Google Maps vs Apple Maps: quale app di navigazione è la migliore?

Condividi l'articolo

La lotta per essere l’app Number One Navigational è stata Google Maps vs Apple Maps per quasi un decennio. Google e Apple preinstallano i loro servizi su tutti i rispettivi smartphone; Google afferma che più di un miliardo di persone utilizzano Google Maps ogni mese, mentre Apple ha dichiarato che Apple Maps ha raggiunto centinaia di milioni di persone in 200 paesi.

Ma non si tratta di quanti utenti hai, riguarda quali servizi offri. Sia le mappe di Google e le mappe di Apple fanno molte delle stesse cose, ma quale è effettivamente migliore? Per rispondere a questa domanda stiamo pittendo Google Maps vs Apple Maps in modo da poter capire quale servizio dovresti usare.

1. Disponibilità

Come la maggior parte dei servizi Apple, le mappe Apple sono esclusive per la linea di prodotti della Società. Non lo chiamano un giardino murato per niente. Ciò significa che qualcuno non usare un iPhone, un Mac o qualche altro dispositivo Apple ha un modo a zero per accedervi.

Google Maps è l’opposto completo ed è disponibile in qualche modulo su quasi tutti i dispositivi là fuori. Android, Windows, iPhone, Mac, persino il careplay di Apple. Se ti trovi mai con un nuovo dispositivo e bisogno di direzioni, la tua familiarità esistente con Google Maps ti servirà bene. L’accesso con il tuo account Google sincronizza automaticamente tutti i tuoi dati, inclusa la cronologia del viaggio e le posizioni preferite.

Mentre Apple ha un sacco di dispositivi, tutti hanno qualche forma di mappe di mele disponibili, non è sufficiente per battere la disponibilità quasi universale di Google.

Vincitore: Google Maps
2. Interfaccia

Dopo diversi anni di raffinatezza, mappe di Apple e Google Maps offrono entrambe un’interfaccia molto focalizzata che è facile da usare. Detto questo, il modo in cui presentano che le informazioni sono molto diverse.

Apple Maps prende un approccio molto semplice a questo, con un’interfaccia che mantiene praticamente tutto in un posto per facilità d’uso. La cronologia di ricerca recente, le posizioni salvate e le informazioni su aziende e luoghi possono essere trovati quando si espande la barra di ricerca.

Fondamentalmente, quella barra di ricerca rimane dov’è finché non fai clic su un luogo, e se vuoi sbarazzartene tutto ciò che devi fare è toccare il pulsante X nell’angolo.

Google d’altra parte, ha pulsanti e barre degli strumenti ovunque. Nella parte superiore dello schermo del telefono c’è la barra di ricerca, che ospita anche le informazioni sull’account e si trova sopra i pulsanti dedicati per trovare servizi locali. Se hai mai bisogno di trovare un ristorante o un distributore di benzina velocemente, è probabile che sia molto utile.

Allo stesso modo nella parte inferiore dello schermo c’è un menu che ti dà accesso alle funzioni Esplora e Vai al tragitto giornaliero, luoghi salvati, notizie locali e l’opzione per contribuire al database di mappe di Google. Tutte queste cose svaniranno se tocchi il centro dello schermo, così puoi vedere una mappa pulita e ordinata, ma è ancora tutto un po ‘troppo.

Vincitore: Apple Maps
3. Progettazione Mappe

Come la sua interfaccia, Apple Maps ha optato per un approccio più minimalista al design della sua mappa. Sebbene abbia molte informazioni a sua disposizione, Apple Maps in realtà non ti mostra molto a meno che tu non esegua lo zoom fino in fondo. Allo stesso modo, Google ti mostra più informazioni quando ingrandisci ulteriormente, ma inizia a mostrare molte queste informazioni molto prima di quanto faccia Apple Maps.

Detto questo, entrambi mostrano sempre gli elementi essenziali indipendentemente da come stai visualizzando la mappa. Strade, luoghi, punti di riferimento, è tutto lì. L’unica vera differenza è la quantità di informazioni in eccesso visualizzate, comprese le attività commerciali, i nomi delle strade più piccole e così via. Allo stesso modo entrambi usano una modalità oscura che rende più facile per i tuoi occhi durante qualsiasi guida notturna che devi fare.

Entrambe le app hanno le informazioni di cui hai bisogno, ma l’approccio less-is-more di Apple Maps lo rende molto più facile per gli occhi. Le informazioni in eccesso di Google Maps a volte possono distrarre, e questa è l’ultima cosa di cui hai bisogno se ti sei perso e hai difficoltà a orientarti.

