Guerra al pezzotto: ancora multe per gli abbonati IPTV

Condividi l'articolo

Tempi duri per lo streaming illegale

A distanza di poche settimane dall’ultimo blitz, il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche delle Fiamme Gialle ha pizzicato altri 1.600 utenti che usufruivano del servizio IPTV illegale.

Nella prima parte del verbale si evince che le violazioni contestate sono due e portano ad altrettanti tipi di sanzioni: 154 € per l’utilizzo di contenuti audiovisivi coperti da copyright e 1.032 € per le eventuali recidive. Come previsto dalla normativa, gli utenti pagando la multa entro 60 giorni dalla notifica possono risparmiare portando le sanzioni a 51 o 344 € rispettivamente.

Leggi anche:

Il CEO di DAZN Italia, Stefano Azzi si ritiene molto soddisfatto: i clienti finali che, grazie alle operazioni svolte, vengono identificati e multati per aver commesso atti di pirateria stanno crescendo. Se da un lato questi numeri sono la dimostrazione che la pirateria in Italia è diffusa in maniera massiccia dall’altro confermano quanto le Forze dell’Ordine siano sempre attive e impegnate a debellare un problema che sta provocando ingenti danni al sistema”.

Della stessa idea anche Andrea Duilio, AD di Sky Italia, che sottolinea come queste prime multe mostrano che è doppiamente pericoloso usufruire di servizi pirata, perché non solo si consegnano i propri dati personali a organizzazioni criminali, ma si compie anche un illecito per cui si è multati e perseguiti.

È questa la via che porta alla fine della pirateria audiovisiva?

Credo proprio di no! Per un sito censurato ce ne sono altri 10 che aprono e allo stesso modo, per un servizio IPTV bloccato ce ne saranno altri pronti a rimpiazzarlo. 

Il “pezzotto” non è un fenomeno che riguarda solo l’Italia ma è ormai diffuso in ogni parte del mondo. Tra i banner pubblicitari dei circuiti Google, ad esempio, non è raro trovare anche sponsor dedicati all’IPTV, il che è un controsenso se consideriamo che la stessa Google ti penalizza se condividi determinati articoli. 

Il paradosso vero e proprio tuttavia è proprio questa caccia alle streghe che esiste da sempre e che si potrebbe magari evitare portando i prezzi degli abbonamenti a livelli per così dire “popolari”. In un periodo di grande crisi finanziaria, chi può permettersi di pagare Sky, DAZN, Netflix, Amazon Prime e via dicendo? Credo che siano i prezzi troppo alti e le troppe opzioni di scelta a indurre gli utenti a rifugiarsi nell’illegalità. 

Come pagare meno?

Se non puoi permetterti tutti questi abbonamenti a prezzo intero allora ti consiglio GamsGo. Grazie a questo servizio, potrai avere DAZN, Spotify, Netflix, Disney+ e tanti altri abbonamenti, a prezzi decisamente più bassi. Per saperne di più, leggi questo articolo.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Che ne pensi degli abbonamenti IPTV? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

+1
0
+1
1
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x