Clubhouse: presto si potrà inviare denaro ai creatori di contenuti

Condividi l'articolo

Per il momento, Clubhouse non desidera assumere alcuna commissione su questa nuova funzione. 

Il social network audio Clubhouse, spinto dalla pandemia Covid-19, ha appena compiuto un passo significativo verso i creatori di contenuti. Nell’ambito di una partnership con il gigante americano Stripe , l’applicazione lancia “Clubhouse Payments”, una funzionalità che consente agli utenti di Clubhouse di pagare i creatori di contenuti direttamente sul social network.

Se l’intero importo inserito dagli utenti viene restituito al creatore, vengono applicate commissioni aggiuntive per l’elaborazione dei pagamenti che maturano a Stripe. Il team del social network sostiene che non addebiterà alcuna commissione sull’importo. Per il social network, che esiste solo da un anno, il ruolo  dei creatori di contenuti si rivelerà fondamentale. Sviluppando comunità forti sulla sua piattaforma attorno a “clubhousers”, la startup del valore di $ 1 miliardo mira a basare il suo modello economico sulla monetizzazione diretta dei creatori piuttosto che sulla pubblicità.

“Fin dai primi giorni di Clubhouse, il nostro principio guida è stato quello di creare una piattaforma che metta il creatore al primo posto” , afferma l’azienda. “Il nostro obiettivo è aiutare i creatori a creare community, pubblico e impatto. E poiché Clubhouse continua a crescere, è importante per noi allineare il nostro modello di business con quello dei creatori, aiutandoli a fare soldi e prosperare sulla piattaforma. “

“Il primo di una lunga serie di lungometraggi “

Lanciato nel marzo 2020 da Paul Davison e Rohan Seth, Clubhouse ha approfittato del contesto della pandemia Covid-19 per schiudersi e farsi un nome nella giungla dei social network. Considerata un’applicazione riservata, la piattaforma offre ai suoi utenti lo scambio solo tramite audio. Per il momento, la startup ha beneficiato di $ 110 milioni di finanziamenti, in particolare da Andreessen Horowitz, che le consentiranno di finanziare le sue prossime funzionalità. Questa sarà la prima di una lunga serie di funzionalità che consentiranno ai creatori di essere pagati direttamente su Clubhouse”, conclude la società. I fondi consentiranno inoltre a Clubhouse di finanziare la sua espansione sul sistema operativo di Google, Android.

Dopo aver spianato la strada verso l’audio, anche i colossi americani Facebook LinkedIn hanno lanciato i loro progetti di chat audio. Più recentemente, il colosso svedese dello streaming Spotify che ha acquisito lo sviluppatore di Locker Room,  una piattaforma di condivisione audio su cui gli utenti possono chattare in diretta, come Clubhouse per accelerare l’audio dal vivo.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: