News

Sports Illustrated sorpreso a pubblicare articoli creati da scrittori AI

Condividi l'articolo

Sports Illustrated è un periodico statunitense, un tempo considerato il punto di riferimento nel giornalismo sportivo cartaceo, vincendo diversi National Magazine Awards con pubblicazioni di luminari come William Faulkner. Attualmente però, questo celebre periodico di proprietà del gruppo Authentic Brands Group, è al centro di una grave accusa: molti dei suoi articoli attuali non sarebbero scritti da autori professionisti ma bensì dall’intelligenza artificiale.

Questo è quanto emerge da un’esposizione completa di Futurism, in cui la scrittrice Maggie Harrison (che, va sottolineato, è una persona reale) ha dimostrato in dettaglio come l’ex importante pubblicazione si sia sforzata di evitare di pagare veri professionisti per scrivere i propri contenuti.

Gran parte dei contenuti in questione sono recensioni di prodotti e articoli di approfondimento, il tipo di articoli che molti importanti editori producono in massa per sfruttare il loro alto posizionamento su Google e guadagnare qualche commissione affiliata quando i lettori cliccano sui prodotti consigliati.

Sebbene fosse alquanto insolito che l’autore di alcuni di questi articoli, Drew Ortiz, non sembrasse avere alcuna presenza sui social media o una storia di pubblicazioni al di fuori del suo lavoro per Sports Illustrated, non è inusuale che gli scrittori utilizzino uno pseudonimo, anche quelli che non scrivono su argomenti sensibili. Inoltre, molti scrittori sono consapevoli dei pericoli dei social media e desiderano rimanere anonimi.

Leggi anche:

Quindi, sebbene la mancanza di presenza online dello scrittore potesse non essere di per sé un campanello d’allarme, una cosa molto strana era il fatto che la foto del profilo di Ortiz su Sports Illustrated fosse in vendita su un sito web che vende foto di persone create dall’IA. Forse uno scrittore particolarmente preoccupato per la privacy online potrebbe essere tentato di utilizzare una foto generata dall’IA per la propria biografia, ma questa tendenza si è rivelata comune nella maggior parte, se non in tutti, questi tipi di articoli sul sito in questione, tutti con i propri nomi e foto di profili generati dall’IA che possono essere acquistati sullo stesso sito.

Prevedibilmente, molti degli articoli scritti dall’IA che sono stati pubblicati da Sports Illustrated facevano affermazioni assurde che utilizzano il tipo di logica strana per cui ChatGPT e i suoi concorrenti sono conosciuti. Un articolo di “Drew Ortiz” affermava che la pallavolo “può essere un po’ difficile da affrontare, soprattutto senza una palla reale con cui allenarsi”.

L’uso dell’IA da parte della pubblicazione per generare articoli è stato confermato da una fonte, che ha detto a Futurism: “I contenuti sono assolutamente generati dall’IA, non importa quanto dicano che non lo siano”. Un’altra fonte coinvolta nella creazione dei contenuti ha parlato degli autori finti con Harrison. “Ce ne sono molti”, ha detto. “Ero come, cosa sono? Questo è ridicolo. Questa persona non esiste”.

Inoltre, quando Futurism ha contattato l’editore di Sports Illustrated, The Arena Group, per chiedere delucidazioni in merito, tutti gli autori generati dall’IA sono improvvisamente scomparsi dal sito, senza alcuna spiegazione.

Leggi anche:

Futurism ha anche osservato che Sports Illustrated occasionalmente cancella queste identità AI e le sostituisce con altre. Ad esempio, riportano che Ortiz è scomparso dal sito quest’estate e la sua pagina del profilo ha reindirizzato i visitatori a quella di una donna di nome “Sora Tanaka“, che non ha alcuna presenza online come scrittrice e la cui foto di testa si trova anche sullo stesso sito che vende foto di testa generate dall’IA come quella di Ortiz. Tutti i suoi articoli sono stati improvvisamente scritti da Tanaka.

Altri siti hanno anche pubblicato contenuti generati dall’IA, come rivelato in questa indagine. Questa pratica solleva interrogativi sulla credibilità dei contenuti online e sulla manipolazione dell’informazione da parte dei media. Molti lettori si affidano alle fonti di notizie per informarsi e prendere decisioni informate, ma quando gli articoli sono creati da algoritmi senza la supervisione o la verifica di veri professionisti, si apre la porta a notizie errate e a un’erosione della fiducia nel giornalismo.

Mentre l’IA può essere uno strumento utile per migliorare l’efficienza nella produzione di contenuti, è fondamentale che venga utilizzata in modo etico e trasparente. Le pubblicazioni dovrebbero identificare chiaramente quando gli articoli sono generati dall’IA e garantire che i lettori siano consapevoli della loro natura automatizzata.

L’episodio di Sports Illustrated solleva interrogativi più ampi sul futuro del giornalismo e sull’impatto dell’intelligenza artificiale sulla professione. Mentre l’IA può offrire opportunità interessanti, è necessario bilanciarle con la qualità, l’accuratezza e l’integrità delle notizie. È responsabilità delle pubblicazioni e dei lettori vigilare attentamente sull’uso dell’IA nel giornalismo e garantire che i principi fondamentali dell’etica e della verità siano mantenuti al centro del processo informativo.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è stato utile questo articolo? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 31 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x