Quantcast
News

Alle Olimpiadi di Parigi 2024 parteciperà anche l’intelligenza artificiale

Condividi l'articolo

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) si sta preparando all’integrazione dell’intelligenza artificiale per le prossime Olimpiadi di Parigi 2024. Questa mossa solleva preoccupazioni sulla sorveglianza di massa e sulla privacy dei partecipanti e del pubblico.

Secondo la legislazione francese, è stata autorizzata l’uso di videosorveglianza AI durante le Olimpiadi per un periodo di prova, al fine di rilevare eventi o comportamenti anomali che potrebbero rappresentare potenziali minacce. I sistemi di sorveglianza utilizzano algoritmi sofisticati per analizzare in tempo reale i flussi video provenienti dai sistemi di sorveglianza esistenti. Questi algoritmi sono addestrati per rilevare “eventi” predefiniti e comportamenti anomali, come affollamenti, oggetti abbandonati o la presenza di armi.

Per testare queste tecnologie, il CIO, in collaborazione con le forze dell’ordine e le principali compagnie di trasporto, le ha utilizzate durante partite di calcio del campionato francese a Parigi e un concerto del gruppo hip-hop Black Eyed Peas. I sistemi di sorveglianza hanno analizzato le immagini provenienti da una rete di 100 telecamere, rilevando anomalie negli affollamenti, negli oggetti abbandonati e in potenziali minacce per la sicurezza.

Leggi anche:

Oltre alla sicurezza, il CIO afferma che l’utilizzo dell’IA nello sport potrebbe aiutare a identificare atleti talentuosi, personalizzare i metodi di allenamento e migliorare il giudizio per rendere le competizioni più eque. L’IA sarà inoltre integrata per proteggere gli atleti dalle molestie online e migliorare l’esperienza complessiva delle Olimpiadi di Parigi.

Tuttavia, attivisti per i diritti digitali e organizzazioni si oppongono all’integrazione della videosorveglianza guidata dall’IA nelle Olimpiadi. Sostengono che, anche senza riconoscimento facciale, essa consente un controllo di massa, privando le persone del diritto all’anonimato e all’agire liberamente in pubblico. Affermano che questa sorveglianza rappresenta una minaccia alla privacy e alla libertà individuale, paragonabile a quanto avviene in Cina.

Questa controversia sottolinea le sfide etiche e i rischi per i diritti umani posti dall’applicazione dell’IA in contesti come le grandi manifestazioni sportive. È necessario trovare un equilibrio tra sicurezza e tutela della privacy, evitando che l’integrazione tecnologica si trasformi in uno strumento di sorveglianza di massa.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 19 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x