Le chat di Signal sono sicure? L’FBI non la pensa così

Condividi l'articolo

Recenti documenti del tribunale hanno indicato che il Federal Bureau of Investigation (FBI) possiede uno strumento che consente loro di accedere ai messaggi crittografati sull’app Signal.

Signal ha rapidamente guadagnato popolarità dopo che WhatsApp ha dichiarato che per via delle nuove politiche sulla privacy, i contenuti dell’app sarebbero stati condivisi sul social network Facebook. WhatsApp ha poi ritrattando posticipando al 15 di maggio la condivisione con Facebook (vedi articolo) ma la migrazione verso altri lidi sembra ormai irreversibile.

Gli utenti che non hanno per nulla apprezzato questa scelta hanno da subito cercato nuove alternative e i governi e i mass media hanno prontamente consigliato di installare Signal ma la piattaforma potrebbe essere vulnerabile alle backdoor che minano la protezione della privacy fornita attraverso il servizio di messaggistica crittografata. 

Inoltre, come riportato in questo articolo,  Signal è stata finanziata dagli stessi collaboratori del gruppo Facebook, quindi perché migrare verso un’altra app gestita dagli stessi che mirano al controllo degli utenti?

Secondo i documenti archiviati dal Dipartimento di Giustizia e ottenuti per la prima volta da Forbes, i messaggi crittografati di Signal possono essere intercettati dai dispositivi iPhone quando questi dispositivi Apple sono in una modalità chiamata “AFU parziale”, che significa “dopo il primo sblocco”.

Quando i telefoni sono in modalità AFU parziale, i messaggi Signal possono essere sequestrati dalle autorità federali e da altri interessi potenzialmente ostili. GrayKey e Cellebrite sono gli strumenti tipicamente utilizzati dall’FBI per ottenere queste informazioni sensibili, ha spiegato un esperto.

“Utilizza un approccio molto avanzato che utilizza le vulnerabilità hardware”, ha detto Vladimir Katalov, che ha fondato la società russa di medicina legale ElcomSoft, ritenendo che GrayKey sia stato utilizzato dalle autorità federali per violare Signal.

Questa vulnerabilità all’interno dell’app Signal potrebbe non essere un difetto di progettazione, ma piuttosto una backdoor deliberata per consentire alle autorità di accedere ai messaggi privati. L’app è stata inizialmente finanziata con il sostegno del Deep State, dopotutto.

Big League Politics ha riferito dell’ascesa di Telegram, un’app pro-privacy che è il concorrente più diretto di Signal:

Il New York Times sta spingendo Telegram a censurare le voci di destra e ostacolare la straordinaria crescita della piattaforma mentre le piattaforme di social media tradizionali promulgano una censura draconiana.

Il famigerato giornalista ha pubblicato un articolo martedì implorando Telegram di fare di più per impedire ai cosiddetti “teorici della cospirazione di estrema destra, razzisti e insurrezionisti violenti” di usare l’app per comunicare.

“C’è una vera spinta e attrazione tra le persone che usano Telegram – e i messaggeri come questo – per sempre, e le persone che li usano per minare la democrazia”, ​​ha detto Nina Jankowicz, analista di disinformazione presso il globalista Wilson Center.

“Vediamo la stessa apertura e lo stesso senso di connessione che viene utilizzato dagli attivisti democratici opportunisticamente sfruttati dagli estremisti”, ha aggiunto…

“Telegram non ha mai ceduto alle pressioni dei funzionari che volevano che eseguissimo la censura politica”, dichiarò Durov diversi anni fa.

Durov, un libertario di origine russa, ha avuto problemi con il Cremlino su Telegram, ma il governo russo è arrivato sulla piattaforma e ora la usa regolarmente. Dmitry Polyanskiy, vice ambasciatore della Russia presso le Nazioni Unite, ha persino esortato l’ex presidente Donald Trump a salire sulla piattaforma dopo essere stato bandito da Big Tech. Peccato però che dopo poche settimane, il canale Telegram dell’ex presidente americano sia stato conttrassegnato come “truffa”.

“Sembra che tu non goda più della libertà di parola nel tuo paese!” ha scritto signor Polyanskiy.

Sebbene Trump non sia attualmente sulla piattaforma, suo figlio, Donald Trump Jr., si è unito a Telegram e ha già un enorme seguito sull’app pro-free speech.

Telegram potrebbe essere un’opzione migliore di Signal per le persone che sperano di salvaguardare i propri diritti, considerando le vulnerabilità di Signal e i legami con lo stato profondo.

Fonte

Ti potrebbe interessare:

Esprimi il tuo parere!

E tu quale app preferisci tra Signal, Telegram e WhatsApp? Fammi sapere che ne pensi lasciando un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso.

Per altre domande, informazioni o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

 

+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
Would love your thoughts, please comment.x