Quantcast
News

Startup svedese sostituisce 700 lavoratori con l’intelligenza artificiale

Condividi l'articolo

In un contesto in cui il progresso tecnologico solleva sempre più preoccupazioni riguardo al futuro dell’occupazione e alla possibile sostituzione dei posti di lavoro da parte dell’intelligenza artificiale, un annuncio recente alimenta ulteriormente tale dibattito.

Klarna, una giovane azienda svedese attiva nel settore fintech, ha dichiarato che l’intelligenza artificiale ha improvvisamente rimpiazzato 700 dei suoi dipendenti, sollevando interrogativi sul fatto che numerosi posti di lavoro potrebbero diventare superflui in un futuro non troppo lontano.

L’azienda ha introdotto un chatbot automatizzato, sviluppato con la tecnologia di OpenAI e accessibile tramite l’applicazione aziendale, che attualmente gestisce i due terzi di tutte le interazioni con i clienti, totalizzando circa 2,3 milioni di conversazioni.

Secondo quanto riferito dall’azienda stessa, questo assistente virtuale basato sull’intelligenza artificiale generativa ha raggiunto livelli di soddisfazione paragonabili a quelli raggiunti dagli agenti umani.

Cosa può fare il chatbot?

Il chatbot della startup svedese, alimentato dall’intelligenza artificiale, si occupa di resi, annullamenti e persino della risoluzione dei reclami. Questa capacità ha portato all’eliminazione di quasi 700 posti di lavoro all’interno dell’azienda.

L’utilizzo di sistemi automatizzati nel servizio clienti non è una novità, ma l’innovazione risiede nell’applicazione dell’intelligenza artificiale generativa, che favorisce un’interazione più fluida e naturale tra il cliente e la macchina attraverso il linguaggio conversazionale.

Leggi anche:

In molte situazioni, soprattutto di fronte a domande semplici, il cliente potrebbe persino non accorgersi di interagire con un’intelligenza artificiale.

Tra le caratteristiche degne di nota dell’assistente virtuale vi è la sua capacità di fornire supporto via chat in diverse lingue. Dalla risposta in arabo al saluto in francese, l’assistente è in grado di comunicare nella lingua madre dell’utente, coprendo oltre 35 lingue diverse.

L’intelligenza artificiale può sostituire i posti di lavoro?

L’intelligenza artificiale sta evolvendo rapidamente, modificando il funzionamento di settori come l’automotive, con le auto a guida autonoma, e il settore sanitario, con analisi e diagnosi più avanzate.

Nel settore finanziario, l’IA aiuta nell’individuazione delle frodi e nelle decisioni di investimento, mentre nel commercio migliora l’esperienza del cliente e l’efficienza logistica.

Adriana Noreña di Google America Latina ha discusso con Rebeca Eun Young Hwang, riconosciuta dal World Economic Forum, riguardo a come la tecnologia stia trasformando vari settori e cosa ciò significhi per i futuri posti di lavoro.

“L’intelligenza artificiale costringerà molti posti di lavoro a reinventarsi, e ciò avrà un impatto significativo sul mercato del lavoro”, ha commentato Noreña, sottolineando l’importanza di comprendere l’effettivo impatto di queste tecnologie.

Leggi anche:

Young Hwang, professore presso Stanford e Thunderbird, ha anche riflettuto sul modo in cui storicamente abbiamo considerato quali lavori dureranno e quali scompariranno.

“Ci chiediamo sempre quali posti di lavoro rimarranno e quali no”, ha affermato, suggerendo che sarebbe “importante” adottare un’altra prospettiva per trovare risposte utili.

“In che misura i nostri ruoli cambieranno in futuro?”, si è chiesto Young Hwang, sottolineando che l’intelligenza artificiale influenzerà tutti i settori lavorativi in qualche modo. Ha evidenziato che tali cambiamenti comporteranno anche una nuova concezione del lavoro, concedendo più tempo libero e valorizzando la creatività.

In un’epoca caratterizzata da un’automazione sempre maggiore e dalla diffusione dell’intelligenza artificiale, le competenze che rendono unici gli esseri umani, come la creatività, la capacità di comprendere gli altri e il pensiero critico, stanno diventando sempre più importanti sul luogo di lavoro.

Mentre l’intelligenza artificiale si occupa delle attività più monotone e ripetitive, mette in risalto quelle competenze che le macchine non riescono facilmente a imitare. Queste caratteristiche umane sono essenziali per guidare l’innovazione, risolvere problemi complessi e creare nuove strategie e prodotti.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Ti è piaciuta questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 182 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x