La neuromodulazione può controllare la mente delle persone

Condividi l'articolo

E il protagonista di questa inquietante tecnologia chi sarà? Esatto, proprio il grafene!

Un’azienda medica e biotecnologica europea sta tentando di controllare il cervello delle persone sviluppando dispositivi medici che utilizzano una procedura medica nota come neuromodulazione.

Questo è secondo il dottor Steve Hotze e l’Health Ranger Mike Adams, che hanno discusso di neuromodulazione e nanotecnologia durante l’episodio del 18 aprile di “The Dr. Hotze Report” su Brighteon.TV.

La neuromodulazione si riferisce all’alterazione dell’attività nervosa nel corpo attraverso la consegna mirata di determinati stimoli ai nervi. Questo può essere fatto attraverso la stimolazione elettrica o attraverso l’uso di agenti chimici.

Un’azienda che è diventata nota per i suoi sviluppi nel campo della neuromodulazione è INBRAIN Neuroelectronics, una società con sede in Spagna che è uno spin-off della Graphene Flagship, un’iniziativa di ricerca scientifica dell’Unione Europea che conduce esperimenti sulle applicazioni del grafene.

Secondo Adams, INBRAIN si concentra principalmente sullo sviluppo di dispositivi di neuromodulazione per le loro applicazioni mediche.

Leggi anche:

La tecnologia potrebbe essere utilizzata per monitorare gli impulsi cerebrali alla ricerca di segni di disturbi neurologici come epilessia, morbo di Alzheimer e demenza. Teoricamente, la neuromodulazione potrebbe essere utilizzata per inviare impulsi al cervello “per cercare di scavalcare l’epilessia o ignorare l’Alzheimer, e così via”, ha detto Adams.

INBRAIN ha ricevuto milioni di dollari in finanziamenti di capitale di rischio da investitori interessati alla loro ricerca e alle applicazioni pratiche della neuromodulazione.

“Non è fantascienza, è realtà assoluta”, ha detto Adams. “Ma devi capire che entrambi leggono il tuo cervello e poi controllano il tuo cervello. Ora, potrebbero iniziare con un’applicazione medica, ma pensare a dove vanno queste tecnologie da lì”.

“Spesso, questa tecnologia può essere abusata per controllare le persone o persino punire le persone per aver pensato i pensieri sbagliati sparando, sai, impulsi di punizione all’interno del loro cervello, se non stanno andando d’accordo con la narrativa ufficiale”, ha continuato Adams .

La neuromodulazione utilizza il grafene per interagire con le cellule cerebrali

Hotze e Adams hanno notato che la sostanza che INBRAIN intende utilizzare per far interagire i suoi dispositivi medici e interfacciarsi con il cervello è l’ossido di grafene, una sostanza tossica che è stata trovata nei vaccini contro il coronavirus di Wuhan (COVID-19) ed è nota per essere diffusa da soggetti vaccinati da persona a persona, causando condizioni di salute debilitanti. 

La stessa INBRAIN ha ammesso che intende creare impianti neurali a base di grafene, presumibilmente per fornire alle persone “opzioni terapeutiche personalizzate per i disturbi cerebrali”.

Leggi anche:

L’azienda afferma che i suoi impianti di grafene sono progettati per interpretare accuratamente i segnali inviati dal cervello e quindi fornisce a chi lo indossa una risposta terapeutica adattata alla sua specifica condizione neurologica.

Hotze ha avvertito che questi impianti di grafene potrebbero eventualmente essere utilizzati “per identificare chi sei, dove sei e quali sono i tuoi pensieri”.

Ha inoltre avvertito che le aziende Big Tech potrebbero essenzialmente sfruttare questa tecnologia per portare avanti la loro agenda transumanista . Hotze ha osservato che lo stesso direttore dell’ingegneria di Google, Ray Kurzweil, ritiene che una tecnologia come questa potrebbe essere utilizzata per trasformare praticamente tutto il pensiero umano in non biologico entro il 2040.

“Ciò significa che saremo intelligenza artificiale, saremo controllati da forze esterne”, ha detto Hotze. “Ora, è davvero agghiacciante.”

Grafene… ne ho già sentito parlare

Grafene e controllo mentale… ne ho già sentito parlare. Ora, per non entrare in argomenti che la maggior parte delle persone non è pronta a comprendere e tralasciando ciò che si dice sul “misterioso” contenuto dei sieri magici, mi associo alle preoccupazioni del dottor Hotze e mi chiedo: cosa succederà se (o quando) questa tecnologia dovesse entrare nelle mani di persone poco affidabili?

Come al solito ogni nuova tecnologia viene proposta sottolineandone gli aspetti positivi ma ahimè, dovremmo forse non curarci dei possibili risvolti negativi che potrebbero esserci?

Se coloro che si suole definire “complottisti” dovessero avere ragione, siamo tutti (o quasi) pronti ad essere mentalmente controllati…

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa tecnologia per controllare la mente umana? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: