News

Piracy Shield ha fallito: puoi bloccarla firmando la petizione

Condividi l'articolo

Lotta alla pirateria online, un obiettivo giusto ma problematico se non ben gestito. È quanto emerge da una lettera aperta contro gli eccessi di Piracy Shield, la piattaforma ideata per contrastare la distribuzione di contenuti illegali online. Sebbene l’intento di proteggere i diritti d’autore sia lodevole, diversi problemi relativi alla mancanza di supervisione pubblica, inefficacia nel blocco degli indirizzi IP, incidenti di blocco di siti legittimi e mancanza di trasparenza sono emersi fin dal suo lancio.

Uno dei problemi principali di Piracy Shield è rappresentato dalla totale assenza di controllo da parte di un’autorità pubblica. Questo comporta il rischio di errori umani che possono portare al blocco ingiustificato di siti legittimi, danneggiando gravemente sia i proprietari dei siti che gli utenti che ne usufruiscono. Inoltre, la tecnica di bloccare indirizzi IP risulta inefficace e rischiosa, poiché un singolo indirizzo IP può ospitare diversi servizi, provocando danni a siti non coinvolti nella violazione del copyright.

Leggi anche:

A questi problemi si aggiungono gli incidenti verificatisi nei primi mesi di utilizzo di Piracy Shield, che hanno causato disagi e danni a siti web legittimi. La totale assenza di trasparenza nei provvedimenti di blocco e la mancanza di regolamentazioni che stabiliscano le responsabilità dei segnalatori in caso di segnalazioni ingiustificate completano il quadro di criticità dell’attuale sistema.

Di fronte a questo scenario, emerge la necessità di una riforma integrale di Piracy Shield che preveda la supervisione e il controllo pubblico delle segnalazioni, l’unificazione delle liste di censura, la limitazione dei blocchi basati su indirizzo IP e l’apertura dell’accesso in solo lettura a tutti. Inoltre, è fondamentale avviare una nuova consultazione pubblica per coinvolgere operatori e associazioni di settore nella definizione di una piattaforma più neutrale e trasparente.

La trasformazione di Piracy Shield in uno standard attraverso la pubblicazione del codice sorgente e dei manuali risulta cruciale per garantire totale trasparenza su ogni aspetto e garantire il rispetto dei diritti civili. Solo attraverso una profonda riforma e un maggiore coinvolgimento degli operatori, sarà possibile ridurre gli eccessi della piattaforma e garantire il rispetto dei diritti online in modo equo e trasparente.

Sei contrario a Piracy Shield? Firma la petizione

Se credi che Piracy Shield non faccia bene il suo lavoro, se ha danneggiato il tuo sito, o se comunque non lo ritieni un valido mezzo per contrastare la pirateria online, puoi chiederne il blocco firmando la petizione che trovi a questo indirizzo:

👇🏻👇🏻👇🏻

stop-piracy-shield.it

Attualmente il numero di firme è poco inferiore ai 500, ma ho motivo di credere che possa crescere a dismisura. Puoi contribuire non solo firmando la petizione, ma anche condividendo questo articolo con gli amici e sui social network.

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Sei d’accordo con questa petizione? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 444 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments