Google Stadia sta morendo? I fan sono preoccupati

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
I giocatori che contemplano la morte di Google Stadia non sono una novità. Succede da quando il servizio è stato lanciato alla fine del 2019 ed è del tutto comprensibile. Google ha un track record di servizi che uccidono senza pietà che non riescono a raggiungere la massa critica anche se hanno una base di fan attiva ed entusiasta.
Se ti chiedi mai perché le persone siano scettiche riguardo alla dedizione a lungo termine dell’azienda per il cloud gaming, dai un’occhiata alle tante app e servizi promettenti rimasti a marcire nel cimitero di Google.

Stadia è una piattaforma di cloud gaming, sviluppata da Google e rilasciata il 19 novembre 2019, grazie alla quale è possibile giocare in streaming su vari dispositivi.

Tra le caratteristiche principali vi sono quelle di acquistare i giochi, in formato digitale, senza download e senza eseguire aggiornamenti, riprodurre i giochi in risoluzione 4K, ed effettuare un abbonamento a Stadia Pro. Tramite Stadia Pro i giocatori potranno usufruire di alcuni videogiochi presenti all’interno di un catalogo come avviene per i principali concorrenti: PlayStation Now di Sony, Xbox Game Pass di Microsoft e GeForce Now di Nvidia.

Il servizio è accessibile esclusivamente tramite internet con una connessione minima consigliata di 10 Mbps. Per utilizzare Stadia su una TV è necessario utilizzare il controller Stadia e Google Chromecast Ultra. È possibile giocare con mouse e tastiera o controller tramite il browser Google Chrome su qualsiasi PC; con controller compatibili su smartphone Google Pixel 2 o successivi, su alcuni modelli di dispositivi mobili, nonché su tablet con sistema operativo Chrome OS. La versione mobile di Google Stadia supporta i comandi touch screen.

(Wikipedia)

Stadia alla fine del 2019, lanciato con una raccolta anemica di titoli e mancante di un sacco di funzionalità, portava tutti i tratti distintivi di un prodotto Google che potrebbe non avere molta capacità di resistenza. L’ultimo round di speculazioni ha seguito il primo importante ridimensionamento delle ambizioni di Google Stadia con la chiusura di Stadia Games and Entertainment. Quella era la divisione incaricata di realizzare avvincenti titoli first party esclusivi per Stadia guidati dallo sviluppatore e produttore veterano Jade Raymond. La chiusura di questi studi first party è senza dubbio una perdita enorme.

Leggi anche:

All’epoca del lancio, erano considerati uno dei principali punti di forza del servizio per il futuro. Gli sviluppatori di AAA lavorano per produrre giochi specifici per il cloud con la possibilità di esperienze di gioco uniche basate sul cloud che non sarebbero possibili su una console o anche su un PC di fascia alta. I titoli AAA sono costosi da realizzare e richiedono molto tempo per essere realizzati. Di solito parliamo di tre o quattro anni qui, quindi Stadia Games and Entertainment è stato visto come una dichiarazione di fiducia nel futuro della piattaforma. Dato che le persone hanno speculato sulla chiusura di Stadia da quando è esistito, è facile dare un’occhiata a questa notizia e / o alla conclusione che “Stadia vive del tempo prestato.”

In un post sul blog, il capo di Stadia Phil Harrison, ex Microsoft e Sony, ha detto che Google amplierà i suoi sforzi per aiutare gli sviluppatori e gli editori a trarre vantaggio dalla tecnologia della piattaforma Stadia e fornire i giochi direttamente ai propri giocatori. Questo è un ottimo stimolo per concentrarsi su titoli dal budget elevato nostrani e punta a Google che reindirizza le risorse che avrebbe speso per SG&E.

A breve termine, se ci pensi, non è una mossa così cattiva. Sebbene Stadia abbia acquisito molti titoli di grandi nomi nel 2020 come Cyberpunk, Doom Eternal e la serie Hitman insieme a titoli come FIFA che arriveranno a breve. La selezione in questo momento è ancora piuttosto scarsa rispetto a una console tradizionale.

Quindi, se Stadia è sotto pressione da parte di Google per guadagnarti da vivere per i prossimi due o tre anni, probabilmente faresti meglio a spendere le tue risorse per corteggiare i grandi editori esistenti e assicurarti che Stadia non perda importanti versioni a breve e medio termine. Fondamentalmente scambiare esclusive di prima parte molto più tardi per parità di seconda parte.

Il contrappunto a ciò è che un’azienda come Google e un veterano del settore come Phil Harrison avrebbero dovuto prevedere questa situazione già nel 2019. Se lo avessero fatto, non sarebbero ora nella posizione di licenziare un gran numero di sviluppatori di talento che hanno già bruciato denaro per più di un anno realizzando giochi che non vedranno mai la luce del giorno. 

Fonte

Ti potrebbe interessare: 

Esprimi il tuo parere

Credi che queste preoccupazioni per la piattaforma gaming di Stadia siano fondate? Fammi sapere cosa ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, potete inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x