Quantcast
News

La nuova tecnica di microscopia riproduce le cellule vive con una sensibilità 7 volte maggiore

Condividi l'articolo

Gli esperti di fisica ottica hanno ideato un nuovo metodo per osservare le cellule viventi in modo più dettagliato. Utilizzando la tecnologia microscopica esistente, senza l’aggiunta di coloranti o fluorofori.

Le telecamere dei microscopi devono rilevare sottili differenze nella luce che attraversa le cellule trasparenti. Queste differenze sono chiamate fase della luce, ma i sensori delle telecamere hanno una limitata gamma dinamica per rilevarle.

Il professore Takuro Ideguchi dell’Università di Tokyo ha affermato che era necessario ampliare la gamma dinamica per ottenere maggiori dettagli con lo stesso sensore di immagine. In questo modo si potrebbero rilevare cambiamenti più piccoli nella fase della luce.

Leggi anche:

Il team di ricerca ha sviluppato il metodo ADRIFT-QPI. Esso acquisisce due esposizioni separate per misurare i cambiamenti grandi e piccoli nella fase della luce e li combina per creare un’immagine finale altamente dettagliata. Questo metodo non richiede laser speciali o sensori di immagine e minimizza la fototossicità.

La tecnica di imaging di fase quantitativa invia un foglio piatto di luce alla cellula e misura lo sfasamento delle onde luminose dopo aver attraversato il campione. Successivamente, un’analisi computerizzata ricostruisce un’immagine dettagliata delle strutture interne della cellula.

Il metodo ADRIFT-QPI supera le limitazioni dell’imaging di fase quantitativa tradizionale, offrendo una sensibilità sette volte maggiore. Durante ADRIFT-QPI, la fotocamera effettua due esposizioni per rilevare le differenze grandi e piccole nella fase della luce, permettendo di ottenere immagini di alta qualità con dettagli più fini.

Questo nuovo metodo individua particelle su scala nanometrica all’interno delle cellule viventi senza l’uso di etichette o coloranti. Ciò consente di monitorare contemporaneamente il comportamento delle particelle e lo stato della cellula.

In conclusione, il metodo ADRIFT-QPI rappresenta un importante passo avanti nella microscopia ottica. Consente di esaminare le singole cellule in modo più dettagliato e accurato, senza comprometterne la salute o l’integrità.

Fonte

Ti potrebbe interessare:

Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 17 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x