Maxi blitz contro il “pezzotto”. 45 indagati per lo streaming illegale

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Un’operazione della polizia di stato che ha coinvolto oltre 200 agenti ha accusato 45 persone e preso il controllo di un sistema informatico utilizzato per diffondere flussi illegali, bloccando 1,5 milioni di utenti in una repressione dei contenuti non autorizzati.

La guerra allo streaming illegale continua anche nel 2021. Proprio ieri, venerdì 14 maggio, la polizia di stato ha bloccato 1,5 milioni di utenti che trasmettevano illegalmente contenuti in streaming da provider tra cui Netflix, Sky, DAZN e l’emittente domestica Mediaset.

L’IPTV tuttavia può comprendere anche canali tv esteri o di natura hard per un pubblico adulto.

Un comunicato delle stesse forze dell’ordine della penisola, ha affermato che oltre nella maxi operazione sono stati coinvolti oltre 200 agenti e che ben 45 persone sono state accusate di delitto di associazione a delinquere finalizzato alla commissione dei delitti di accesso abusivo a sistema informatico protetto da misure di sicurezza, di frode informatica aggravata dall’ingente danno arrecato e di abusiva riproduzione e diffusione a mezzo Internet di opere protette dal diritto di autore e opere dell’ingegno.

La città maggiormente incriminata è Messina dove si è assistito ad un blocco dell’80% dei contenuti trasmessi illegalmente in streaming su Internet attraverso il cosiddetto protocollo Internet (IP). Anche la maggior parte degli indagati vive nel sud Italia.

I contenuti vengono prima acquisiti legalmente e poi trasformati in flussi audio e video verso le case degli utenti finali.

Leggi anche:

Gli account bloccati ammontano a circa l’11% del totale degli utenti dei servizi di streaming in Italia sulla base delle stime di settore fornite da Ampere Analysis.

La polizia ha affermato che il sequestro di un grande sistema informatico centrale nella città siciliana di Messina ha assicurato il blocco dell’80% dei contenuti trasmessi illegalmente in streaming su Internet attraverso il cosiddetto protocollo Internet (IP).

Il sud domina nel mercato dello streaming illegale!

I provvedimenti sono stati eseguiti in diverse città italiane che come accennato prediligevano il sud ed in particolar modo della Sicilia: Roma (perquisite 15 persone), Catania (6), Messina (5), Siracusa (1), Bari (1), Taranto (2), Fermo (1), Verona (1), Palermo (1), Agrigento (1), Napoli (2), Caserta (3), Salerno (1), Pisa (1), Pistoia (1), Milano (1), Potenza (1) e Cagliari (1).

Sebbene non sia chiaro se le autorità italiane cercheranno di addebitare le persone che hanno pagato per il servizio, hanno avvertito che i clienti potrebbero essere responsabili di procedimenti penali, inclusa la reclusione fino a otto anni e una multa di 25.000 euro.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questo ennesimo blitz contro lo streaming illegale? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x