Vincitore: Apple Maps
4. Navigazione

C’è pochissima differenza nel modo in cui Apple Maps e Google Maps ti portano effettivamente i luoghi. Entrambi i servizi seguono i tuoi progressi durante il viaggio, inclusi il tempo di percorrenza e la distanza del viaggio, il tuo ETA corrente e le istruzioni più rilevanti in quel momento. Quindi, se hai bisogno di rimanere in autostrada per altre dieci miglia, questo è quello che dirà. Ma non appena avrai una svolta, cambierà e te lo farò sapere.

Entrambi i servizi sono in grado di dirti quali sono le condizioni attuali sul tuo percorso, inclusi traffico, strade chiuse e così via. Entrambe le app suggeriranno anche percorsi alternativi se quello su cui ti trovi è particolarmente congestionato, sebbene nessuna di esse sia aggressiva come Waze di proprietà di Google.

Non importa come intendi viaggiare, poiché Apple Maps e Google Maps possono generare indicazioni stradali per conducenti, escursionisti, ciclisti e coloro che viaggiano con i mezzi pubblici.

Per quanto riguarda la navigazione, le differenze tra Google Maps e Apple Maps possono essere quasi identiche, oppure possono essere diverse come qualsiasi percorso tra due punti può ottenere.

Ad esempio, guidare da casa mia al nostro ufficio di Londra ha generato percorsi identici di 51 miglia e un ETA di 1 ora e 13 minuti. Andare in treno è un po ‘diverso: Google Maps pensava che sarei arrivato in 58 minuti, contro i 57 minuti su Apple.

Né l’app mi ha dato molta opzione per modificare i percorsi. Le mappe di Apple hanno saltato la strada a pedaggio, anche quando lo metterei per consentire ai pedaggi e non mi darei la possibilità di prenderlo. Allo stesso modo, Google non aveva alcun suggerimento che è stato coinvolto lasciando l’uscita dell’autostrada in seguito. Invece gli unici percorsi alternativi offerti erano così selvaggiamente diversi che tutti e tre i percorsi divergevano quasi appena ho lasciato a casa.

È un po ‘strano che entrambe le app offrono percorsi primari simili, ma i supplenti erano così selvaggiamente diversi.

Indipendentemente da quale si ha, puoi essere sicuro che il percorso ottimale ti porterà a destinazione in modo approssimativo della stessa quantità di tempo.

Tuttavia, Google Maps ha il vantaggio aggiuntivo di farti aggiungere più stop per il tuo percorso in anticipo. Le mappe di Apple ti consentono di aggiungere Pit Stops a metà percorso, ma è davvero davvero per farti ottenere gas o avere qualcosa da mangiare. Non è per, ad esempio, creando un percorso per la casa di tua madre per prenderla su, quindi portando avanti i tuoi nonni senza iniziare una nuovissima strada.

Quindi Google convince molto strettamente la vittoria grazie alla maggiore comodità della pianificazione del viaggio.

Vincitore: Google Maps
5. Traffico

Sia Google Maps e Apple Maps hanno accesso ai dati del traffico in tempo reale e può farti sapere se affronti qualche problema lungo il tuo percorso. Che si tratti di chiusure stradali, traffico pesante o qualcos’altro interamente, non dovrebbe venire come un’enorme sorpresa. Naturalmente entrambe le app consentono di segnalare problemi sulla strada, essere incidenti, velocità di telecamere o pericoli generali che possono influire sui tempi di viaggio.

Google ha un vantaggio qui, grazie alla presenza della sua funzione “Pendolarismo”. Dopo aver impostato il luogo di lavoro e di casa nelle impostazioni, toccando il tragitto giornaliero viene mostrato il tipo di viaggio che puoi aspettarti. Ti dirà quanto tempo richiederà il viaggio, quali strade principali prenderai e quanto sono trafficate. Se il percorso non è di tuo gradimento, puoi scegliere una delle numerose opzioni diverse.

Google Maps ti consentirà anche di regolare l’orario di partenza o di arrivo nell’app stessa, cosa che Apple Maps non fa. Il calendario Apple ha una funzione “tempo di viaggio” che può fare più o meno la stessa cosa, ma che si basa sulla configurazione di un evento del calendario con la funzione Tempo di viaggio attivata. Conveniente in alcuni contesti, certo, ma è anche un processo complicato che potrebbe sicuramente fare con un po ‘di snellimento.

