Sharp Aquos R6: l’impressionante smartphone Android giapponese progettato con Leica

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Sharp ha appena annunciato l’Aquos R6. Presenta un sensore da 1 pollice molto grande creato in collaborazione con Leica. Inoltre, il suo display OLED Pro IGZO è anche un primo punto di riferimento.

Sharp è sempre stata un produttore di smartphone a parte. Già, perché si rivolge principalmente al mercato giapponese che aveva diritto a smartphone appositamente sviluppati per esso fino all’arrivo dell’iPhone. Ora, l’iPhone ha una quota di mercato superiore al 60% nell’arcipelago giapponese, ma c’è ancora resistenza. Tra i marchi iconici del Giappone, Sharp è sopravvissuto fino ad oggi.

Il produttore giapponese si è sempre distinto in R&D con il primo smartphone a 240 Hz, il primo smartphone borderless… e addirittura il primo smartphone a doppia tacca. Alcuni hanno persino varcato i confini giapponesi. L’Aquos Phone è stato così commercializzato ad Orange in Francia ad esempio: si trattava di uno smartphone Android con schermo 3D utilizzabile senza occhiali speciali. Nel 2021 Sharp ci stupisce ancora con l’Aquos R6.

 
AQUOS R6: UNO SMARTPHONE ALL’AVANGUARDIA DELLA TECNOLOGIA

Durante la progettazione dell’Aquos R6, Sharp sembra non aver posto limiti. Per quanto riguarda la fotografia, il produttore giapponese ha adottato un approccio molto diverso dalla tendenza attuale. Attualmente, il progresso della fotografia da smartphone è fortemente legato alla fotografia computazionale che utilizza l’elevata potenza di elaborazione dei SoC e compensa le piccole dimensioni del sensore con un’elevata elaborazione delle immagini e l’uso di più sensori.

Sharp ha utilizzato un sensore di grande formato per migliorare la qualità dell’immagine. È un sensore molto grande che può quindi ridurre il rumore fino al 40% non appena le scene sono troppo buie. Si tratta di un sensore da 1 pollice, come quello installato sulla serie Cyber-shot RX100 di Sony e sulla serie Lumix TX di Panasonic. È la prima volta nel mondo degli smartphone? Non proprio… esiste anche Lumix DCM-CM1, una fotocamera che fungeva da smartphone.

In combinazione con questo sensore, l’obiettivo è un ultra grandangolare con un’apertura f / 1.9 e una lunghezza focale di 19 mm, che riduce la distorsione. Tagliando l’immagine in una parte del sensore da 20,20 megapixel, possiamo così recuperare foto con un angolo di campo standard di 24 mm. Questo set dovrebbe consentire di produrre un bokeh naturale efficace.

LEICA AI COMANDI

Tutto ciò non significa che l’elaborazione delle immagini specifica per gli smartphone sia stata abbandonata. Le funzioni che richiedono potenza di calcolo sono ancora presenti, come la Modalità Super Night che migliora la qualità dell’immagine in condizioni di scarsa illuminazione e la modalità “Multi-Frame Noise Reduction“ che riduce il rumore. Questa fotocamera supporta anche l’autofocus con iToF.

Infine, Sharp sigla anche una partnership con il marchio tedesco Leica . La fotocamera installata nell’Aquos R6 è stata sviluppata congiuntamente con Leica, compreso il sensore, l’obiettivo e la regolazione della qualità dell’immagine. L’obiettivo porta persino il marchio Leica Summicron . Leica quindi non funzionerà più solo con Huawei nel mercato degli smartphone e questa è una buona notizia.

Le partnership con produttori di fotocamere e produttori di apparecchiature ottiche stanno diventando un must. OnePlus, del gruppo Oppo, ha annunciato la gamma OnePlus 9 Pro dotata di una fotocamera sviluppata in collaborazione con Hasselblad. Sony ha co-sviluppato obiettivi con Carl Zeiss sin  dall’Xperia 1 II, e il produttore cinese Vivo ha anche lanciato la linea di smartphone “X60” della stessa marca.

NON È TUTTO … LO SCHERMO È IMPRESSIONANTE!

Questo Aquos R6 ha altre sorprese: è dotato di uno schermo OLED Pro IGZO da 6,6 pollici in definizione WUXGA + compatibile con Dolby Vision. La sua particolarità è che incorpora l’elevato contrasto dell’OLED mantenendo le prestazioni di risparmio energetico e l’elevata reattività dei cristalli liquidi IGZO. Inoltre, può raggiungere una frequenza di aggiornamento di 240 Hz . Modificando la frequenza di aggiornamento da 1 Hz a 240 Hz a seconda dell’applicazione o del contenuto da visualizzare, Sharp garantisce un migliore consumo energetico garantendo al contempo fluidità. Infine, la luminosità arriva fino a 2000 nits , che è notevolmente elevata per garantire una buona visibilità anche alla luce diretta del sole.

Il sensore di impronte digitali è integrato nello schermo, ma ciò non significa che sia un cattivo sensore ottico: l’Aquos R6 è dotato di un sensore a ultrasuoni 3D, che gli consente di essere sbloccato più velocemente rispetto ai modelli precedenti pur essendo più sicuro. Poiché l’area di rilevamento delle impronte digitali è 11 volte più grande, supporta anche l’autenticazione a due dita. Secondo Sharp, la sicurezza è 20 volte più potente dello sblocco con un dito.

In breve, questo Aquos R6 sorprende in molti modi. È improbabile che venga commercializzato in Europa. Tuttavia, questo smartphone Android ispirerà i concorrenti cinesi, americani, taiwanesi e coreani.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti piacerebbe avere questo smartphone Sharp Aquos R6? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x