Notizia bomba: Facebook potrebbe perdere Instagram e WhatsApp

Condividi l'articolo

Che ne pensi?
+1
0
+1
3
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Un caso antitrust federale contro Meta, ha appena ottenuto il via libera.

Se il caso dovesse avere successo, il titano della tecnologia statunitense Facebook (ora Meta), potrebbe essere costretto a rompere il suo presunto monopolio illegale vendendo la sua suite di app di social media che comprende Instagram e WhatsApp.

La notizia è stata riportata dall’autorevole The Sun, il che significa che il fatto è di notevole importanza a va quindi analizzato con molta attenzione.

Come potrebbero cambiare le app del gruppo Meta

Sotto la nuova proprietà, artisti del calibro di Instagram, WhatsApp e altri popolari servizi Meta cambierebbero probabilmente per gli utenti di tutto il mondo.

Ad esempio, potresti aver bisogno di accessi diversi per ciascuna app, piuttosto che avere la possibilità di accedervi utilizzando le tue credenziali di Facebook.

Funzionalità come le Storie probabilmente non si trasferirebbero più senza problemi tra i tuoi profili Instagram e Facebook con il semplice tocco di un pulsante.

È anche possibile che la possibilità di trovare i tuoi amici di Facebook su WhatsApp e Instagram diventi un po’ più complicata.

Per ora sono tutte speculazioni, ovviamente e non possiamo sapere esattamente come la modifica potrebbe influenzare gli utenti fino a quando non saranno concordati i termini di un eventuale scioglimento.

Districare Instagram e WhatsApp da Facebook sarebbe estremamente complicato e richiederebbe anni.

Leggi anche:

Will Guyatt, un esperto di tecnologia ed ex membro dello staff di Facebook, ha affermato che solo i giganti della tecnologia come Google o Amazon potrebbero affrontare la sfida di gestire uno degli enormi servizi globali di Meta.

Ha detto a The Sun:

“Anche se c’è una crescente richiesta di scioglimento di Meta, la realtà è che sarebbe più difficile farlo di quanto chiunque possa immaginare. Negli ultimi cinque anni circa, Meta ha spinto dietro le quinte per avvicinare Facebook, Instagram e WhatsApp. Anche se sembrano tutti simili agli utenti, è stato reso più facile per gli inserzionisti e le aziende indirizzarci attraverso un unico portale. Dio solo sa come potresti tecnicamente svelare questi servizi ora molto collegati”.

Ha aggiunto che Meta è diventata un’azienda abbastanza unica in quanto è stata costruita attorno allo sviluppo, alla gestione e al mantenimento di molti dei servizi online più trafficati del mondo.

“Sarà impossibile per chiunque non abbia le dimensioni di Google, Microsoft, Amazon o Apple fare un giro sulla gestione di servizi globali essenziali come questi”, ha detto Guyatt.

“E quando le piattaforme vanno male, le persone vanno altrove rapidamente.”

Spiegazione del caso antitrust di Facebook

La US Federal Trade Commission è stata in missione per anni per separare Instagram e WhatsApp da Meta.

Martedì un giudice federale ha stabilito che il caso antitrust rielaborato dalle autorità di regolamentazione statunitensi contro Meta può andare avanti, affermando che la denuncia era più solida e dettagliata rispetto alla versione negata l’anno scorso.

La FTC ha affermato che il gigante dei social media detiene un monopolio illegale acquisendo potenziali concorrenti che ora possiede come Instagram e WhatsApp.

La sentenza del giudice James Boasberg è un duro colpo per Facebook, che l’anno scorso ha dovuto affrontare un nuovo controllo dopo che un informatore ha fatto trapelare documenti che mostravano che i dirigenti sapevano il danno che i loro servizi potevano causare agli adolescenti, alla democrazia e al benessere degli utenti.

La FTC “potrebbe benissimo affrontare un compito arduo lungo la strada per dimostrare le sue accuse”, ma il caso non verrà archiviato, ha stabilito Boasberg, che l’anno scorso ha respinto la causa originale.

La sua sentenza martedì ha negato la spinta di Facebook, che non ha risposto a una richiesta di commento, per respingere anche la denuncia rielaborata.

Leggi anche:

“La Commissione continua ad affermare che Facebook ha da tempo il monopolio del mercato… e che ha illegalmente mantenuto tale monopolio”, ha scritto Boasberg.

“I fatti che questa volta sostengono per rafforzare quelle teorie, tuttavia, sono molto più solidi e dettagliati di prima”, ha aggiunto.

Il giudice ha anche respinto l’argomento di Facebook secondo cui il caso dovrebbe essere archiviato perché la decisione della commissione di modificare e re-archiviare è stata alimentata da un pregiudizio contro la società da parte della presidente dell’FTC Lina Khan.

Quella contesa ha mancato il bersaglio, ha ragionato il giudice, perché Khan è un pubblico ministero, non un giudice vincolato alla neutralità.

“In definitiva, se la FTC sarà in grado di dimostrare il suo caso e prevalere in un giudizio sommario e in un processo è una supposizione di chiunque”, ha affermato il giudice nella sentenza.

Nella denuncia modificata, la FTC ha affermato che il dominio di Facebook “è protetto da elevate barriere all’ingresso”.

L’agenzia ha aggiunto che “anche un concorrente con un prodotto superiore non può avere successo contro gli effetti di rete travolgenti di cui gode un social network personale storico”.

La causa, che potrebbe richiedere anni per passare in tribunale senza un accordo, chiede al tribunale di ordinare la “dismissione di beni”, inclusi WhatsApp e Instagram, per ripristinare la concorrenza.

Boasberg ha affermato nella sua sentenza di licenziamento dell’anno scorso che la causa iniziale dell’agenzia mancava di prove, in particolare nella definizione del mercato che Facebook avrebbe monopolizzato.

Uno scenario molto probabile

Negli ultimi anni la piattaforma social di Mark Zuckerberg ha subito così tante accuse e cause legali che porterebbe chiunque a perdere la pazienza e abbandonare la nave. Lui però è sempre lì, pronto a ripartire anche cambiando nome e non avendo paura di metterci la faccia. 

Zuckerberg però non potrà cadere sempre in piedi e questa volta l’affar è passato in mano ai federali che di certo non hanno la mano leggera. Non dimentichiamo inoltre che verso la fine di febbraio verrà lanciato Truth, il social network di Donald Trump che molto probabilmente darà un colpo di grazia al gruppo Facebook. 

Ebbene si, dopo tanti KO, sembra davvero arrivato il momento dell’epilogo della piattaforma sociale più discussa di sempre.

Fonte

Ti potrebbe interessare:
Segui guruhitech su:

Esprimi il tuo parere!

Credi che la fine di Facebook sia davvero vicina? Lascia un commento nell’apposita sezione che trovi più in basso e se ti va, iscriviti alla newsletter.

Per qualsiasi domanda, informazione o assistenza nel mondo della tecnologia, puoi inviare una email all’indirizzo [email protected].

Che ne pensi?
+1
0
+1
3
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0
+1
0

Condividi l'articolo



Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

0 0 votes
Article Rating

Rispondi

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stai visitando il sito con Adblock In questo modo rendi inutile il mio lavoro. Se ci tieni al nostro futuro, per favore disabilita Adblock!
You are visiting the site with Adblock (This will make my work useless). If you care about our future, please disable Adblock!

Clicca con il tasto destro del mouse sull’icona di uno di questi Adblock del tuo browser…

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è adb-2.jpeg

…e disabilitalo come da esempio:

Aggiornando la pagina ora potrai navigare liberamente su guruhitech.com. Grazie! 🙂

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x