I videogiochi possono trattare la “nebbia cerebrale” indotta dal Covid?

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Una nuova ricerca clinica degli scienziati della Weill Cornell Medicine sta cercando di determinare se la terapia basata sui videogiochi può aiutare a recuperare i pazienti Covid-19 con sintomi di disturbo cognitivo.

I videogiochi possono aiutare a guarire dalla cosiddetta “nebbia cerebrale” post Covid? È quello che sta cercando di scoprire un gruppo di ricercatori negli Stati Uniti grazie ad una nuova terapia ludica.

I partecipanti devono completare cinque missioni al giorno, cinque volte a settimana. Ciò include circa 25 minuti di indulgere nel gioco ogni giorno. Lo studio dovrebbe andare avanti per sei settimane insieme a quattro settimane di follow-up post-trattamento. Lo studio prevede di includere circa 100 pazienti di età superiore ai 18 anni, che hanno anche mostrato un deterioramento cognitivo in almeno una misura dell’attenzione e della funzione esecutiva durante gli screening. Stat News ha riferito che mentre la metà di questi pazienti riceverà un trattamento, un’altra metà fungerà da gruppo di controllo.

Infezioni da COVID e deterioramento cognitivo (Fonte)

Un’altra ricerca condotta da Weill Cornell Medicine negli Stati Uniti ha rilevato che in una coorte di 57 pazienti che erano in riabilitazione dopo il ricovero per infezioni da COVID, l’81% dei pazienti aveva una qualche forma di deterioramento cognitivo. Inoltre, il 55% deve affrontare deficit nella memoria di lavoro e il 46% ha riferito di aver subito un’attenzione divisa.

Uno studio che ha raccolto input da 2,36.000 pazienti COVID, pubblicato su The Lancet Psychiatry, ha dimostrato che un paziente su tre ha avuto problemi di salute mentale o neurologici. Questi includevano demenza, ictus ed emorragia cerebrale entro sei mesi dall’infezione. Quando si tratta di un collegamento tra infezione da coronavirus e deterioramento cognitivo nei pazienti, non ci sono ancora prove chiare di una correlazione tra i due. Tuttavia, numerosi studi hanno riportato che i deficit di attenzione e capacità di apprendimento tra gli individui guariti continuano a influire sulla loro qualità di vita anche dopo aver superato i sintomi correlati a COVID.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa ricerca? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x