Apple respinge le accuse relative al monopolio di App Store

Condividi l'articolo

Apple ha dichiarato all’Australian Competition and Consumer Commission (ACCC) che gli sviluppatori hanno diversi modi per raggiungere gli utenti iOS e non si limitano a utilizzare l’App Store.

L’ACCC sta attualmente indagando su Apple per aver utilizzato la posizione dominante dell’App Store per limitare la concorrenza. Nella sua ultima dichiarazione, la società ha respinto la “Commissione di caratterizzazione dell’App Store di Apple come il mercato di app più dominante con un ampio margine”.

Si sostiene che Apple affrontare la concorrenza di fonti di distribuzione alternative all’interno dell’ecosistema iOS, inclusi i siti Web degli sviluppatori.

Anche se un utente possiede solo dispositivi basati su iOS, la distribuzione è tutt’altro che limitata all’Apple App Store perché gli sviluppatori hanno più canali alternativi per raggiungere quell’utente.

L’intero Web è disponibile per loro e i dispositivi iOS hanno accesso illimitato e incontrollato ad esso. Un approccio comune è che gli utenti acquistino e consumino contenuti o servizi digitali su un sito web.

Apple ritiene che anche che il Google Play Store e il Galaxy Store di Samsung competano anche direttamente con l’App Store, con annessi altri store di app come Steam, Microsoft Store è i suoi concorrenti.

Apple ha anche difeso la sua commissione del 30% per IAP e sulla vendita di app e giochi. La società ha affermato che anche altre piattaforme addebitano una commissione simile agli sviluppatori, con alcune di loro che addebitano anche una “commissione di servizio per i pagamenti in aggiunta alle loro commissioni”.

Il mio parere

Non sono esattamente sicuro di come Apple possa affermare che i siti Web degli sviluppatori siano un’alternativa all’App Store. La società non consente il caricamento diretto di app iOS su iPhone o iPad da fonti di terze parti, come invece accade su Android.

Inoltre, l’affermazione di Apple che i servizi a cui si accede tramite il browser Web su iPhone siano un’alternativa all’App Store è priva di fondamento poiché le app Web hanno molte limitazioni e non possono utilizzare API di sistema native. Per quanto riguarda Google Play Store e Galaxy Store come un’alternativa all’App Store, nessuno di loro consente di installare app sul proprio iPhone. 😅

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Sei dalla parte di Apple o credi che le accuse siano fondate? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: