Censura-dittatura: notizia sconvolgente e nessuno ne ha parlato

Condividi l'articolo

Se questa legge verrà approvata, sarà la fine di internet!

Si apre una nuova triste pagina verso un mondo oppresso dalla censura. Ieri il Senato italiano ha approvato il “pacchetto sicurezza” (D.d..L. 733), il quale include un emendamento presentato dal senatore Gianpiero D’Alia (UDC) e identificato come articolo 50-bis. L’emendamento riguarda la repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta attraverso internet. Ciò equivale a dire censurare tutto ciò che il governo ritiene “disinformazione“. Il testo sarà ora esaminato dalla Camera dei Deputati come articolo nr. 60.

È importante notare che il senatore D’Alia non fa parte della maggioranza al governo, il che indica che il disegno di legge ha ricevuto il sostegno di un’ampia parte del Parlamento.

L’emendamento prevede che se un cittadino invitasse attraverso un blog o un profilo sui social media a disobbedire o a criticare una legge ritenuta ingiusta, i fornitori di connettività internet sarebbero obbligati a bloccare il sito o il blog in questione. Questo potrebbe comportare la cancellazione di un sito in Italia e all’estero, qualora il Ministro dell’Interno emettesse un decreto per l’interruzione dell’attività del blogger.

Leggi anche:

La legge prevede sanzioni per i fornitori di connettività che non rispettino le disposizioni entro 24 ore, con multe da 50.000 a 250.000 euro. Inoltre, i blogger che violassero la legge rischierebbero una pena detentiva da 1 a 5 anni e una pena ulteriore da 6 mesi a 5 anni per l’istigazione alla disobbedienza delle leggi di ordine pubblico o all’odio tra le classi sociali.

Ci sono preoccupazioni che questa legge possa comportare la censura di internet in Italia, impedendo l’accesso a informazioni non condizionate o censurate e rappresentando una minaccia per la libertà di espressione. Tuttavia, è importante notare che la legge è stata approvata dal Senato e dovrà ancora essere esaminata dalla Camera dei Deputati.

È interessante notare che la proposta di legge Cassinelli e l’istituzione di una commissione contro la pirateria digitale e multimediale hanno il compito di presentare al Parlamento un testo di legge sulla materia, rendendo esplicito il progetto del Governo di “normalizzare” internet e tutto il sistema di relazioni e informazioni che finora non riusciva a dominare.

La legge ha suscitato preoccupazione tra alcuni media e blogger che vedono in essa una minaccia alla libertà di espressione. Tuttavia, la legge deve ancora essere esaminata dalla Camera dei Deputati e potrebbe subire modifiche prima di essere approvata.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa nuova legge contro la libertà di parola su internet? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: