Quantcast
News

ISP obbligati a rivelare pirati, ma vietate la “caccia alle streghe” online

Condividi l'articolo

Un tribunale ha ordinato all’Internet Service Provider (ISP) Frontier Communications di condividere i dettagli personali dei suoi abbonati con società di produzione cinematografiche e case discografiche, nell’ambito di due cause legali in corso sulla responsabilità per la pirateria.

In precedenza, Frontier aveva oscurato queste informazioni riservate, citando preoccupazioni per la privacy. Tuttavia, il tribunale ha ritenuto che, con adeguate misure di salvaguardia, gli interessi dei titolari del copyright pesino di più.

Le società di produzione di film e musica hanno intentato diverse cause legali contro ISP statunitensi, accusandoli di non aver preso provvedimenti contro gli abbonati che violano ripetutamente il copyright. Una delle principali accuse è che gli ISP non abbiano terminato gli account di “utenti recidivi” in “circostanze appropriate”, come richiesto dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA).

Queste cause legali hanno già portato a sentenze multimilionarie contro Cox e Grande. Ora anche Frontier Communications, uscita dal fallimento tre anni fa, si trova a dover affrontare due battaglie legali separate.

Leggi anche:

Anche se Frontier ha condiviso centinaia di migliaia di e-mail, avvisi DMCA e un database relativo ai suoi abbonati che hanno ricevuto tali avvisi, ha mantenuto anonimi i dettagli personali degli abbonati. Questo ha reso impossibile per le società di produzione collegare gli indirizzi IP alle violazioni.

Dopo un’udienza, il tribunale ha concluso che i titolari dei diritti hanno un interesse legittimo a smascherare gli abbonati di Frontier. Pertanto, ha ordinato all’ISP di rivelare i dettagli personali degli abbonati presunti responsabili di violazioni.

Tuttavia, il tribunale ha imposto alcune restrizioni per garantire la privacy degli abbonati. Ad esempio, i dati sono classificati come “altamente riservati” e dovranno essere distrutti 30 giorni dopo la conclusione del procedimento. Inoltre, i titolari dei diritti non possono “molestare” i clienti e possono contattarne solo 50 senza un’ulteriore autorizzazione del tribunale.

Questa decisione mira a trovare un equilibrio tra gli interessi dei titolari dei diritti e la tutela della privacy degli utenti, mentre l’ISP è costretto a condividere i dati degli abbonati sospettati di pirateria.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 129 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x