Così gli hacker americani hanno attaccato la Russia

Condividi l'articolo

L’agenzia di stampa cinese Xinhua afferma che gli attacchi informatici hanno preso di mira anche Ucraina e Bielorussia.

Gli hacker che operano principalmente dal suolo americano hanno preso il controllo dei computer in Cina, utilizzandoli per effettuare attacchi informatici contro obiettivi in ​​Russia, Bielorussia e Ucraina, ha riferito venerdì l’agenzia di stampa cinese Xinhua.

Il notiziario afferma che l’autorità Internet cinese ha iniziato a rilevare tali attività dannose alla fine di febbraio. Secondo il rapporto, da allora Internet del Paese è stato oggetto di attacchi costanti dall’estero.

L’agenzia di stampa, citando funzionari, ha rivelato che la maggior parte degli attacchi informatici era stata fatta risalire agli Stati Uniti, con 10 di questi indirizzi nel solo Stato di New York. Secondo quanto riferito, i computer cinesi sono stati presi di mira anche da Germania, Paesi Bassi e molti altri paesi.

Secondo i dati citati dai media cinesi, circa l’87% di tutti gli attacchi informatici effettuati tramite computer in Cina aveva la Russia come obiettivo principale.

L’articolo ha rassicurato i lettori sul fatto che l’autorità Internet cinese ha risposto alle violazioni informatichenella misura massima e in modo tempestivo.

Leggi anche:

Da quando la Russia ha lanciato la sua campagna militare contro l’Ucraina il 24 febbraio, i siti web del governo del paese, nonché quelli appartenenti ad alcune importanti banche commerciali, società e media, tra cui RT, sono stati oggetto di molteplici attacchi informatici.

Alla fine di febbraio, Anonymous, un gruppo internazionale di hacker, ha dichiarato una guerra informatica al governo di Vladimir Putin.

Nel frattempo, i media statunitensi hanno pubblicato rapporti martedì, sostenendo che un gruppo di hacker senza nome sostenuto dal governo cinese aveva attaccato le agenzie del governo locale in mezza dozzina di stati statunitensi negli ultimi 10 mesi. I rapporti che citano la società di sicurezza informatica americana Mandiant hanno affermato che l’obiettivo principale degli hacker cinesi era la raccolta di informazioni.

La CNN ha anche affermato che un avviso dell’FBI e dell’Agenzia per la sicurezza informatica e delle infrastrutture (CISA) degli Stati Uniti ai governi statali avrebbe nominatosalute, trasporti, lavoro (compresi i sistemi di sussidi di disoccupazione), istruzione superiore, agricoltura e reti e sistemi giudiziari “ tra le zone prese di mira.

Commentando i rapporti, l’ambasciata cinese a Washington, DC, ha insistito sul fatto che Pechinosi oppone fermamente e combatte [gli] attacchi informatici di qualsiasi tipo, respingendo le accuse di coinvolgimento della Cina nelle violazioni come infondate”.

Una guerra informatica annunciata

Non c’è nulla da meravigliarsi se gli attacchi informatici stiano arrivando a pochi mesi di distanza dalla celebre simulazione del Cyber Polygon del 7 luglio. Eravamo stati avvisati del fatto che il mondo avrebbe assistito ad una vera e propria pandemia informatica. Allora, quale miglior pretesto per aprire le danze se non un “bella” guerra? 

Spero di sbagliarmi ma ho motivo di credere che questi attacchi informatici, molto presto valicheranno i confini bellici e colpiranno l’intero pianeta. 

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che questi attacchi informatici facciano parte del Cyber Polygon? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
1
+1
0
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: