La “fotocamera al grafene” cattura l’attività elettrica in tempo reale del cuore che batte

Condividi l'articolo

Scienziati della UC Berkeley e della Stanford University hanno catturato l’attività elettrica in tempo reale di un cuore che batte, utilizzando un foglio di grafene per registrare un’immagine ottica, quasi come una videocamera, dei deboli campi elettrici generati dall’attivazione ritmica delle cellule muscolari del cuore.

La “fotocamera al grafene” è un nuovo tipo di sensore che potrebbe rivelarsi utile per studiare cellule e tessuti che generano tensioni elettriche, inclusi gruppi di neuroni o cellule del muscolo cardiaco. Ad oggi, sono stati utilizzati elettrodi o coloranti chimici per misurare l’accensione elettrica in queste celle. Ma elettrodi e coloranti misurano la tensione solo in un punto; un foglio di grafene misura continuamente la tensione su tutto il tessuto che tocca.

“Poiché stiamo visualizzando tutte le cellule contemporaneamente su una fotocamera, non dobbiamo eseguire la scansione e non abbiamo solo una misurazione puntuale. Possiamo immaginare l’intera rete di cellule allo stesso tempo”, ha affermato Halleh Balch, uno dei tre primi autori dell’articolo e un recente dottorato di ricerca. destinatario nel Dipartimento di Fisica dell’UC Berkeley.

Mentre il sensore al grafene funziona senza dover etichettare le cellule con coloranti o traccianti, può essere facilmente combinato con la microscopia standard per visualizzare il tessuto nervoso o muscolare etichettato in modo fluorescente mentre contemporaneamente registra i segnali elettrici che le cellule usano per comunicare.

Leggi anche:

“La facilità con cui è possibile visualizzare un’intera regione di un campione potrebbe essere particolarmente utile nello studio delle reti neurali che coinvolgono tutti i tipi di tipi di cellule”, ha affermato un altro primo autore dello studio, Allister McGuire, che ha recentemente ricevuto un Ph. .D. di Stanford. “Se disponi di un sistema cellulare con etichetta fluorescente, potresti mirare solo a un certo tipo di neurone. Il nostro sistema ti consentirebbe di catturare l’attività elettrica in tutti i neuroni e nelle loro cellule di supporto con un’integrità molto elevata, il che potrebbe davvero avere un impatto sul modo in cui le persone eseguono questi studi a livello di rete”.

“Questo è forse il primo esempio in cui è possibile utilizzare una lettura ottica di materiali 2D per misurare i campi elettrici biologici”, ha affermato l’autore senior Feng Wang, professore di fisica alla UC Berkeley. “Le persone hanno utilizzato materiali 2D per eseguire alcuni rilevamenti con lettura elettrica pura, ma questo è unico in quanto funziona con la microscopia in modo da poter eseguire il rilevamento parallelo”.

Il team chiama lo strumento un sensore di campo elettrico al grafene amplificato da guida d’onda ad accoppiamento critico, o sensore CAGE.

“Questo studio è solo preliminare; vogliamo mostrare ai biologi che c’è uno strumento del genere che puoi usare e che puoi fare grandi immagini. Ha una rapida risoluzione temporale e una grande sensibilità al campo elettrico”, ha affermato il terzo primo autore, Jason Horng, Ph.D. della UC Berkeley. destinatario che ora è un borsista post-dottorato presso il National Institute of Standards and Technology. “In questo momento, è solo un prototipo, ma in futuro penso che possiamo migliorare il dispositivo”.

Leggi anche:

Dieci anni fa, Wang ha scoperto che un campo elettrico influenza il modo in cui il grafene riflette o assorbe la luce. Balch e Horng hanno sfruttato questa scoperta per progettare la fotocamera al grafene. Hanno ottenuto un foglio di grafene di circa 1 centimetro su un lato prodotto dalla deposizione chimica da vapore nel laboratorio del professore di fisica dell’Università di Berkeley Michael Crommie e hanno posizionato su di esso un cuore vivo da un embrione di pollo, appena estratto da un uovo fecondato. 

Questi esperimenti sono stati eseguiti nel laboratorio di Stanford di Bianxiao Cui, che sviluppa strumenti su scala nanometrica per studiare la segnalazione elettrica nei neuroni e nelle cellule cardiache.

Il team ha dimostrato che quando il grafene era sintonizzato correttamente, i segnali elettrici che scorrevano lungo la superficie del cuore durante un battito erano sufficienti per modificare la riflettanza del foglio di grafene.

“Quando le cellule si contraggono, sparano potenziali d’azione che generano un piccolo campo elettrico al di fuori della cellula”, ha detto Balch. “L’assorbimento del grafene proprio sotto quella cellula viene modificato, quindi vedremo un cambiamento nella quantità di luce che ritorna da quella posizione sulla vasta area del grafene”.

Negli studi iniziali, tuttavia, Horng ha scoperto che il cambiamento nella riflettanza era troppo piccolo per essere rilevato facilmente. Un campo elettrico riduce la riflettanza del grafene al massimo del 2%; l’effetto era molto minore dai cambiamenti nel campo elettrico quando le cellule del muscolo cardiaco hanno attivato un potenziale d’azione.

Insieme, Balch, Horng e Wang hanno trovato un modo per amplificare questo segnale aggiungendo una sottile guida d’onda sotto il grafene, costringendo la luce laser riflessa a rimbalzare internamente circa 100 volte prima di fuggire. Ciò ha reso il cambiamento di riflettanza rilevabile da una normale videocamera ottica.

Leggi anche:

“Un modo di pensare è che più volte la luce rimbalza sul grafene mentre si propaga attraverso questa piccola cavità, più effetti percepisce la luce dalla risposta del grafene, e questo ci permette di ottenere una sensibilità molto, molto alta ai campi elettrici. e tensioni fino a microvolt”, ha detto Balch.

L’aumento dell’amplificazione riduce necessariamente la risoluzione dell’immagine, ma a 10 micron è più che sufficiente per studiare le cellule cardiache con un diametro di diverse decine di micron, ha affermato.

Un’altra applicazione, ha detto McGuire, è quella di testare l’effetto dei candidati farmaci sul muscolo cardiaco prima che questi farmaci entrino in studi clinici per vedere se, ad esempio, inducono un’aritmia indesiderata. Per dimostrarlo, lui e i suoi colleghi hanno osservato il battito del cuore di pollo con CAGE e un microscopio ottico mentre lo infondevano con un farmaco, la blebbistatina, che inibisce la miosina proteica muscolare. Hanno osservato che il cuore smette di battere, ma CAGE ha mostrato che i segnali elettrici non erano influenzati.

Poiché i fogli di grafene sono meccanicamente resistenti, potrebbero anche essere posizionati direttamente sulla superficie del cervello per ottenere una misura continua dell’attività elettrica, ad esempio per monitorare l’attivazione dei neuroni nel cervello di chi soffre di epilessia o per studiare l’attività cerebrale fondamentale. Gli array di elettrodi odierni misurano l’attività in alcune centinaia di punti, non continuamente sulla superficie del cervello.

“Una delle cose che mi sorprende di questo progetto è che i campi elettrici mediano le interazioni chimiche, mediano le interazioni biofisiche – mediano tutti i tipi di processi nel mondo naturale – ma non li misuriamo mai. Misuriamo la corrente e misuriamo la tensione”, ha detto Balch. “La capacità di visualizzare effettivamente i campi elettrici ti dà uno sguardo a una modalità di cui in precedenza avevi poche informazioni”.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti fa piacere, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].


Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi l'articolo

Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀


Condividi l'articolo
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x