Il governo indiano ha bloccato l’uso delle VPN

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Le autorità reagiscono all’esodo dei provider VPN dal Paese

Nell’ultimo capitolo della battaglia in corso dell’India contro il software per la privacy online, ai dipendenti del governo è ora vietato l’utilizzo di servizi VPN di terze parti.

La nuova direttiva è arrivata in seguito alla decisione di alcune delle migliori VPN di chiudere i propri server indiani a causa di problemi di privacy dovuti alla nuova legge sui dati. Finora, ExpressVPNSurfshark, IVACY, PureVPN e NordVPN hanno tutti annunciato che lasceranno fisicamente il paese prima dell’entrata in vigore delle direttive CERT-in il 27 giugno.

Il governo indiano sta inoltre esortando i dipendenti a evitare di archiviare informazioni interne o riservate su servizi cloud non governativi come Google Drive e Dropbox. Anche l’uso di scanner esterni basati su app mobili come CamScanner, che è stato effettivamente bandito nel 2020, è fortemente sconsigliato.

“Seguendo linee guida uniformi sulla sicurezza informatica negli uffici governativi di tutto il paese, è possibile migliorare la posizione di sicurezza del governo”, ha scritto il National Informatics Center (NIC) in un documento interno recensito da The Economic Times.

“Tutti i dipendenti pubblici, comprese le risorse temporanee, contrattuali/esternalizzate, sono tenuti a rispettare rigorosamente le linee guida menzionate in questo documento. Qualsiasi non conformità può essere presa in considerazione dai rispettivi CISO/dipartimenti”, aggiunge la nuova direttiva.

Perché le VPN lasciano l’India?

Esperti di sicurezza informatica e difensori della privacy hanno sollevato molte preoccupazioni sulla nuova legge indiana sui dati da quando è stata annunciata il 28 aprile

L’entrata in vigore è prevista per il 27 giugno, l’Indian Computer Emergency Response Team (CERT-In) forzerà i provider VPN e VPS, i data center, i servizi di cloud storage e gli scambi di criptovalute a conservare i dati sensibili degli utenti per un massimo di cinque anni e condividerli con le autorità su richiesta.  

Anche se la nuova legge arriva come un tentativo di frenare un aumento del tasso di criminalità informatica – l’India è stata la terza nazione più colpita per violazione dei dati in tutto il mondo nel 2021 – i provider VPN ritengono che queste normative vadano contro l’effettiva infrastruttura del software di sicurezza. 

Abbreviazione di rete privata virtuale, una VPN è un software pensato per proteggere la privacy e l’anonimato online delle persone. Come? Mascherando il loro vero indirizzo IP e proteggendo tutti i dati in transito all’interno di un  tunnel crittografato

Ecco perché ExpressVPN ha scritto in un post sul blog(si apre in una nuova scheda) che le nuove direttive CERT-In sono “incompatibili con lo scopo delle VPN”.

Leggi anche:

Inoltre, una rigorosa politica di no-log è una caratteristica standard tra i servizi VPN più privati. Ciò garantisce che nessuno dei dati sensibili degli utenti possa essere archiviato, divulgato o condiviso.

Come ha spiegato Hide.me quando ha annunciato la sua decisione di staccare la spina dai suoi server indiani, la nuova legge indiana sulla conservazione dei dati “rende impossibile l’utilizzo di una VPN a log zero”.

Nonostante il contraccolpo, le autorità indiane sembrano rimanere ferme sulla decisione di portare avanti e attuare le nuove direttive a fine mese. Su questo punto, il ministro di Stato per l’elettronica e l’informatica Rajeev Chandrasekhar ha dichiarato che i fornitori che non desiderano rispettare le regole sono “liberi di lasciare l’India(si apre in una nuova scheda)”.

Allo stesso tempo, Laura Tyrell, Head of PR di Nord Security, ha detto: “In un modo o nell’altro, avrà un impatto negativo sulla privacy e sulla sicurezza digitale delle persone”.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Sei d’accordo con questa decisione del governo indiano di bloccare i servizi VPN? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Adblock Detected

Usi Adblock? E io come faccio a campare? 😥 Per favore, disabilitalo per questo sito! 🙏

Refresh Page
0
Would love your thoughts, please comment.x