopo la censura di Facebook arrivano le accuse relative alla frode delle elezioni americane

I mass media non ne parlano ma quello che sta accadendo in America in questi mesi è di vitale importanza e di rilevanza storica. 
Secondo le proiezioni del 4 novembre, il presidente eletto sarebbe Joe Biden ma le cose non stanno proprio così. Trump è convinto che i voti siano stati manomessi da un software chiamato Dominion e per questo la vittoria di Biden è tutt’altro che certa!

Secondo un nuovo rapporto, centinaia di milioni di dollari del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg sono stati utilizzati per violare le leggi elettorali.
Il progetto Amistad della Thomas More Society, un’organizzazione nazionale di contenzioso costituzionale, ha pubblicato il rapporto di 39 pagine, sostenendo che i 500 milioni di dollari dati da Zuckerberg ai funzionari elettorali sono stati usati per trattare gli elettori in modo ineguale e per influenzare impropriamente l’elezione del candidato presidenziale democratico Biden.

La maggior parte dei fondi è andata al Center for Tech and Civic Life (CTCL), un’organizzazione senza scopo di lucro fondata da ex dirigenti e personale del New Organizing Institute, un’organizzazione senza scopo di lucro progressista.
Secondo il rapporto, l’organizzazione non profit all’inizio di quest’anno “ha iniziato a inviare agenti negli stati per reclutare alcune roccaforti democratiche per preparare sovvenzioni richiedendo denaro”.

Ad esempio, il centro ha donato $ 100.000 a Cory Mason, il sindaco di Racine, nel Wisconsin, per reclutare altre quattro città per sviluppare un piano e richiedere una sovvenzione più ampia. Queste cinque città hanno presentato un piano del genere a giugno e hanno ricevuto 6,3 milioni di dollari per attuarlo.
Questo tipo di privatizzazione delle elezioni “mina l’Help America Vote Act (HAVA), che richiede che i piani elettorali statali siano presentati ai funzionari federali e approvati e richiede il rispetto per la parità di protezione rendendo tutte le risorse disponibili equamente a tutti gli elettori”, afferma il rapporto.

“La fornitura di fondi Zuckerberg-CTCL ha permesso a queste roccaforti democratiche di spendere circa $ 47 per elettore, rispetto ai $ 4 a $ 7 per elettore nelle aree tradizionalmente repubblicane dello stato. Inoltre, questo reclutamento di giurisdizioni mirate per azioni e finanziamenti governativi specifici è contrario ai piani elettorali legislativi e invita il governo a giocare i favoriti nel processo elettorale “.

Phill Kline, direttore del progetto Amistad della Thomas More Foundation, in una fotografia. (Per gentile concessione di Phill Kline)

Il portavoce di Mason non ha risposto a una richiesta di commento, né un portavoce di Facebook, né l’ufficio media di CTCL.

“Questo è effettivamente un governo ombra che gestisce le nostre elezioni”, ha detto Phill Kline, direttore del Progetto Amistad, in una conferenza stampa in Virginia.
“Il governo ha la responsabilità principale della gestione delle elezioni. Non indichiamo elezioni per le offerte. Non abbiamo elezioni portate da voi dalla Coca Cola. È compito del governo gestire le elezioni e deve farlo senza un pollice sulla scala“.

Il progetto afferma che le principali fondazioni che finanziano gli sforzi includono The Democracy Fund, New Venture Fund, Skoll Foundation e Knight Foundation.

Altre organizzazioni non profit ritenute fondamentali per la distribuzione del denaro oltre a CTCL sono state nominate Centro per la ricerca sull’innovazione elettronica, Centro per il design civico, Istituto nazionale di voto a casa, Centro per elezioni sicure e moderne e Rock the Vote.

Nessuno ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

E così, dopo le accuse della complicità nella repressione del Vietnam e le illazioni dei fact-checkers finanziati da TikTok con annessa l’accusa di censura spietata, arriva un’altra pesante tegola per il caro Mark.

Fonte: https://www.theepochtimes.com/

Dite la vostra!

Che ne pensate di queste accuse mosse al proprietario di Facebook Mark Zuckerberg? Credete siano infondate?  Fateci sapere cosa ne pensate lasciando un commento nell’apposita sezione che trovate più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, potete inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: