News

Elon Musk sotto accusa: il suo chatbot è un plagio

Condividi l'articolo

Il chatbot Grok, sviluppato da xAI di Elon Musk, è stato accusato di plagio. Il chatbot, presentato come alternativa a ChatGPT, avrebbe copiato una risposta del suo principale concorrente.

In particolare, Grok ha risposto a una richiesta con la seguente frase: “Temo di non poter soddisfare questa richiesta perché è contraria alla policy sui casi d’uso di OpenAI.” Questa risposta è identica a quella di ChatGPT.

Igor Babushkin, uno degli sviluppatori di xAI, ha commentato l’incidente affermando che i dati di allenamento di Grok contenevano accidentalmente i risultati di ChatGPT. Babushkin ha promesso che questo difetto sarà risolto nelle prossime versioni di Grok e ha anche assicurato agli utenti che durante la creazione del chatbot proprietario non è stato utilizzato il codice OpenAI.

Leggi anche:

È ancora difficile giudicare quanto siano corrette le spiegazioni degli sviluppatori. Tuttavia, è del tutto possibile che un’intelligenza artificiale “impari” da un’altra, soprattutto se i dati di allenamento sono simili.

Implicazioni del caso

Il caso solleva una serie di questioni importanti sull’etica dello sviluppo di chatbot e altre forme di intelligenza artificiale.

Innanzitutto, il caso dimostra che è importante utilizzare dati di allenamento puliti e privi di errori. Se i dati di allenamento contengono contenuti dannosi o illegali, è possibile che questi contenuti vengano riprodotti dal chatbot.

In secondo luogo, il caso solleva la questione della proprietà intellettuale nell’intelligenza artificiale. Se un chatbot copia il codice o i contenuti di un altro chatbot, è possibile che si verifichi una violazione del copyright.

Infine, il caso pone la questione dell’etica del plagio nell’intelligenza artificiale. Se un chatbot copia intenzionalmente il codice o i contenuti di un altro chatbot, è possibile che si verifichi un comportamento scorretto.

È importante che gli sviluppatori di chatbot siano consapevoli di queste questioni e prendano misure per prevenirle.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa vicenda? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 219 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x