Quantcast
AppApp AndroidApp iOSNews

La Russia ordina a Google di sbarazzarsi delle app per scaricare e ascoltare musica

Condividi l'articolo

Dopo due anni di lavoro, il Duma di Stato russo ha finalmente approvato nuove leggi volte a combattere la distribuzione di applicazioni che violano il copyright. Questa legislazione, entrata in vigore il 1° ottobre 2020, mette sotto pressione gli sviluppatori di app che operano al di fuori delle leggi sul copyright.

Le nuove leggi obbligano i marketplace come il Play Store di Google, l’App Store di Apple e l’AppGallery di Huawei a prendere misure per garantire che le applicazioni segnalate per violazioni agiscano in conformità con la legge, a seguito di un reclamo formale. Nel caso in cui non vengano prese azioni adeguate, questi marketplace potrebbero essere costretti alla chiusura.

Reclami presentati rapidamente in opposizione ad Apple e Google

Sony Tunes Amusement, Universal New Music e una divisione della Warner (SBA Music Publishing) hanno rapidamente presentato reclami contro Apple presso il tribunale della città di Mosca all’inizio di ottobre. I reclami si concentrano su tre applicazioni presenti nell’App Store che consentirebbero ai loro utenti di accedere gratuitamente e in modo non autorizzato alla musica: PewPee: Music Player, iMus Audio Player e Music Offline Music Download. Google ha successivamente presentato reclami simili, concentrandosi su applicazioni come Audio Downloader e Free MP3 Downloader.

Secondo la dichiarazione acquisita dalla pubblicazione russa Kommersant, SBA Music Publishing ha chiesto a Roscomndazor, l’ente regolatore delle telecomunicazioni, di impedire a Google di “creare le condizioni” per la distribuzione illegale di tre brani musicali appartenenti al gruppo pop russo Product Soda.

Il tribunale della città di Mosca ha emesso un’ordinanza che richiede a Google di bloccare l’accesso all’app Music Downloader. Roman Lukyanov, rappresentante del querelante e membro dell’organizzazione di regolamentazione Semenov & Pevzner, ha dichiarato a Kommersant che questa è la prima decisione del tribunale che riguarda il blocco di app che violano le leggi sul copyright.

Prospettiva scappatoia nella legge

Nonostante il lungo periodo di tempo impiegato per adottare il nuovo regolamento, molti ritenevano che la situazione fosse in uno stato di stallo. Tuttavia, secondo Anatoly Semyonov, presidente del Comitato per i beni intellettuali e le industrie piene di risorse dell’Unione russa degli industriali e degli imprenditori, potrebbe esserci una possibile scappatoia nella legge. Se un’app pirata viene rinominata, i detentori dei diritti devono presentare nuove richieste al tribunale per chiederne la rimozione. Questo significa che, almeno nel breve termine, le app pirata potrebbero eludere il blocco semplicemente cambiando nome.

Si prevede che Google provvederà gradualmente a rimuovere dal suo store tutte le app che consentono l’accesso e il download illegale di musica. Nel caso in cui un’app non venga prontamente rimossa, gli Internet Service Provider (ISP) potrebbero essere istruiti a bloccarne l’accesso, allo stesso modo in cui vengono bloccati i siti web pirata.

Tuttavia, sembra improbabile che Google ed Apple collaborino strettamente per eliminare le app pirata, nonostante la corrispondenza precedente in cui si impegnavano a farlo entro trenta giorni.

Considerazioni

È importante considerare che questa censura potrebbe essere estesa a tutte le app che violano il copyright, comprese quelle che offrono canali televisivi, film e serie TV. Anche se in teoria esiste già questa regolamentazione, spesso molte app riescono a sfuggire ai controlli, fino a quando non viene segnalata la loro illegalità. A quel punto, l’app viene rimossa dallo store, ma spesso viene ripubblicata con un nome e un autore diversi.

Non vengono menzionati nella legge i market alternativi come Aptoide, ma solo i marketplace ufficiali come Google, Apple e Huawei.

È evidente che dietro a questo fenomeno ci sono gruppi ben organizzati di sviluppatori che sembrano non curarsi delle leggi sul copyright.

Fonte

Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 38 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x