Apple Maps ti consente di salvare anche i tuoi indirizzi di lavoro e di casa, tra le altre posizioni. Rende più veloce la generazione delle indicazioni stradali per i luoghi in cui vai regolarmente, ma richiede alcuni passaggi aggiuntivi che il tragitto giornaliero di Google Maps salta. Google ha anche il vantaggio di tutti quei dati storici e in tempo reale extra.

Vincitore: Google Maps
6. Trasporto pubblico

Se viaggiare in auto non fa per te, sia Google Maps che Apple Maps possono includere informazioni sui trasporti pubblici nelle loro indicazioni stradali. In entrambe le app è semplice come scegliere una destinazione e poi premere l’opzione “trasporto pubblico” nella parte superiore dello schermo.

Entrambi i servizi includono dati da più autorità di trasporto pubblico, orari, servizi di condivisione delle corse e aggiornamenti di stato, ma Google ha ancora il vantaggio. Poiché dispone di dati su dove si trovano gli utenti di Google Maps, oltre a un mix di dati storici e di crowdsourcing, Google può stimare quanto sia occupato il sistema di trasporto pubblico in un dato momento. Come la funzione Pendolarismo, significa che puoi vedere esattamente cosa aspettarti e modificare il percorso di conseguenza.

Ma Apple Maps potrebbe recuperare. La versione beta di iOS 14.5 include testo che suggerisce che una versione dello stato live di Google Maps sta arrivando su Apple Maps. Sebbene menzionasse aziende e parchi, l’idea è che l’app possa inviare informazioni anonime e crittografate a crowd-source quanto sia occupato un luogo.

È simile al metodo di Google e la congestione del trasporto pubblico funziona allo stesso modo. Quindi non c’è motivo per cui Apple Maps non possa fare esattamente la stessa cosa.

Vincitore: Google Maps, per ora
7. Scoperta

Nelle app di navigazione c’è molto di più che trovare indicazioni stradali dal punto A al punto B. Sia Google Maps che Apple Maps hanno funzionalità che ti consentono di vedere cosa c’è intorno, aiutandoti a trovare ristoranti, stazioni di servizio, parcheggi e qualsiasi altra attività o punto di interesse per quelli volte non sai dove stai andando.

Google Maps lo mette in bella vista, con i pulsanti sotto la barra di ricerca e un elenco più ampio di categorie se scorri fino alla fine. C’è un pulsante per praticamente tutto ciò di cui hai bisogno, mentre la scheda Esplora nella parte inferiore dello schermo offre una panoramica più generale dell’area.

Apple Maps fa qualcosa di simile, che vedrai se tocchi ed espandi la barra di ricerca. “Trova nelle vicinanze” funziona esattamente allo stesso modo, permettendoti di scegliere una categoria pertinente all’area che stai guardando. Purtroppo non esiste un elenco completo come quello di Google e vedrai solo una manciata di opzioni che cambieranno a seconda dell’area specifica che stai guardando. Apple Maps ha anche qualcosa chiamato “Guide” che importa contenuti editoriali rilevanti che dovrebbero aiutarti a familiarizzare con qualsiasi area data.

I risultati di Esplora di Google Maps possono sfruttare una grande quantità di informazioni di Google, che vengono raccolte in prima persona e tramite crowdsourcing. Informazioni di contatto, orari di apertura, se l’attività è limitata a causa della pandemia, è tutto lì. Google che sa dove si trovano le persone in un dato momento significa anche che può stimare quanto sia occupato un luogo. Quindi, se un ristorante o un supermercato è particolarmente congestionato, sarai in grado di vederlo in anticipo.

Apple Maps ha molte di queste informazioni grazie alle partnership con servizi di terze parti come Yelp, Foursquare e TripAdvisor, ma non tanto quanto Google Maps. Non offre aggiornamenti in tempo reale su quanto sia impegnata un’azienda, ma secondo la beta di iOS 14.5 potrebbe esserci una versione di crowdsourcing di questa funzione in arrivo nel prossimo futuro. Criptato e anonimo, naturalmente.

Tuttavia, l’approccio “less is more” di Apple Maps garantisce un’interfaccia molto più pulita. Mentre l’insistenza di Google nell’includere il più possibile significa che a volte le cose possono sembrare un po ‘disordinate.

