News

Nuove regole UE spingono LinkedIn a disattivare uno strumento di targeting

Condividi l'articolo

LinkedIn, di proprietà di Microsoft, ha disattivato uno strumento che consentiva l’utilizzo di dati personali sensibili per la pubblicità mirata. Questo cambiamento è stato attuato per conformarsi alle nuove regole dell’Unione Europea sui contenuti online.

La decisione è arrivata in seguito a una denuncia presentata da organizzazioni della società civile alla Commissione Europea, che funge anche da autorità di vigilanza per il settore tecnologico nell’Unione formata da 27 paesi.

Il Digital Services Act (DSA) impone agli intermediari online di fornire agli utenti un maggiore controllo sull’utilizzo dei propri dati, con la possibilità di disattivare i contenuti personalizzati. Inoltre, alle aziende è vietato utilizzare dati personali sensibili come razza, orientamento sessuale o opinioni politiche per la pubblicità mirata.

A marzo, la Commissione aveva inviato a LinkedIn una richiesta di informazioni dopo che i gruppi di denuncia avevano segnalato che lo strumento poteva consentire agli inserzionisti di indirizzare gli utenti in base all’origine razziale o etnica, alle opinioni politiche e ad altri dati personali sulla base dell’appartenenza a gruppi LinkedIn.

Leggi anche:

“Abbiamo deciso di modificare questi strumenti rimuovendo la possibilità di creare un pubblico pubblicitario in Europa che utilizzi l’appartenenza a gruppi LinkedIn come input”, ha affermato Patrick Corrigan, vicepresidente di LinkedIn, in un post pubblicato sulla stessa piattaforma.

“Abbiamo implementato questa modifica per evitare qualsiasi malinteso sul fatto che gli annunci rivolti ai membri europei possano essere indirizzati indirettamente in base a categorie speciali di dati o categorie di profilazione correlate”, ha specificato Corrigan.

Il Commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, ha accolto con favore la decisione.

“La Commissione monitorerà l’effettiva attuazione dell’impegno pubblico di LinkedIn per garantire la piena conformità con il DSA”, ha affermato in una dichiarazione.

Le organizzazioni che avevano presentato la denuncia, tra cui European Digital Rights (EDRi), Gesellschaft für Freiheitsrechte (GFF), Global Witness e Bits of Freedom, hanno applaudito la mossa di LinkedIn.

“Costretto ad agire dall’Europa, LinkedIn ora deve estendere questa politica agli utenti di tutto il mondo e garantire che non siano solo quelli in Europa a essere protetti dal targeting pubblicitario invasivo”, ha affermato Nienke Palstra di Global Witness in una dichiarazione.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 12 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments