Quantcast
News

Spotify dice no alla musica creata dall’intelligenza artificiale

Condividi l'articolo

La piattaforma ha cancellato migliaia di composizioni create dalla società musicale Boomy

L’evoluzione dell’intelligenza artificiale ha generato grande incertezza circa il futuro di diverse professioni, anche gli artisti sono tra i professionisti che si sentono maggiormente minacciati dallo sviluppo di questa tecnologia, a causa delle diverse funzioni che l’IA offre riguardo a immagini, testi e brani musicali.

Nonostante l’IA sia stata presentata come uno strumento che facilita l’esistenza umana, alcune aziende continuano a scommettere sulla creatività dei professionisti che presentano i loro diversi progetti con grande sforzo, essendo questo un lavoro che in gran parte viene oscurato dai robot che sono in grado di interpretare le informazioni richieste dai diversi settori.

In questo contesto, Spotify ha deciso di voltare le spalle all’IA ed eliminare migliaia di brani creati da robot. Le composizioni sono state generate dall’azienda di musica di intelligenza artificiale Boomy, una compagnia dedicata a produrre musica scegliendo preventivamente alcuni aspetti come il genere o la melodia.

Secondo il Financial Times, la decisione di cancellare i brani dalla piattaforma è stata presa a seguito dell’allarme lanciato dalla casa discografica Universal Music, dopo cheera diventata virale una canzone che sembrava includere le voci di Drake e The Weeknd, motivo per cui Spotify ha deciso di rimuovere il 7% dei brani di Boomy disponibili lì.

Leggi anche:

Il mezzo citato in precedenza spiega che la decisione di Spotify non riguarda tutti i brani creati con l’intelligenza artificiale, ma colpisce solo una percentuale dei brani che sono stati creati con Boomy, dato che finora sarebbero stati generati più di 14.500.000 di brani, corrispondenti a circa il 14% della musica condivisa nel mondo.

La creazione di questi brani ha come unico obiettivo quello di caricarli su Spotify al fine di monetizzarli; tuttavia, l’azienda è categorica nell’affermare che sono stati utilizzati bot per aumentare il numero di riproduzioni che questi brani hanno avuto, al fine di far pagare a Spotify maggiori diritti d’autore per gli stessi, ragione per cui la compagnia ha aumentato la sorveglianza dei servizi di streaming in mezzo alle lamentele di frode.

Boomy è un’applicazione che consente ai suoi utenti di generare le proprie canzoni utilizzando un software di intelligenza artificiale che fa la maggior parte del lavoro. L’utente sceglie tra diversi generi, clicca su “crea canzone” e l’IA compone una canzone per l’utente in meno di 30 secondi. All’interno dell’applicazione, si sceglie rapidamente la tonalità, gli accordi e la melodia della canzone, fino a quando si raggiunge il suono perfetto.

Leggi anche:

Le politiche di Spotify indicano che l’utente è l’unico responsabile del contenuto dell’utente che pubblica. Con riguardo al contenuto dell’utente che si pubblica su Spotify, l’utente deve impegnarsi a:

  1. Riconoscere di essere il proprietario di tale contenuto dell’utente o di avere il diritto di pubblicarlo.
  2. Tale contenuto dell’utente o l’uso che Spotify ne fa, in base alla licenza concessa di seguito, non viola i Termini, le leggi pertinenti o i diritti di proprietà intellettuale o altri diritti di terzi, o (ii) tale contenuto dell’utente non implica alcuna autorizzazione o affiliazione dell’utente o del suo contenuto dell’utente da parte di Spotify o di qualsiasi artista, band, etichetta discografica o altre persone o entità senza il consenso scritto preventivo di Spotify o di tale individuo o entità.
  3. Quando si pubblica o si condivide il contenuto dell’utente o altre informazioni sul servizio di Spotify, si deve tenere presente che il pubblico potrebbe accedere a tale contenuto e altre informazioni, e che altri potrebbero utilizzarlo e condividerlo nuovamente sul servizio di Spotify e sul web.

Per questo motivo, l’azienda chiede all’utente di fare attenzione quando pubblica o condivide sul servizio di Spotify e di essere consapevole delle impostazioni dell’account, poiché Spotify non è responsabile di ciò che l’utente o altri pubblicano o condividono sul servizio di Spotify.

Supervisione del contenuto dell’utente

Spotify può supervisionare e revisionare il contenuto dell’utente autorizzato, anche se non è obbligato a farlo. La piattaforma si riserva il diritto di rimuovere o disabilitare l’accesso a qualsiasi contenuto dell’utente per qualsiasi motivo o anche senza motivo. Spotify inoltre può prendere queste azioni senza preavviso.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Sei d’accordo con questa presa di posizione di Spotfy? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 10 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x