Nonostante il potenziale sovraccarico di informazioni, Google è ancora al primo posto in questo caso. in grado di mettere a frutto la propria raccolta di dati assicurandoti di sapere se stai andando da qualche parte nel momento sbagliato. Anche il fatto che l’app non scelga e scelga Esplora categorie per te è una vittoria e qualcosa che Apple Maps deve assolutamente copiare. Ma Apple Maps sembra stia recuperando terreno e il dominio di Google potrebbe non essere così certo per molto più tempo.

Vincitore: Google Maps
8. Controllo a mani libere

Il controllo a mani libere è importante se stai guidando, perché non puoi toccare costantemente il telefono per fare le cose. Apple Maps e Google Maps hanno entrambi il controllo a mani libere, sebbene funzionino in modo diverso.

Apple Maps è connesso a Siri, che è installato su ogni iPhone per impostazione predefinita. Ciò significa che puoi impostare tutto immediatamente, senza passaggi aggiuntivi non necessari. Siri ora funziona con Google Maps, ma devi specificare dove vuoi inviare il comando, altrimenti Siri verrà impostato su Apple Maps per impostazione predefinita. Quindi dovrai dire “Ehi Siri, dammi le indicazioni stradali per lavorare con Google Maps” perché la semplice richiesta di indicazioni per il lavoro aprirà invece Apple Maps. In alternativa puoi scaricare e configurare l’Assistente Google o attivare i comandi vocali toccando il pulsante del microfono sullo schermo.

Su Android sono preinstallati sia Google Maps che Google Assistant, il che significa che puoi impostare subito i comandi a mani libere. Ovviamente Apple Maps non è disponibile lì, anche se ancora una volta hai la possibilità di saltare l’assistente e attivare i comandi vocali con un pulsante sullo schermo.

Ovviamente toccare lo schermo ogni volta che vuoi dire a Maps di fare qualcosa non è lo scenario migliore, perché dovresti concentrarti sulla strada. Non importa quale dispositivo stai utilizzando.

Apple Maps ha il vantaggio se usi un iPhone, perché tutto è interconnesso e non devi affrontare la seccatura di scaricare un nuovo assistente o specificare quale servizio vuoi utilizzare ogni volta. Ovviamente Google Maps ha un vantaggio su Android, ma ciò è dovuto principalmente al fatto che Apple Maps non è disponibile.

Vincitore: pareggio
9. Street View

Se hai bisogno di un modo diverso di guardare il mondo, Street View è uno strumento molto utile in quanto mostra una posizione dal tuo punto di vista, piuttosto che dalla prospettiva dall’alto verso il basso standard di una mappa. È particolarmente utile per orientarti in una posizione strana.

Street View di Google esiste dal 2007 e negli ultimi 14 anni si è espanso in tutto il mondo. Non ovunque e troverai vaste porzioni di paesi come la Germania e la Corea del Sud non hanno la copertura di Street View, né la Cina continentale. Eppure è in molti posti.

Accedervi è facile e tutto ciò che devi fare è cambiare il tipo di mappa nell’opzione Street View e fare clic su un’area evidenziata in blu. Puoi quindi scegliere di navigare in una modalità a schermo diviso che si basa sul tuo tocco di posizioni sulla mappa per spostarti, o toccando e scorrendo all’interno di Street View stesso.

L’equivalente di Apple Maps si chiama “Look Around” e poiché è stato lanciato solo alla fine del 2019, non è neanche lontanamente così esteso. Al momento troverai solo i punti Look Around nelle principali città degli Stati Uniti, del Regno Unito, del Giappone, dell’Irlanda e del Canada. Anche l’accesso e la navigazione in questa modalità sono leggermente diversi. Devi selezionare fisicamente un punto sulla mappa e selezionare prima l’opzione Guardati intorno. La navigazione, d’altra parte, non sembra essere disponibile in modalità a schermo intero e dovrai accedere alla modalità a schermo diviso e toccare / scorrere la mappa per vedere l’aspetto delle diverse località.

Quindi, a causa dell’enorme quantità di copertura e di una migliore selezione di scelte di navigazione, significa che Google è il migliore.

Vincitore: Google Maps
10. Privacy

Apple è andata all in con la privacy negli ultimi anni e Apple Maps non fa eccezione. Mentre la privacy e la navigazione in tempo reale sembrano piuttosto incompatibili, Apple ha sviluppato un processo chiamato “fuzzing” che garantisce l’anonimato.

Anziché richiedere un percorso da A a B, Apple Maps invia più richieste con più identificatori che mascherano dove stai cercando di andare. L’app converte anche la tua posizione precisa in una meno esatta dopo 24 ore e la stessa Apple non memorizza alcuna informazione su dove sei stato o cosa stavi cercando. Inoltre nessuna delle informazioni che raggiungono un server esterno è associata al tuo ID Apple.

