Quantcast
News

Come e perché gli utenti aggirano il blocco dei siti pirata, secondo l’Arcom

Condividi l'articolo

L’agenzia antipirateria francese Arcom ha condotto un’indagine approfondita su come e perché gli utenti Internet si impegnano nell’aggirare il blocco dei siti pirata. I risultati di questa ricerca forniscono interessanti spunti di riflessione sul dibattito in corso sulla lotta alla pirateria online.

Secondo lo studio, circa un terzo (31%) degli utenti francesi intervistati si considera tra gli ultimi ad adottare le nuove tecnologie, mentre il 30% si ritiene invece all’avanguardia nell’uso di nuovi strumenti digitali. Questo suggerisce che la consapevolezza delle tecniche per aggirare il blocco dei siti va ben oltre i semplici pirati.

Ad esempio, il 23% degli utenti sa che cambiare le impostazioni DNS è un modo per bypassare il blocco dei siti pirata, mentre l’81% ha sentito parlare delle VPN e quasi la metà (42%) ne fa uso.

Leggi anche:

In totale, oltre un terzo (35%) degli utenti francesi ha utilizzato VPN o modificato le impostazioni DNS negli ultimi 12 mesi. Sorprendentemente, solo il 46% di loro ha ammesso di farlo per accedere a contenuti illegali, mentre la maggior parte cita motivazioni legate alla privacy e alla sicurezza online.

Tra gli utenti che dichiarano di consumare contenuti pirata, i principali motivi per l’uso di VPN e DNS modificati sono l’anonimato, l’accesso a contenuti bloccati geograficamente e, solo in misura minore, l’aggirare il blocco di siti pirata.

Questi risultati suggeriscono che, anche se il blocco dei siti pirata può essere efficace a breve termine, molti utenti finiscono per adottare strumenti di bypass per finalità legittime. Ciò potrebbe diluire nel tempo l’impatto di tali misure, poiché gli utenti finiranno per dimenticare persino l’esistenza del blocco.

In definitiva, l’indagine di Arcom dimostra che il dibattito sulla lotta alla pirateria online è ben più complesso di quanto si possa pensare. Le semplici soluzioni basate sul blocco non sembrano essere la panacea, ed è necessario un approccio più articolato per affrontare efficacemente il problema.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi di questa notizia? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 336 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x