Quantcast
News

Elon Musk non teme le “conseguenze” della libertà di parola

Condividi l'articolo

Questa settimana il proprietario di Twitter è stato criticato per i suoi tweet fortemente critici nei confronti del donatore democratico George Soros

L’ex CEO di Twitter, Elon Musk, ha dichiarato che continuerà a fare affermazioni controverse sulla piattaforma di social media anche se ciò comporterà perdite finanziarie, respingendo le accuse di antisemitismo su CNBC martedì.

“Dico ciò che voglio dire e se le conseguenze di ciò sono la perdita di denaro, così sia”, ha detto Musk a David Faber di CNBC, aggiungendo in seguito che “ho il diritto di dire ciò che voglio”.

I commenti di Musk sono arrivati poco dopo che ha attirato ampie condanne martedì per aver descritto l’imprenditore ungherese-americano George Soros come qualcuno che “odia l’umanità” e vuole “erodere il tessuto stesso della civiltà” ai suoi quasi 140 milioni di follower su Twitter.

Musk ha anche paragonato Soros – che è un prolifico donatore a numerose cause di sinistra negli Stati Uniti e all’estero – al supercattivo dei fumetti Marvel, Magneto. Ciò ha suscitato critiche da parte di David Kaye, l’ex relatore speciale dell’ONU per la libertà di espressione, che ha descritto il tweet di Musk come “antisemitismo incitante contro Soros”.

Leggi anche:

L’Anti-Defamation League e altri hanno spesso descritto gli attacchi contro Soros come propaganda antisemita. Tuttavia, Musk, che si è definito un “assolutista della libertà di parola”, ha difeso la sua posizione e ha affermato di essere “pro-semita” e che le sue opinioni su Soros sono solo la sua opinione personale.

Musk ha acquisito Twitter lo scorso anno in una costosa acquisizione multimiliardaria e ha implementato misure di riduzione dei costi nell’azienda tecnologica da quando ha preso il controllo. Ha ammesso di aver licenziato più dell’80% della forza lavoro di Twitter, ma ha dichiarato alla BBC che la società è vicina al pareggio prima dell’arrivo del nuovo CEO Linda Yaccarino. Musk ha anche detto che intende chiedere a alcuni dei dipendenti licenziati di tornare in Twitter “se non sono troppo arrabbiati con noi”.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi ancora nella buonafede di Elon Musk? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo guruhitech@yahoo.com.

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
(Visited 27 times, 1 visits today)
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x