News

Incredibile: basta questo ‘prompt’ per far impazzire ChatGPT

Condividi l'articolo

Nel mondo dell’intelligenza artificiale, è importante stabilire limiti e precauzioni per proteggere la privacy e la sicurezza degli utenti. ChatGPT, il chatbot sviluppato da OpenAI, presenta alcune restrizioni incorporate nel suo sistema per evitare potenziali rischi e proteggere le informazioni confidenziali.

Una delle restrizioni principali riguarda l’incapacità di ripetere una parola all’infinito. OpenAI ha implementato questa misura dopo che i ricercatori di Google DeepMind hanno scoperto che richiedere a ChatGPT di ripetere una parola senza limiti poteva rivelare parte delle informazioni utilizzate per il suo addestramento. In alcuni casi sono state persino filtrate informazioni sensibili, come indirizzi email e numeri di telefono, durante specifiche richieste. Questa falla nella sicurezza ha destato preoccupazione e ha spinto OpenAI ad adottare misure per evitare fughe di informazioni accidentali o intenzionali.

Leggi anche:

Le nuove risposte di ChatGPT alle richieste di ripetizione indefinita di parole impediscono al chatbot di filtrare accidentalmente dati sensibili. Questa misura è fondamentale per prevenire il furto di informazioni e garantire la sicurezza dell’azienda e degli utenti.

OpenAI ha spiegato che questa restrizione si basa su limitazioni tecniche, praticità ed esperienza dell’utente. ChatGPT non è progettato per svolgere compiti continui e infiniti, e le richieste di ripetizione indefinita non hanno senso e non forniscono informazioni rilevanti o significative.

Inoltre, OpenAI ha affrontato sfide legate alla sicurezza informatica. Nel novembre 2023, ChatGPT è stato oggetto di un attacco di tipo DDoS (Distributed Denial of Service), che ha compromesso la sua disponibilità e causato interruzioni nel servizio. OpenAI ha lavorato tempestivamente per mitigare l’attacco e ripristinare la funzionalità del chatbot.

È importante sottolineare che, nonostante ChatGPT sia una delle intelligenze artificiali più avanzate attualmente disponibili, rimane vulnerabile a possibili attacchi informatici. Ciò sottolinea la necessità di implementare solide misure di sicurezza per proteggere l’integrità del sistema e la privacy degli utenti.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di ChatGPT? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 131 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x