Quantcast
Guru

Come proteggersi dalle truffe nei pagamenti contactless

Condividi l'articolo

Questo tipo di furto è in aumento in paesi come la Spagna e si verifica soprattutto a causa dell’eccessiva fiducia di alcune persone

I pagamenti “contactless” utilizzano tecnologie di identificazione mediante radiofrequenza incorporate in carte di credito o debito, portachiavi, telefoni cellulari e dispositivi portatili, tra gli altri. Il loro obiettivo è facilitare le transazioni semplicemente avvicinando uno di questi elementi a un terminale di pagamento.

Questo sistema funziona grazie alla tecnologia NFC (Near Field Communication), una comunicazione wireless a corto raggio che consente la trasmissione istantanea di dati tra dispositivi che si trovano a pochi centimetri di distanza.

Anche se questo metodo di pagamento è rapido e conveniente, comporta anche alcuni rischi che devono essere presi in considerazione.

Leggi anche:

Rischi dei pagamenti “contactless”

Con l’aumentare dell’uso di questo metodo di pagamento, è aumentata anche la tendenza dei truffatori di sfruttare i pagamenti “contactless” per installare dispositivi illegali e clonare carte.

Esistono diverse modalità di frode, tra cui:

  • Frodi di prossimità: Questo è uno dei maggiori rischi a cui sono esposte le carte, poiché i criminali possono utilizzare dispositivi di lettura a radiofrequenza per rubare le informazioni delle carte. Ciò può accadere mentre le carte sono all’interno dei portafogli o delle tasche degli utenti. Questa tecnica, nota come skimming, consente ai criminali di effettuare acquisti fraudolenti sia online che presso esercizi commerciali fisici.
  • Furto di identità: Le informazioni rubate possono essere utilizzate anche per usurpare l’identità dell’utente.
  • Limiti di spesa: Le carte “contactless” di solito hanno un limite massimo di spesa per le transazioni. Se i criminali ottengono questi dati e rimangono al di sotto del limite, possono accumulare una somma significativa di denaro senza essere rilevati fino a quando non vengono controllati i registri del conto, sia tramite l’applicazione sia presso la banca.
  • Furto fisico: Se un criminale ruba la versione fisica di una carta, può effettuare acquisti fraudolenti nei negozi senza dover inserire un codice PIN.

Raccomandazioni delle autorità

In Spagna, l’Ufficio per la Sicurezza dell’Utente di Internet (OSI) afferma che i pagamenti “contactless” effettuati tramite carte o dispositivi mobili sono i più utilizzati nel paese. Tuttavia, la Polizia Nazionale ha avvertito dell’aumento delle frodi “contactless” che colpiscono in particolare le persone anziane e coloro che hanno limitate conoscenze tecnologiche.

In molti casi, i criminali bloccano i dispositivi di inserimento delle carte negli sportelli bancomat e distraggono le vittime per sottrarre denaro dai loro conti. Inoltre, rendono difficile la loro identificazione nascondendo i volti e cambiando aspetto con accessori come cappelli, occhiali, mascherine e parrucche.

Leggi anche:

Anche la Banca di Spagna ha espresso preoccupazioni sui possibili rischi dell’uso della tecnologia “contactless”. L’istituzione segnala che, oltre alla clonazione delle carte, c’è il rischio che i consumatori si fidino troppo e non verifichino l’importo addebitato.

Per evitare queste situazioni, sono state emesse le seguenti raccomandazioni:

  • Verificare che l’importo registrato corrisponda all’acquisto e controllare i dettagli sulla piattaforma dell’istituto bancario.
  • Conservare lo scontrino dell’acquisto per verificare che l’importo addebitato sulla carta corrisponda a quello dell’acquisto. Questa ricevuta sarà l’unica garanzia nel caso sia necessario effettuare resi.
  • Controllare gli addebiti degli acquisti per tenere traccia delle operazioni.
  • Consultare la banca sulla possibilità di ricevere una notifica per ogni acquisto effettuato.

Conclusioni

I pagamenti “contactless” offrono comodità e velocità nelle transazioni. Tuttavia, è importante tenere conto dei rischi associati e seguire le raccomandazioni delle autorità per proteggersi dalle possibili frodi.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è stato utile questo articolo? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 261 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x