Tutti i dati personalizzati di Apple Maps sono memorizzati sul tuo dispositivo, piuttosto che su un server dove sono fuori dal tuo controllo. Ciò significa che puoi accedere alle impostazioni ed eliminarlo in qualsiasi momento, con la certezza che è andato per sempre.

I dati possono ancora essere sottoposti a backup e sincronizzati su più dispositivi, tramite il tuo archivio iCloud personale, ma ciò non avviene automaticamente. Poiché caricare quei dati su un server, non importa quanto sia sicuro, è più rischioso che tenerli sul tuo dispositivo, devi prima attivarli deliberatamente.

Google Maps non fa niente di tutto ciò. Invece praticamente tutto ciò che fai viene instradato attraverso i server di Google e le informazioni raccolte dai tuoi viaggi e dalle tue ricerche possono essere utilizzate per personalizzare meglio gli annunci di Google. Perché è così che l’azienda guadagna e più gli annunci sono pertinenti per te, più diventano preziosi.

Vengono prese misure per garantire che gli inserzionisti non imparino troppo su di te come individuo, ma non è completamente anonimizzato nello stesso modo in cui lo sono le richieste di navigazione di Apple Maps.

Google Maps ha una modalità di navigazione in incognito, proprio come il browser Chrome, che limita la quantità di dati salvati. Tuttavia, ciò non impedisce il fatto che tutto debba prima passare attraverso i server di Google, quindi l’unico modo per evitare attivamente che Google Maps ti tenga d’occhio è smettere di usarlo ed eliminare l’app.

Vincitore: Apple Maps
  Google Maps Apple Maps
Disponibilità x  
Interfaccia   x
Prrogettazione Mappe   x
Navigazione x  
Traffico x  
Transporti Pubblici x  
Scoperta x  
Controllo a mani libere x x
Street View x  
Privacy   x
Totale 7 4
In definitiva

La pratica di raccolta dati di Google è fondamentale per rendere Google Maps un servizio superiore a Apple Maps. O questo è un modo di vedere la cosa. Poiché Apple Maps viene eseguito con particolare attenzione alla privacy degli utenti, Apple non può utilizzare i dati per apportare miglioramenti. Quindi Google può offrire aggiornamenti in tempo reale che mostrano quanto potrebbe essere occupato un negozio o un treno, che sarà sempre ben fuori dalla portata di Apple.

Ma allo stesso tempo utilizzare Google Maps significa sapere tutto ciò che fai e tutto ciò che cerchi, viene raccolto e analizzato a vantaggio di Google. Quando si tratta di GPS e della tua posizione attuale, sarà troppo per i più attenti alla privacy.

Scoprire nuovi luoghi è facile su Google Maps, ma solo. Apple ha solo bisogno di offrire un elenco completo di categorie, piuttosto che darti solo ciò che ritiene sia il più rilevante. Allo stesso modo, Google Street View è più diffuso, ma ha anche avuto un vantaggio di 12 anni che pone il Look Around di Apple in netto svantaggio. Apple Maps offre un design più pulito e un’interfaccia più semplice, che è molto più attraente dell’approccio relativamente disordinato di Google Maps.

La maggior parte di questi confronti sono arbitrari nel lungo periodo. Google Maps potrebbe aver vinto più categorie di Apple Maps, ma i numeri non ci dicono tutto. La cosa più importante da considerare è la navigazione effettiva e si scopre che qui non c’è davvero una risposta sbagliata.

Le prestazioni di navigazione di Google Maps e Apple Maps erano sostanzialmente identiche e significa che qualunque cosa tu scelga sarai ben servito. Sta solo a te decidere quale è giusto per te e che tipo di viaggi intendi intraprendere.

Se apprezzi la privacy sopra ogni altra cosa o sei soddisfatto dell’app di mappatura predefinita sul tuo iPhone, vai con Apple Maps. Tuttavia, se preferisci un servizio che offre più informazioni e mette i tuoi dati al lavoro migliorando ciò che vedi, allora vai su Google Maps. Dipende tutto da te.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Tra i due qual è il tuo navigatore preferito? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].


Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi l'articolo

Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona Adblock del tuo browser

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 1a.jpeg

Clicca su Sospendi su questo sito

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2a.jpeg

Ora l’icona di Adblock ora è diventata verde.

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 😀


Condividi l'articolo
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x